Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Il ruolo dell’ossigeno: intervista al Prof. Simon Mitchell, parte 5

Reading Time: 4 minutes

.

livello medio

.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO 
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Mitchell, Di Ruzza,

 

Ed ora arriviamo ad un argomento sempre di interesse per molti. Ci sono novità sulla tossicità dell’ossigeno? 
Anche questa è una buona domanda. Recentemente abbiamo pubblicato un lavoro di un israeliano, Ran Arieli, che si interessa da anni alla tossicità dell’ossigeno e che ha presentato un nuovo algoritmo per la previsione del rischio. La tossicità dell’ossigeno è in realtà una delle mie più grandi paure. Io non sono così preoccupato dalla decompressione, direi ovviamente che sono impensierito dagli aspetti decompressivi, ma la cosa che sento di più, solo perché è meno prevedibile e meno controllabile, è la tossicità dell’ossigeno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_1182-corr-1024x768.jpg

Se hai una crisi epilettica sott’acqua è probabile che finisca male e la cosa frustrante di questo particolare argomento sono i limiti NOAA originali sui quali tutti vengono istruiti nei corsi nitrox. In realtà non c’è assolutamente alcuna evidenza dimostrata, non esiste un database dell’esposizione. È solo un’ipotesi approssimativa e prudenziale sulla quale dovrebbe essere stabilito il limite. Il problema che troviamo nell’immersione tecnica è che è praticamente impossibile fare alcune immersioni avanzate e attenersi a quei limiti. Mi riferisco all’oxygen clock al 150%, 200%, 300%. Non c’è niente che tu possa fare al riguardo. Se vuoi fare quelle immersioni non puoi evitarlo. L’esperienza ci dice che molte persone lo stanno facendo e abbiamo visto che hanno pochissimi problemi. Penso che la cosa fondamentale è che quando ci esponiamo a quelle percentuali di oxygen clock molto elevate, generalmente, siamo almeno nella fase decompressiva di un’immersione, ovvero verso la fine di una lunga immersione.

Il valore CNS (abbreviazione di Central Nervous System Oxygen Toxicity) è una misura di quanto tempo sei stato esposto a pressioni parziali elevate di ossigeno (PPO2) come percentuale di un tempo di esposizione massimo consentito. All’aumentare della PPO2, il tempo di esposizione massimo consentito diminuisce. In pratica è la dose totale, non la PPO2 che determina il tuo fattore di rischio. 

Quindi, siamo fermi in una sosta decompressiva, senza fare nulla. La cosa importante da ricordare per le persone è che la tossicità dell’ossigeno non è solo un semplice prodotto della pressione e del tempo di esposizione all’ossigeno, ma ci sono altri fattori di rischio che sono davvero importanti e uno di questi è il livello di anidride carbonica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_4506-1024x768.jpg

Se il tuo livello di CO² è alto corri un rischio molto maggiore. Questo è quasi certamente il motivo per cui le persone corrono un rischio maggiore in immersione piuttosto che quando sono, ad esempio, in una camera iperbarica. In una camera iperbarica sei seduto e non fai nulla, mentre in immersione si presuppone che tu stia facendo un esercizio e quindi c’è un rischio molto reale di avere livelli di anidride carbonica un pò elevati.  Questo incrementa il rischio della tossicità dell’ossigeno.

Quello che non vogliamo fare, alla fine di una lunga immersione tecnica con una alta percentuale di ossigeno (ad esempio del 200%) è eseguire qualsiasi sforzo; dobbiamo solo rilassarci, respirare correttamente, non accumulare anidride carbonica. Questo è un consiglio davvero importante. Abbiamo fatto un piccolo studio all’atollo di Bikini, alcuni anni fa, dove abbiamo misurato i livelli di anidride carbonica nei subacquei che riposavano durante la decompressione e abbiamo scoperto che quando lo fai non hai alte concentrazioni di anidride carbonica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6338-1024x575.jpg

Questo fatto l’ho trovato molto rassicurante. Quando sei fermo a riposo in decompressione nelle soste poco profonde non sembra che tu stia accumulando anidride carbonica e questo è importante perché è il momento in cui di solito si hanno queste percentuali molto elevate [di oxygen clock].

Lo abbiamo pubblicato su Aviation Space Environmental Medicine, ed è ormai pubblico. La tossicità dell’ossigeno è un problema reale e il dubbio è che non abbiamo un ottimo modo per prevederla perché l’oxygen clock non è molto valido. Devi insegnare qualcosa ai principianti, ma una volta che inizi seriamente questa attività, incontri inevitabilmente situazioni in cui sei ben al di sopra delle percentuali che dovresti avere.

Fine parte 5 – continua

Paolo di Ruzza

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.
.

PARTE I PARTE II PARTE III

PARTE IV PARTE V PARTE VI

PARTE VII PARTE VIII PARTE IX

PARTE X

print

(Visited 1.069 times, 2 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli per tutti

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli specialistici

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x