Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Volare dopo l’immersione: finalmente fatti, non più teorie

Reading Time: 8 minutes

.
.

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO

AREA: MEDICINA IPERBARICA
parole chiave: DAN Europe, Flying after diving 

 

Nel 2015 si concluse un’importante analisi dei dati raccolti nelle prime campagne di ricerca del progetto “Flying after diving” del Diving Safety Laboratory (DSL) di DAN Europe. I risultati furono per certi versi sorprendenti, tanto da essersi meritati la pubblicazione su “Aviation Space and Environmental Medicine”, una affermata rivista scientifica, sottolineando il livello di professionalità dei medici del DAN Europe guidati dal Professor Alessandro Marroni. Questo articolo, scritto da Stefano Ruia, sebbene del 2015, offre molte informazioni sull’argomento.
.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è subacquea-didattica01-1024x544.jpg

Volare dopo l’immersione: finalmente fatti, non più teorie di Stefano Ruia

Diverse teorie
C’è un prima, c’è un durante – che è ora – e ci sarà un dopo. Nel campo del volo dopo l’immersione, infatti, il progetto “Flying after Diving” del DAN segna lo spartiacque fra la teoria e i fatti.

Prima di questo progetto c’erano diverse raccomandazioni in merito al tempo di attesa, dopo l’immersione, necessario per prendere un aeroplano senza correre grossi rischi che la depressurizzazione in cabina portasse a problemi decompressivi. Tutte erano però solo basate su teorie, nel caso del DAN supportate nell’estensione del tempo di attesa dalla rilevazione di eventi patologici decompressivi realmente accaduti, mentre in altri casi erano basati su un assunto del tipo: abbiamo fatto fino a ora così e sono accaduti pochi problemi, continuiamo quindi così. Chi utilizzava le vecchie tabelle U.S. Navy probabilmente ha vaghi ricordi di dovere attendere l’entrata nel gruppo “D” prima di volare; in certi casi si poteva persino volare subito! Successivamente furono inseriti degli intervalli fissi (24 o 48 ore) a seconda se l’ultima immersione svolta era stata singola o ripetitiva, in curva o fuori curva. Anche fra Operatori Tecnici Subacquei e militari il tempo di attesa prima di salire a bordo di un aereo commerciale varia da 2 ore a 24.

Nel 1989 si svolse il primo workshop “Flying after Diving”, organizzato dalla Undersea and Hyperbaric Medical Society. Le linee guida scaturite dal workshop, a detta del DAN, erano poco restrittive e furono implementate per aumentare la sicurezza. Tuttavia molti operatori protestarono dicendo che tale implementazione danneggiava gli affari dei centri d’immersione posti nelle isole. Dal 1992 al 1999 DANsvolse estesi esperimenti nel F.G. Hall Laboratory presso il Duke University Medical Centre, monitorando più di 500 soggetti in 802 simulazioni di volo. Erano simulazioni perché questi “voli” avvennero in camera iperbarica. Sempre DAN indagò ulteriormente sulla relazione tra rischio di patologia decompressiva e intervallo in superficie prima di volare in uno studio “caso-controllo”, quindi un’analisi del passato su eventi accaduti e non accaduti.

Tuttavia in molti campi della medicina lo studio in laboratorio ha dato e può dare risultati diversi da quelli ottenuti “sul campo”, inoltre alcuni fenomeni non sono ripetibili in laboratorio. La conferma di questa discrepanza si trova in un articolo pubblicato su DAN Europe News n° 3 del 2006, scritto dal Dott. R. Vann – Vice Presidente DAN America Research: «Volare o salire in altitudine dopo avere svolto immersioni multiple per più giorni non può essere oggetto di studio in laboratorio (camera iperbarica)».

Nel 2011, al ritorno da un viaggio di studio alle Maldive, il Dott. Danilo Cialoni e Massimo Pieri, entrambi del nostro dipartimento ricerca (Diving Safety Laboratory), ebbero un’idea affascinante, che coinvolse DAN Europe Research – in particolare il Prof. Alessandro Marroni ed il Prof. Costantino Balestra – in un progetto di ricerca che suonava proprio come una sfida: eseguire delle ecografie cardiache direttamente durante il volo di rientro da un viaggio subacqueo.

Ecografie in volo
La realizzazione di questa sfida era ardua, quasi impossibile, soprattutto a causa d’intoppi burocratici non semplici da superare. Fondamentale, in questo senso, è stato il ruolo dei due partner Albatros Top Boat e Neos Air. Solo per ottenere la specifica certificazione E.M.I. (ElectroMagnetic Interference), necessaria per potere usare l’ecocardiografo durante il volo, tecnici e ricercatori di DAN Europe e partner hanno passato diverse ore di notte all’aeroporto di Milano Malpensa. Alla fine tuttavia la sfida fu vinta e si poteva, per la prima volta, vedere cosa accadesse veramente nel corpo dei subacquei durante un volo. Solo nella prima settimana di ricerca alle Maldive furono registrati più di 4.000 file, cui ovviamente ha fatto seguito un accurato e lungo lavoro di analisi. 

La metodologia di monitoraggio ecocardiografico comprende quattro fasi di controlli. La prima si svolge durante il volo di andata, quando i subacquei non hanno fatto immersioni da almeno 48 ore. Questi primi test sono utili per avere il dato non ancora influenzato dall’esposizione iperbarica e per determinare quella che in gergo si chiama “finestra ecografica”. Un’accurata misura della pressione di cabina ogni 15 minuti è resa possibile dall’utilizzo di un computer d’immersione “iDive Pro” della DiveSystem, altro partner del DSL di DAN Europe.

Nella seconda fase si effettuano ecografie e altri test prima e dopo ogni immersione di tutta la settimana di crociera. Infatti sono ormai organizzate con cadenza regolare specifiche settimane di ricerca sulla bella barca “Duca di York”, non molto dissimili da una normale crociera alle Maldive, ma con una routine scientifica importante: ogni volta che i subacquei escono dall’immersione si recano alla Spa, trasformata per l’occasione in “sala ricerca” e infermeria, e si sottopongono ai diversi controlli.

I profili d’immersione dei subacquei sono stati controllati con computer e scaricati per un loro esame successivo. Tutte le immersioni si sono svolte in curva di sicurezza, mentre le risalite sono avvenute a velocità corrette e includendo sempre la sosta di sicurezza di 3 minuti a circa 5 metri di profondità. Nessun subacqueo ha mai avuto problemi di patologie decompressive. La terza fase di controlli si svolge in aeroporto, dove sono effettuate le ecografie cardiache sui subacquei, subito prima di prendere l’aeroplano, cioè dopo  24 ore di intervallo di superficie dall’ultima immersione.  Nell’ultima fase, che si svolge durante il volo di ritorno, tutti i subacquei sono monitorati tramite ecografie cardiache e doppler esattamente 30, 60 e 90 minuti dopo il raggiungimento da parte dell’aereo della quota di crociera.

L’analisi dei dati
Il progetto di ricerca è stato presentato nel 2013 al convegno annuale della European Underwater and Baromedical Society, ottenendo lo Zetterström Award per il miglior poster scientifico. Alcuni dati rilevati sono facilmente comprensibili: durante i controlli nel volo di andata, per esempio, non è stata osservata alcuna bolla in tutti i subacquei partecipanti allo studio. Sebbene sembri un risultato ovvio, questo controllo va comunque fatto perché costituisce la prova che se si trovano bolle nel volo di ritorno, esse non sono causate dal volo stesso ma dall’effetto combinato delle immersioni e della successiva depressurizzazione in volo.  Altri dati emersi dalle analisi sono inaspettati; per esempio si è sempre pensato che i voli a lungo raggio esponessero un subacqueo a un rischio maggiore rispetto a quelli a medio raggio, invece sembra sia esattamente il contrario. Probabilmente ciò è dovuto all’altitudine di pressurizzazione dell’aeroplano, di circa 1.500-1.800 metri slm sui viaggi per le Maldive contro i 2.400 metri slm (massimo permesso) rilevati nei viaggi per destinazioni più vicine.

Il controllo dei subacquei in aeroporto prima del viaggio di ritorno, in cui non si sono rilevate bolle, ha permesso di evidenziare che 24 ore sono un intervallo di tempo di attesa sufficiente affinché, rimanendo al livello del mare, non si formino bolle circolanti. Ovviamente alcuni subacquei sviluppano più bolle rispetto ad altri, anche con profili d’immersione molti simili fra loro. I controlli durante la settimana di crociera hanno permesso di dividere i soggetti in tre categorie: quelli che non sviluppano bolle; quelli che sviluppano bolle occasionalmente; i “bollogeni”, che sviluppano bolle dopo ogni immersione. Ovviamente per un confronto omogeneo si è verificato che i profili d’immersione influissero poco su questa categorizzazione (è ovvio che un profilo gravoso possa comportare più bolle di uno tranquillo).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è safe-diving.jpg

I controlli in volo hanno rilevato come la maggior parte di subacquei non abbia sviluppato le bolle durante il volo di ritorno con un intervallo di 24 ore dopo l’ultima immersione, ma i soggetti bollogeni sì. Quindi per chi appartiene a questa categoria è conveniente estendere ulteriormente il tempo di attesa prima del volo. A due soggetti rivelatesi “iperbollogeni” durante la settimana è stato consigliato di non svolgere l’ultima immersione, portando così il loro tempo di attesa prima del volo a 36 ore; è significativo che in nessuno dei due si siano prodotte bolle durante il volo. Per chi sviluppa bolle facilmente è più opportuno un tempo di attesa maggiore di 24 ore. In alternativa DAN Research suggerisce la respirazione preventiva di ossigeno normobarico.

I gradi di bolle più alti sono stati rilevati 30 minuti dopo il raggiungimento della quota di crociera, per poi diminuire ai 60 e ai 90 minuti, in pratica come avviene al ritorno in superficie dopo un’immersione. D’altra parte la depressurizzazione agisce come una risalita e dà gli stessi effetti. Passando il tempo a quella quota il corpo si desovrasatura e quindi le bolle diminuiscono. C’è un’altra possibile spiegazione: le bollicine sono già presenti nel sangue ma tanto piccole da non poter essere osservate con una normale ecocardiografia; la depressurizzazione potrebbe determinare un aumento delle loro dimensioni e renderle più visibili.

Che conseguenze futuribili possono avere questi studi sui subacquei? Come afferma il Prof. Alessandro Marroni, Presidente DAN Europe: «andiamo dritti verso un futuro dove la componente personale potrà influire su un modello matematico dando un senso più compiuto all’applicazione pratica della ricerca nella sicurezza delle immersioni subacquee. Fino a oggi abbiamo applicato la matematica al nostro corpo, con gli attuali algoritmi, ma adesso stiamo iniziando un nuovo affascinante percorso, che ci aiuterà a inserire semplici parametri fisiologici nella matematica, per rendere gli algoritmi più adatti al nostro organismo. Il futuro ci aspetta e DAN Europe ha deciso di affrontarlo al meglio con l’aiuto dei subacquei, mettendoli anche a conoscenza di quanto più evoluto siamo, e saremo, capaci di fare».

Stefano Ruia

originariamente pubblicato nel 2015 su www.alertdiver.eu

DAN Europe Foundation
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Logo_DAN_Europe-834x1024.jpgContinental Europe Office
C/da Padune, 11 – 64026Roseto – Italy
T: +39-085-893-0333

Presidente Professor Alessandro Marroni

L’impegno del DAN Europe nella ricerca medica è molto ampio ed indaga vari aspetti dell’attività subacquea. Ecco alcuni dei numerosi studi DAN:
  • Rilevazione ed analisi delle microbolle circolanti
  • Ottimizzazione dei profili di risalita
  • Indagine sulle cause degli incidenti subacquei “inspiegabili”
  • Stress dell’immersione ricreativa
  • Forame Ovale Pervio e rischio di MDD
  • Asma, diabete ed immersione
  • Fisiologia e fisiopatologia dell’apnea nell’adulto e nel bambino
  • Ipotermia ed immersione
  • Cefalea ed immersione
  • Alterazioni ematologiche in immersione
  • Il volo dopo l’immersione
  • Fisiopatologia dell’immersione con rebreathers
  • Effetti dello stress decompressivo sulle cellule staminali endoteliali e sulle cellule ematiche
  • Ricerca di markers biologici precoci dello stress decompressivo
  • Ossigeno normobarico, suoi effetti sul sangue e nel primo soccorso della MDD
  • SkiScubaSpace, studio condotto con ALTEC per investigare la fisiologia umana in ambienti estremi (alta montagna, immersione, spazio)

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 


.

 

 

 

 

 

print
(Visited 1.882 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »