Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Fourni, un’importante scoperta nell’Egeo potrebbe far rivedere molte posizioni sui traffici nell’antichità

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: VII – IV SECOLO A.C.
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: relitti

Mediterraneo da scoprire: i ritrovamenti di Fourni
Un’importante scoperta di un gigantesco cimitero di navi antiche nell’Egeo potrebbe far rivedere molte posizioni scientifiche in merito alle rotte dell’antichità ed alle navi che solcavano quei mari oltre duemila anni fa. Di fatto i media la hanno dichiarata la scoperta archeologica subacquea  più importante del 2015.

mapSailing

Al largo dell’Egeo, nell’arcipelago di Fourni, composto da tredici isolette greche situate tra Samos e Ikaria, a non molta distanza dalla Turchia,  è stato rinvenuto un cimitero di navi di grandi dimensioni. Sono relitti di epoca classica ed ellenistica, databili tra il 700-400 avanti Cristo e il sedicesimo secolo, che terminarono la loro vita in quel braccio di mare esposto alle tempeste ma obbligato per le rotte commerciali dell’epoca. Gli archeologi autori della scoperta (Peter Campbell e George Koutsouflakis) fanno parte di una spedizione mista greco-statunitense, coordinata dall’Università di Southampton, che stava analizzando le antiche rotte navali in quel braccio di mare. La sorpresa per il ritrovamento di un così grande  numero di relitti si aggiunge alla fortuna di aver scoperto un’inaspettata rete commerciale nel Mediterraneo orientale, lontana dai grandi porti dell’antichità e lungo delle rotte non ben conosciute e considerate secondarie.

01greekshipwreck.adapt.1190.1

Penso che siamo rimasti tutti scioccati“, ha dichiarato Peter Campbell, co-direttore del progetto della RPM Nautical Foundation. “Ci aspettavamo tre o quattro relitti, e invece …”. Il numero esatto dei relitti affondati nelle acque circostanti  questo minuscolo arcipelago, tra le isole di Samos e Ikaria. è aancora da scoprire. La spedizione ha ritrovato numerosi vasi di età arcaica (700-480 a.C.) fino al periodo tardo-medievale (XVI secolo d.C.), giacenti sul fondo da una profondità di 55 metri fino a soli tre metri. Il fatto clamoroso è che questa prima spedizione ha esplorato solo diciassette miglia quadrate (circa 44 chilometri quadrati) di quella zona di mare ovvero solo il 5% della costa dell’arcipelago. Gli archeologi hanno ribadito che in passato si era a conoscenza di 180 relitti antichi in tutte le acque greche per cui questo ritrovamento di ventidue relitti, aggiungendo il 12 per cento del numero totale dei relitti conosciuti, può essere considerato tra le scoperte archeologiche subacquee più importanti del 2015. 

02greekshipwreck.ngsversion.1446389329591.adapt.676.1Ciò che ha sorpreso maggiormente gli archeologi è la varietà dei carichi trasportati: non solo ceramiche (come anfore, piatti o orci) ma anche materiale preziosissimo di studio che potrebbe fornire maggiori notizie sulle soluzioni ingegneristiche navali dell’epoca. Ora gli archeologi sono al lavoro per creare una mappa a tre dimensioni del sito. Man mano che le navi verranno riportate in superficie i reperti saranno collocati nei musei per il loro restauro e gli studi. Insomma l’avventura è incominciata e le sorprese sono dietro l’angolo.

Ma come è nata l’idea di questa spedizione?
Generazioni di pescatori locali, raccoglitori di spugne, erano al corrente dei resti copiosi di ceramiche antiche sparsi sul fondo marino. Gli archeologi pianificarono quindi una missione per meglio comprendere il traffico mercantile dell’antichità in quell’area geografica tra oriente e occidente. Il team subacqueo della spedizione, proprio il primo giorno, ritrovò con grande sorpresa i resti di una nave tardo romana in acque poco profonde, ma le sorprese erano dietro l’angolo. Nei cinque giorni seguenti furono ritrovate altre nove navi affondate e quindi altre sei. In pratica, nelle due settimane di campagna archeologica i ricercatori subacquei identificarono i resti di ben ventidue relitti.

Fourni, recupero di un anfora africana nel 2017

 

George Koutsouflakis, della Soprintendenza alle Antichità subacquee greche, ha dichiarato alla rivista Science: “Sapevamo che Fourni era un centro in navigazione nel Mar Egeo, così ci aspettavamo qualche ritrovamento, ma i risultati ci hanno sorpresi.

Giorgos_Koutsouflakis

George Koutsouflakis

L’importanza di questo luogo nell’antichità è stata sottovalutata“. Anche se nell’antichità Fourni non ospitò città di primaria importanza, era comunque conosciuta nel mondo antico per la sua posizione strategica lungo le rotte di attraversamento del Mar Egeo. Le fonti imperiali romane narrano che Fourni era molto prospera con una popolazione numerosa ed aveva delle  miniere di marmo che veniva esportato in tutto il Mediterraneo. “Del periodo tardo romano non sappiamo nulla … “, ha aggiunto Koutsouflakis. “Fourni era appena accennata nelle fonti di quel tempo.” Finora, i relitti ritrovati portano poche tracce degli scafi delle navi essendo i loro legni andati in decomposizione, ma futuri scavi subacquei,  al di sotto del sedimento,  potrebbero portare nuove sorprese. Il fango potrebbe avere preservato le strutture dall’attacco “famelico” dei litofagi e dall’effetto distruttivo del moto ondoso, in particolare sui bassi fondali. Ciò che ha intrigato gli archeologi sono stati i cumuli di reperti disordinatamente distribuiti sul fondo provenienti dai carichi delle antiche navi da trasporto.

LiveLeak-dot-com-21f_1446081933-shipwreck-4-amphora-V-Mentogianis_1446082306.jpg.resized
Peter Campbell ha detto che dei ventidue relitti, tre hanno carichi “unici” ovvero che non sono mai stati trovati prima in relitti mediterranei: un tesoro di pentole da Samos,  un gruppo di enormi anfore del II secolo d.C. provenienti dalla regione del Mar Nero ed altre anfore a forma di carota provenienti da Sinop (a sinistra), sulla costa del Mar Nero della Turchia. Koutsouflakis e Campbell hanno dichiarato che intendono ritornare presto a Fourni con robot subacquei ed altre tecnologie per la ricerca dei relitti in modo da poter pianificare i futuri scavi subacquei ottimizzando le risorse. Ma non è finita qui. Altri ventitré relitti sono stati scoperti a giugno 2016, portando il totale a 53 relitti con l’aggiunta di altri 8 nel giugno 2017. Il progetto continua a lavorare a stretto contatto con la comunità locale, in particolare con i pescatori di spugne, per individuare e documentare i relitti. Ed ora un breve  video sul ritrovamento …

 

Andrea Mucedola

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

print

(Visited 802 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »