Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Cenni sui fenomeni delle esplosioni subacquee e sulla progettazione dei sistemi di protezione passiva

Reading Time: 6 minutes

.

livello medio

.

ARGOMENTO: ARCHITETTURA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: architettura navale, resistenza alle esplosioni, strutture,

 

In questa breve sintesi sull’argomento mi rifarò alle sempre validissime lezioni degli anni’60 del Generale Ispettore del Genio Navale Italo Battigelli e del Colonello G.N Gaspare Puleo

Innanzitutto, l’esplosione di una carica subacquea può avvenire sia a contatto dello scafo, per effetto dell’innesco di un ordigno navale, sia ad una determinata distanza “utile” dal bersaglio per effetto dell’attivazione di sensori di prossimità (ad esempio magneto, acustici, pressori o una loro combinazione) causata dalla variazione di questi parametri fisici che la nave o un sommergibile, transitando, provoca nell’ambiente marino.

Nel primo caso, in genere a causa dell’urto di un siluro o di un ordigno) avviene lo sfondamento del fasciame e delle relative strutture di sostegno, con conseguente allagamento dei locali retrostanti e danni diretti e indiretti (dovuti sia agli allagamenti sia all’onda di pressione). L’esplosione a distanza dello scafo determinerà invece deformazioni o rotture alle lamiere nella zona interessata (anche fatali), e potrà mettere fuori uso importanti servizi della nave (sistemi di bordo). Ovviamente fra questi due estremi vi è un numero illimitato di casi intermedi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-tripoli-ztruck-by-a-mine.jpg

USS Tripoli attivò una mina da fondo irachena nel golfo Persico … notate gli effetti dell’esplosione che creò uno squarcio di 16 per 20 piedi nello scafo della nave. Dopo 20 ore la nave venne stabilizzata e fu in grado di riprendere le operazioni. Tuttavia i suoi serbatoi di carburante JP5 furono danneggiati e non potette utilizzare i suoi Seadragons MH-53E a causa della mancanza di carburante. 

Una progettazione tutt’altro che semplice
Per quanto sopra nella progettazione di una nave militare, sono svolti studi per determinare quale sistema di protezione sia più efficace e compatibile con gli altri parametri di disegno. L’ingegnere navale per l’effettuazione dei suoi calcoli ipotizza quindi:
 – il peso e il tipo della carica esplosiva;
 – la posizione del centro di gravità dell’arma;
 – l’ingombro le caratteristiche della traiettoria del siluro o la posizione della mina rispetto al livello dell’acqua.

Tutti questi elementi determinano i valori dell’energia cinetica, della pressione e dell’impulso che sono necessari per studiare la difesa subacquea della nave. Inoltre, vengono presi in considerazione il tipo di esplosivo e la distanza di esplosione dallo scafo.

Il fenomeno dell’esplosione subacquea
Quando si produce la detonazione di una carica esplosiva si genera un’onda di detonazione, praticamente sferica, che si propaga radialmente alla velocità di circa 6000 m/s in un tempo valutabile in pochi micro secondi. In particolare, a seguito della detonazione, l’esplosivo si trasforma in gas, raggiungendo la pressione di oltre 50.000 atmosfere e temperature superiori a 3800°. Nel momento in cui l’onda di detonazione raggiunge la zona di contatto tra carica e acqua, produce l’onda d’urto che trasmette al liquidò circostante la maggior parte dell’energia sviluppata nell’esplosione.

Senza voler entrare in dimostrazioni e calcoli, sempre nemici di una sana divulgazione, è sufficiente comprendere che la pressione che si genera nell’acqua intorno alla carica (immaginatevi una sorta di bolla sferica) è proporzionale al valore risultante dalla seguente equazione, chiamato fattore di shock

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fattored-di-shock-2.jpg

dove C è il peso della carica e r il suo raggio. Il gas generato dall’esplosione continua a dilatarsi sotto forma sferica fino a che non raggiunge e supera la pressione di equilibrio rispetto a quella dell’acqua circostante.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fattore-di-shock-poddighe.jpg

E’ in questo breve periodo che l’onda del gas trasmette all’acqua circostante tutta la sua energia distruttiva. Il raggio della bolla sferica, raggiunto il suo massimo valore in relazione all’equilibrio delle pressioni, tende a diminuire secondo un fenomeno inverso a quello precedente sino a raggiunge un valore minimo. Il fenomeno quindi si ripete in misura decrescente e la bolla di gas esegue così una serie di oscillazioni. Queste pulsazioni sì annullano quando tutta l’energia della bolla è dissipata o quando raggiunge la superficie del mare. I vari centri di pulsazione seguono una traiettoria nell’acqua che determina il moto di migrazione del fenomeno esplosivo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è migrazioen-onda-durto-Battigelli-Poddige.jpgQuesto movimento. in acqua ferma, dovrebbe teoricamente seguire la verticale verso il libero livello, ma in pratica è influenzato da un numero di fattori come il tipo di carica esplosiva, la temperatura dell’acqua, la presenza di ostacoli, il passaggio di navi in superficie, la presenza di ostacoli, la vicinanza del fondo, il moto ondoso e le correnti.

Quando l’esplosione avviene in vicinanza del fondo si genera un effetto di riflessione che si traduce in una concentrazione di energia sull’acqua soprastante. Tutte le ricerche teoriche o sperimentali hanno condotto a una sufficiente conoscenza dei fenomeni che caratterizzano l’esplosione. All’inizio del fenomeno esplosivo si verifica la creazione di un’onda di shock e ciò avviene quando l’onda di detonazione dell’esplosivo incontra l’acqua circostante. Il valore massimo della pressione si raggiunge in un periodo inferiore al microsecondo quindi la pressione decresce secondo una curva determinabile matematicamente ricavando curve di pressione utili ai progettisti.

La bolla di gas
Come ho accennato la bolla di gas creata dall’esplosione subisce un certo numero di pulsazioni e si sposta dal punto dell’esplosione con una propagazione radiale. La sua velocità iniziale è molto superiore alla velocità del suono e tende progressivamente verso un valore di 1500 m/s che viene raggiunto normalmente a una distanza di 15 volte il raggio della carica. Per distanze superiori le caratteristiche dell’onda esplosive si mantengono uguali a quelle di una ordinaria onda acustica. Per sperimentare gli effetti delle esplosioni subacquee sulle strutture si fanno quindi delle prove su modelli in scala. Questo tipo di esperimento è normalmente adottato per le esplosioni a contatto con lo scafo mentre per avere qualche elemento di confronto tra le strutture per esplosioni non a contatto con lo scafo ci si deve basare più che altro sul calcolo convenzionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bolla-esplosione-subacquea.gif

Gli effetti delle esplosioni sui modelli sono comunque di difficile interpretazione, nel senso che si dovrebbe misurare anche gli effetti indiretti delle esplosioni dovuti sia alla pressione sugli apparati interni della nave sia agli allagamenti conseguenti alle possibili vie d’ acqua interne allo scafo. Come tutte le esperienze sarebbe opportuno agire con modelli piuttosto grandi per avvicinarsi il più possibile alle reali condizioni. Determinata la struttura relativamente più efficiente, conviene sperimentarla con modelli più grandi e con cariche di maggior peso.

Per confrontare la vera efficienza delle strutture le prove vanno fatte in condizioni severe e costanti, tenendo anche conto della sensibilità dell’innesco, della sua posizione nella carica, della vivacità e forma dell’esplosivo. Semplificando al massimo, e tralasciando pertanto considerazioni sui fenomeni associati come le onde secondarie, la bolla di gas creata dall’esplosione subisce un certo numero di pulsazioni mentre si sposta dal punto dell’esplosione. Le pulsazioni sono dovute ovviamente all’energia contenuta nella bolla e dalla pressione idrostatica locale e questi valori sono legati da una formula che tiene anche conto delle caratteristiche dell’esplosivo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è esplosione-subacquea.jpg

plume (emissione verticale a seguito dell’esplosione in ambiente aereo)

Effetti dell’esplosione
Prima di passare all’esame dei sistemi di protezione subacquea occorre ricordare che in prossimità della superficie del mare gli effetti dell’esplosione sono ridotti. Essi crescono quando:

l’esplosione avviene sotto maggiore battente d’ acqua
con cariche di maggior peso (TNT equivalente)
l’esplosione avviene sotto la chiglia
la distanza dell’esplosione dallo scafo è minore

Gli effetti dell’esplosione si convogliano naturalmente verso l’alto o sfogano verso zone di minor pressione (in quanto zone di minor resistenza).

Considerazioni ingegneristiche
Da quanto precede derivano le seguenti considerazioni per lo sviluppo di sistemi di protezione subacquea:

  • Non conviene opporre una struttura unica rigida di grosso spessore all’azione dell’onda esplosiva perché la prima onda potrebbe lesionarla e quelle successive distruggerla; inoltre la sua rigidezza trasmetterebbe alle strutture retrostanti sollecitazioni molto elevate.
  • Risulta invece più conveniente costruire strutture navali protettive con idoneo acciaio, senza collegamenti eccessivamente rigidi tra di loro, avendo cura che il vano tra la prima struttura e quella retrostante non contengano liquidi in quanto si verrebbe a costituire un sistema a forte inerzia, non deformabile. In questo caso, tenendo conto della incomprimibilità del liquido, l’energia dell’esplosione sarebbe infatti trasmessa quasi integralmente alle strutture retrostanti con effetti devastanti. Altresì è opportuno sistemare i depositi liquidi fra paratie longitudinali più interne per assorbire l’energia residua dell’esplosione (che decresce rapidamente nel tempo e nello spazio).
  • Altro fattore da considerare è la non convenienza a progettare strutture con uguale resistenza secondo tutte le direzioni dell’onda esplosiva. E’ opportuno che le zone con minore resistenza siano verso l’alto, in modo che l’effetto dell’esplosione sia convogliato verso la direzione di minor danno, allontanando, per quanto possibile, il punto dell’esplosione dai locali vitali della nave con l’uso di controcarene,  accentrando verso l’asse longitudinale i servizi più importanti e prevedendo, se possibile, un’adeguata difesa del fondo nave oltre a quella laterale.

Vedremo in un prossimo articolo le possibili soluzioni ingegneristiche per  ridurre gli effetti dell’esplosione.

Gian Carlo Poddighe

per un ulteriore approfondimento si consiglia la lettura del saggio Sistemi di protezione subacquea nella 2^ G.M. PRECEDENTI, SCELTE, TECNOLOGIE ASPETTI COSTRUTTIVI 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 725 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »