If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

26 luglio 1941, ottant’anni fa l’attacco a Malta: il sacrificio di Teseo Tesei

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO

parole: Malta, X MAS, Teseo Tesei 

 

E’ con piacere che pubblichiamo un articolo di Tiziano Ciocchetti, apparso originariamente su DIFESAONLINE, sull’attacco a Malta che avvenne 80 anni fa da parte dei reparti navali e subacquei della X Flottiglia MAS. Sebbene l’articolo si centri sulla figura di Teseo Tesei, colgo l’occasione per ricordare, che dei diretti partecipanti all’incursione solo 11 naufraghi del MAS 452, riuscirono a raggiungere l’Avviso Diana al largo di Capo Passero, e da lì Augusta. Un’azione eroica per la quale furono conferite il maggior numero di Medaglie d’oro al Valor militare (1 a vivente e 8 alla memoria) in un’unica missione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Operazione-Malta-2.png

Il vicegovernatore di Malta, sir Edward Jackson, ricordando l’episodio scrisse: “Nel luglio scorso gli italiani hanno condotto un attacco con grande decisione per penetrare nel porto, impiegando MAS e “siluri umani” armati da “squadre suicide” (…). Questa impresa ha richiesto le più alte doti di coraggio personale“.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CLAUDUS-SAN-ELMO.jpg

l’esplosione dl ponte di San Elmo alla Valletta

26 LUGLIO 1941, ATTACCO A MALTA: IL SACRIFICIO DI TESEO TESEI … scritto da Tiziano Ciocchetti

L’isola di Malta – nella narrazione post bellica della Seconda Guerra Mondiale – rappresenta una sorta di roccaforte inespugnabile, capace di frustrare i tentativi di rifornimento navale dell’Afrika Korps, impegnato in una lotta mortale contro le forze del Commonwealth in Nord Africa. Eppure, almeno fino alla primavera del 1941, Malta non rappresenta alcuna minaccia alle vie di comunicazione tra l’Italia e la Libia. La situazione cambia radicalmente in seguito allo spostamento di forze aeree italo-tedesche sul fronte greco, che si sarebbe allargato, poi, a tutta la penisola balcanica. Inoltre, il X Corpo Aereo della Luftwaffe, si stava mobilitando per l’imminente invasione dell’Unione Sovietica (22 giugno 1941), quindi aveva dovuto diminuire sensibilmente la sua presenza nel Mediterraneo meridionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Andrew_Cunningham_1947-768x1024.jpg

l’ammiraglio Andrew Cunningham

Visto l’alleggerimento della minaccia delle forze aeree dell’Asse, il comandante della Mediterranean Fleet, l’ammiraglio Cunningham, decide di dislocare a Malta quattro cacciatorpediniere. Dopo i primi successi contro il naviglio italiano, Cunningham si convince di mandare nell’isola una divisione leggera composta da incrociatori e caccia (avvalendosi di radar), per attaccare i convogli carichi di rifornimenti destinati alle truppe italo-tedesche in Libia. Successivamente viene stanziata a Malta un’intera divisione di incrociatori leggeri e una flottiglia di cacciatorpediniere: una seria minaccia per il naviglio impiegato per il rifornimento delle forze dell’Asse in Nord Africa. Tale minaccia preoccupa non poco SUPERMARINA, e il cambiamento strategico nel Mediterraneo meridionale emerge in tutta la sua drammaticità nella notte tra il 15 e il 16 aprile 1941, quando quattro cacciatorpediniere della Royal Navy attaccano il convoglio Tarigo distruggendolo completamente.

Dopo questo tragico evento, gli analisti di SUPERMARINA, si convincono che Malta sarebbe diventata la base di partenza di unità di superficie veloci che avrebbero attaccato in modo sistematico i convogli diretti in Africa settentrionale. Sintomatico il promemoria n.65 S/RRP emesso da SUPERMARINA: “si impone l’aumento di agguati di nostri sommergibili nelle acque che circondano l’isola e anche, campi minati permettendolo, all’interno di quelle più prossime ai suoi accessi portuali, le stesse dove dovrebbero operare con maggiore e più costante frequenza nostri mezzi insidiosi”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Raffaele_De_Courten_official.jpg

ammiraglio Raffaele De Courten

Dopo qualche giorno la diffusione del promemoria, l’ammiraglio Raffaele De Courten, responsabile dei mezzi d’assalto, contatta il comandante della X Flottiglia MAS, Vittorio Moccagatta, per ordinargli la pianificazione di una incursione dei mezzi d’assalto contro Malta. L’isola costituisce un obiettivo di estrema difficoltà, soprattutto per il superamento delle ostruzioni e per i sistemi difensivi presenti sulla costa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Tesei-e-moccagatta.png

Il comandante della X Flottiglia MAS, Vittorio Moccagatta, in data 26 aprile 1941, invia a De Courten una comunicazione riservata in cui illustra le possibilità operative per condurre l’attacco a Malta. Nella relazione, Moccagatta, individua negli MT (Motoscafo Turismo) gli unici mezzi in grado di eludere il sistema difensivo dispiegato a La Valletta, precisando, tuttavia, l’impossibilità di un’azione di sorpresa, viste le dimensioni dell’ingresso del porto. Caldeggiando quindi l’ipotesi un’azione di forza, con l’impiego di almeno otto MT, di cui tre o quattro sacrificati per la distruzione delle ostruzioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Italian_E-boat_26_July_1941.png

MT italiani

Nonostante le perplessità sulla missione, espresse dagli ambienti di SUPERMARINA, la X Flottiglia MAS viene autorizzata a procedere nella pianificazione. Per verificare in maniera appropriata il sistema di sbarramenti che difendono l’obiettivo, Moccagatta invia, il 25 e il 28 maggio, due MAS in ricognizione esplorative delle coste maltesi, senza comunque acquisire elementi in grado di agevolare la missione. Viste le scarse informazioni acquisite, SUPERMARINA decide di posticipare l’attacco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è attaccco-a-malta-MT-36-lug-1941-682x1024.png

l’attacco degli M.T. contro la Valletta: la direttrice in nero indica il piano studiato; quelle colorate indicano le evoluzioni dei barchini davanti al viadotto di Sant’Elmo ed i punti di affondamento – fonte USMM Vol. XIV I mezzi di assalto ediz. 1972

Il 26 giugno i MAS 451 e 452 compiono una nuova ricognizione, arrivando fino a circa un miglio e mezzo dalla costa maltese. Dalle informazioni ottenute si decide di procedere nell’attuazione dell’operazione. Il 30 giugno, dalla base di Augusta, salpa una formazione navale ma una serie di avarie ai mezzi costringe SUPERMARINA all’annullamento della missione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è teseo-tesei-e1549389057666.jpg

maggiore del Genio Navale Teseo Tesei, il padre degli S.L.C.

A luglio, comunque, ricominciano i preparativi con un nuovo piano d’attacco. A questo punto entra in scena il maggiore del Genio Navale Teseo Tesei, il padre degli S.L.C. (Siluri a Lenta o Lunga Corsa). Questi riesce a convincere Moccagatta ad inserire nell’operazione, a fianco degli MT, anche gli SLC.. Quindi, contro Malta, si sarebbe svolta un’operazione combinata, rendendola con ciò ancora più complessa e rischiosa.

Perché Moccagatta accetta di modificare il piano (in quello originale gli S.L.C. erano stati scartati per l’impossibilità di inserimento con i sommergibili a causa della scarsa conoscenza dell’ubicazione delle mine nemiche) e accetta le richieste di Tesei? 
Credo che a tal proposito siano illuminanti le parole dell’ammiraglio Virgilio Spigai: “Teseo Tesei riuscì a far accogliere anche la propria idea di partecipare alla spedizione con semoventi subacquei che erano stati esclusi dai progetti primitivi, contemplanti solo l’impiego dei barchini esplosivi: Spaventosamente provato nel fisico dalle prove superate nel dramma dell’Iride e nella seconda spedizione dello Scirè contro Gibilterra, dichiarato idoneo per sei mesi al servizio di sommozzatore per grave vizio cardiaco, egli voleva bruciarlo, quel resto di cuore che gli restava, in una memorabile impresa da eroe… Non era più padrone che del resto dei resti della sua originale possente salute. I superiori non osarono impedirgli di spenderlo in modo degno. Così fu deciso che anche due semoventi partecipassero alla spedizione, che risultò terribilmente complessa.

La spiegazione di Spigai getta una luce su un’incursione che rappresenta, senza ombra di dubbi, un chiaro fallimento tattico. Il 23 luglio, la ricognizione aerea della Regia Aeronautica segnala una forte presenza di naviglio nemico a Malta: è l’occasione attesa per lanciare l’attacco.

Il giorno X è fissato per il 26 luglio 1941. La sera del 25 luglio la formazione navale lascia Augusta diretta verso Malta. Ovviamente, né a SUPERMARINA né al comando della X Flottiglia sono a conoscenza della presenza dei radar, i quali annullarono l’effetto sorpresa dell’attacco e mise gli Inglesi nella condizione di tendere una sorta di agguato ai mezzi italiani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Alcide_Pedretti.jpg

Alcide Pedretti

Tralasciando le vicende degli altri componenti della missione, ci soffermeremo sul crollo del ponte di Sant’Elmo che è direttamente collegato alla scomparsa di Teseo Tesei e del suo secondo, Alcide Pedretti. Dal rapporto del tenente di vascello Costa, pilota di uno degli SLC: “alle 4,30 esatte la rete doveva saltare perché ciò era previsto nelle operazioni di insieme, combinate anche con un contemporaneo attacco aereo che avrebbe dovuto mascherare l’esplosione della rete.

Tesei, in quella circostanza, mi ha detto le seguenti parole che valgono a testimoniare, mediante la mia deposizione, la fede e il coraggio di tale ufficiale, portati fino al sacrificio [presumo che non farò in tempo altro che a portare a rete il mio SLC. Alle 4,30 la rete dovrà saltare e salterà. Se sarà tardi spoletterò al minimo]. Egli partiva alle 3,45 circa. Non ha potuto avere il tempo di arrivare a rete per eseguire le operazioni di spolettamento con un conveniente anticipo per allontanarsi dalla zona di esplosione. Alle 4,45 ho udito lo scoppio. Il maggiore Tesei ha volutamente, per la riuscita dell’azione, sacrificato la sua vita, con quella del suo secondo uomo che con lui ha voluto eseguire la missione fino alla fine, spolettando al minimo e saltando con il suo ordigno“.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è malta-san-elmo.png

Il Ponte di San Elmo dopo il crollo dovuto all’esplosione

Sulla fine di Teseo Tesei, e del suo secondo, Alcide Pedretti, permangono seri dubbi, visto che la spolettatura dei maiali era generalmente regolata a 30 minuti, in modo da permettere agli assaltatori di allontanarsi dal luogo dell’esplosione. È da escludere, quindi, una volontaria deflagrazione della carica esplosiva.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mas-452.png

Dei due MAS partecipanti all’attacco, il 451 affondò mentre il 452 fu catturato dagli inglesi mentre ripiegavano verso la Sicilia subito dopo la conclusione dell’attacco  a Malta. Il capitano di fregata Moccagatta venne ucciso insieme a molti membri dell’equipaggio del MAS 452 dalle raffiche di mitragliatrice di un caccia Hurricane. Nel 1960, Nave Proteo riportò in patria i resti di Vittorio Moccagatta, Giorgio Giobbe , Giobatta Parodi, Bruno Falcomatà, Leonildo Zocchi, Luigi Costantini, Vincenzo Montanari, Federico Fucetola che furono sepolti nel sacrario militare di San Michele nei pressi di Cagliari.

Negli anni ‘50 dello scorso secolo – ad opera dell’esperto navale Joseph Caruana – venne ripescato il relitto di un S.L.C., ancora munito della testa esplosiva, portato poi sfortunatamente ad affondare in alti fondali, insieme ad altri residuati bellici rinvenuti in vicinanza della costa.

Le conclusioni più veritiere sembrano essere ancora una volta quelle di Spigai: “risulta…accertato in sede tecnica che la regolazione minima delle spolette degli apparecchi era di 30 minuti. Anche regolando al minimo, l’operazione avrebbe dovuto avere tempo sufficiente per sottrarsi all’effetto dell’esplosione. E allora? Poiché l’apparecchio risulta certamente distrutto si deve pensare che il pilota sia stato colto da malore sulle ostruzioni oppure ucciso per lo scoppio di cariche diverse da quella del suo apparecchio? “. Mistero.

Io ritengo inutile indagare troppo su come si svolsero i fatti. Teseo Tesei è un eroe chiamato dal destino della sua vocazione alla gloria umana e alla pace del Cielo.

Tiziano Ciocchetti

articolo pubblicato in origine su www.difesaonline.it

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 372 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »