If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Studiamo gli abissi degli oceani

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Fondi abissali

 

Da oltre quattro ore due uomini sono rinchiusi in una sfera di poco più di due metri di diametro appesa sotto ad un imponente serbatoio pieno di benzina. La benzina però non serve da carburante ma da galleggiante.  Gli uomini sono Jacques Picard e Don Walsh e la sfera è la cabina del batiscafo Trieste, diretto verso l’abisso Challenger nella Fossa delle Marianne.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Bathyscaphe_Trieste-sw.jpg

I serbatoi di galleggiamento erano alloggiati nella fusoliera a forma di sigaro. Nella parte inferiore del galleggiante è possibile vedere la sfera d’acciaio in cui erano alloggiati i due membri dell’equipaggio. Photo credit: dominio pubblico

Dopo una lunghissima discesa finalmente l’ecoscandaglio di bordo indica l’avvicinarsi del fondo, il pilota rilascia una parte della zavorra per rallentare la velocità del batiscafo che si arresta dolcemente sul fondo a quasi 11,000 metri di profondità. È il 23 gennaio del 1960.

L’oscurità è totale, interrotta solo dal freddo cono di luce generato dalle lampade del batiscafo. Attraverso il piccolo oblò di cui la sfera è dotata i due esploratori osservano un paesaggio al tempo stesso monotono ed eccitante. Monotono perché costituito da un fondale fangoso praticamente privo di caratteristiche salienti, eccitante perché questo luogo è l’abisso più profondo del pianeta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è batiscafo-trieste-esploratori.jpg

Batiscafo “Trieste” immersione nella Fossa delle Marianne (10.898 metri), 23 gennaio 1960

Se potessimo rimuovere tutta l’acqua degli oceani, scopriremmo una morfologia del fondale molto articolata con pianure, valli, montagne e precipizi. Il livello batimetrico (ossia la profondità) degli oceani si divide in tre settori principali: il livello attuale della costa, il livello generale dei fondali (5000 metri di profondità) e le fosse abissali profonde (oltre i 10000 metri di profondità). 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è abissi-caramanna-3.jpg

Mappa dei fondali oceanici

Una delle strutture più importanti dei fondali oceanici è rappresentata dalle dorsali medio-oceaniche, una lunga catena di rilievi che attraversa gli oceani della terra; la cresta delle montagne ospita una profonda valle dalla quale viene spesso emessa lava basaltica che, a contatto con la fredda acqua del fondo (attorno ai quattro gradi Celsius) si solidifica rapidamente formando dei depositi caratteristici  chiamati “lave a cuscino”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lava-a-cuscino-abissale.jpg

lava a cuscino tipica della piane abissali

La continua fuoriuscita di lava genera un nuovo fondo oceanico che va a compensare quello perduto nelle zone di subduzione, Dove le placche oceaniche scivolano sotto quelle continentali o sotto altre placche oceaniche lungo il perimetro di quelli che sono definiti archi vulcanici, identificati da una serie di isole vulcaniche che emergono dal mare.

Una tipologia particolare di isole vulcaniche è rappresentata dagli atolli. Il meccanismo di formazione di tali strutture venne ipotizzato da Charles Darwin; in questo caso, un vulcano sottomarino si accresce fino a formare in superficie un’isola. Una volta che l’attività eruttiva termina, l’erosione inizia a demolire le strutture emerse e la subsidenza inizia a far sprofondare l’isola nel mare. Se l’isola si trova in mari tropicali i coralli iniziano a colonizzare la sommità, ormai sommersa. La continua crescita dei coralli compensa la subsidenza, creando una tipica struttura ad anello con all’interno una laguna in generale di modesta profondità e all’esterno una ripida scarpata che raggiunge il fondo dell’oceano. La teoria è stata confermata quando trivellazioni attraverso i coralli hanno identificato rocce basaltiche alla loro base.

In altri casi la sommità della struttura rimane sommersa e questo origina i “sea mount” (una bella immagine ricostruita dagli oceanografi del WHOI la vedete in anteprima). Questi monti sottomarini creano forte turbolenza con formazione di correnti anche molto veloci che trasportano una serie di nutrienti che creano condizioni molto favorevoli allo sviluppo di diverse forme di vita.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è abissi-caramanna-2.jpg

Una stella di mare abissale – Photo credit WHOI

In opposizione alle dorsali oceaniche troviamo le fosse abissali, come quella delle Marianne esplorata dal batiscafo Trieste. Esse sono originate dalla subduzione della crosta oceanica che forma delle valli lunghe e relativamente strette, in genere associate con sistemi di isole vulcaniche. Il fondo di queste fosse è ricoperto da uno spesso strato di sedimenti fini continuamente depositati come una “pioggia” sottomarina composta da materia organica ed inorganica. Circa 50 fosse oceaniche sono presenti principalmente nell’Oceano Pacifico. Nonostante le condizioni estreme di questo ambiente abissale diverse forme di vita si sono adattate a viverci nutrendosi del materiale organico che precipita dagli strati superiori dell’oceano.

L’attività vulcanica sui fondali oceanici origina anche aree geotermiche dove fluidi mineralizzati ad altissima temperatura (spesso oltre i 400 gradi Celsius) fuoriescono da dei “camini” che si ergono per decine (ma anche centinaia) di metri dal fondo. Queste vere e proprie oasi sommerse ospitano forme di vita estremamente particolari che si nutrono dei minerali rilasciati dai fluidi, essenzialmente composti dello zolfo, attraverso un processo che è definito chemiosintesi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è abissi-caramanan-4.jpg

Camino geotermale profondo – Photo credit WHOI

In alcune zone della terra, spesso al largo di estesi depositi deltizi fluviali, il fondo marino è attraversato da imponenti canyon, lunghi fino a centinaia di chilometri, con fianchi ripidi e profondità fino a 2000 metri rispetto al margine continentale.

Per molti anni gli scienziati sono rimasti perplessi circa l’origine dei canyon. Quale forza poteva erodere in modo così massiccio il fondo del mare? La risposta è arrivata in modo molto particolare. Nel tempo, infatti, si sono osservate delle rotture dei cavi di trasmissione telefonica sottomarini, spesso in concomitanza con i terremoti. La cosa interessante è che tali interruzioni avvenivano in sequenza. Si è perciò intuito che i cavi venivano spezzati dal movimento di masse di detriti mobilizzati dalle scosse sismiche. In modo simile ad una frana che, scivolando lungo una montagna, travolge quello che incontra. Essendo nota la distanza tra i vari cavi e misurando il tempo delle interruzioni fu possibile calcolare la velocità di queste correnti di detriti. In alcuni casi la velocità raggiungeva i 90 chilometri orari. Sono proprio queste immense, e veloci frane sottomarine a scavare i canyon.

L’ambiente abissale è quindi ben diverso da una semplice piatta distesa di fango ma è invece caratterizzato da una serie di imponenti strutture geologiche che formano un paesaggio particolare ed estremo che tuttavia è stato colonizzato da forme di vita che si sono evolute per sopravvivere in tali condizioni.

Giorgio Caramanna

 

in anteprima: batimetria di un sea mount oceanico realizzata con immagini acustiche
 
 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 201 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Maria pia Maria pia
    07/07/2021    

    Che darei per avere solo la più piccola parte del coraggio di questi grandi uomini..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »