Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Evoluzione dei metodi di rilevamento nell’archeologia subacquea

tempo di lettura: 6 minuti

.

livello medio
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: XX – XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: archeologia dell’acque, rilievo subacqueo, fotogrammetria, tridimensionalità, geolocalizzazione, GIS

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Pavlopetri-The-City-Beneath-The-Waves_final_681589-1024x576.jpg

immagine tratta dal documentario della BBC La città sommersa di Pavlopetri

Gli scavi archeologici in mare sono stati in passato spesso irreversibilmente distruttivi (lo scavo del relitto di Albenga da parte di Lamboglia docet). Il concetto moderno è genericamente mirato al mantenimento dei reperti sul luogo del ritrovamento ed alla stesura di una documentazione dettagliata dell’area di scavo. Questa documentazione comprende generalmente una parte iconografica ed una testuale. Va da sè che le rappresentazioni grafiche dei siti archeologici, effettuate con disegni, schizzi, ma anche fotografie, transetti e fotogrammetria, sono essenziali e rappresentano una parte intrinseca di ogni rilievo archeologico sia terrestre che subacqueo. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SUBACQUEA-ATTREZZATURA-Defense.gov_News_Photo_070321-N-5329L-001.jpg

Ricerca di oggetti metallici sul fondo con un metal detector subacqueo – foto di Petty Officer 1st Class Eric Lippmann, U.S. Navy Defense.gov News Photo 070321-N-5329L-001.jpg – Wikimedia Commons

Di fatto il rilievo sul sito, di qualsiasi tipo sia, è la componente più importante della documentazione, essendo la base per deduzioni successive, e non può essere approssimativo ma quanto più possibile oggettivo. Nel caso dell’archeologia subacquea esistono fattori limitanti maggiori dovuti sia a fattori fisiologici, che limitano la permanenza sul fondo degli operatori, sia ambientali (tempo meteorologico, condizioni di correnti e maree) per cui ogni minuto deve essere sfruttato nel miglior modo possibile.

Breve storia di un lungo cammino
Gli scavi archeologici si basano sul concetto di unità stratigrafiche, ereditato dalla geologia e poi formalizzato per l’archeologia da E.C. Harris, legate da relazioni geometriche (tridimensionali) collegate alle diverse tipologie presenti (fondale, sedimento) ed a fattori temporali, fattori fondamentali per inquadrare la comprensione dello scavo archeologico. Nel campo dell’archeologia subacquea, per ovvi motivi, i metodi grafici terrestri (piani orizzontali, tagli verticali) non potevano essere adattati in modo semplice in quanto erano basati su strumenti ottici (come i teodoliti) non utilmente impiegabili sott’acqua. Metodi tradizionali, come tracciare angoli retti in orizzontale, era possibile, ma non erano adattabili allo scavo di un carico di anfore disperse su un fondale irregolare.

I primi esperimenti di fotogrammetria subacquea per l’archeologia iniziarono negli anni Sessanta quando il Naval Oceanographic Office di Washington eseguì il primo esperimento di fotogrammetria subacquea su un sottomarino sotto la direzione di Joseph Pollio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è archeo-Ann-Bass-cristening-the-Ashera-Photo-INA-Slide-ya7-121-1024x676.jpg

La moglie dell’archeologo George Bass, Ann, battezza il sommergibile Asherah (photo credit INA)

Da allora, l’interesse per queste tecniche per l’archeologia continuò a crescere. Nel 1964, il sottomarino Asherah, supportato dalla National Geographic Society, effettuò le prime fotografie stereoscopiche a 35 metri di profondità sul relitto bizantino di Yassi Ada 2, utilizzando due telecamere sincronizzate. Con le esperienze maturate furono eseguite, nel 1972, le prime indagini fotogrammetriche del relitto romano della Madrague de Giens, da parte dell’archeologo francese J.C. Négre, utilizzando delle strutture metalliche fisse e scorrevoli.

Nel 1984, nelle stesse acque di Marsiglia, altri archeologi subacquei francesi furono in grado di utilizzare strumenti più leggeri, in particolare su un antico naufragio carico di blocchi di calcare destinati per la costruzione dei bastioni della antica città di Massalia. Per evitare di dover utilizzare pesanti ed ingombranti supporti furono utilizzati due cavi tirati parallelamente all’asse longitudinale del sito, e livellati per fungere da riferimenti di base per le foto. Muovendosi lungo questi cavi, un triangolo metallico graduato forniva la scala metrica mentre i segni di indice indicavano quella verticale.

Nel 1984, un supporto armato con due fotocamere Nikonos (28 mm) fu collegato tramite un filo di nylon a questo triangolo graduato. Nel 1985 le fotocamere furono sostituite con due Hässelbläd (con correzione di 50 mm). Questi due supporti per fotocamera (il primo in plastica e il secondo in alluminio) avevano un assetto positivo e fornivano una perfetta stabilità per cui il metodo risultò essere efficiente, poco costoso e veloce, richiedendo meno di due ore per l’allestimento. Ma il salto di qualità arrivò con il digitale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SUBACQUEA-ARCHEOLOGIA-ATTREZZATURA-100806-N-9671T-023_4882270631.jpg

L’archeologo subacqueo Alexis Catsambis si prepara a immergersi ed il collega archeologo George Schwarz gli consegna una videocamera subacquea – Foto della Marina degli Stati Uniti dallo specialista della comunicazione di massa di 2a classe Kenneth G. Takada – Fonte Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti 100806-N-9671T-023 (4882270631).jpg – Wikimedia Commons

L’arrivo del digitale
Grazie alle innovazioni tecnologiche della fine del XX secolo, legate all’evoluzione delle tecniche di fotografia digitale e all’elaborazione dei dati anche in realtà virtuale, hanno consentito di valorizzare i dati da piattaforme informatiche basate su tecnologie GIS (Geographical information systems). In questi ultimi anni si è osservato un ulteriore passo avanti con l’impiego di tecniche di rilievo 3D (tridimensionale) che ormai si applicano in tutti i domini scientifici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è archeo-pole-photogrammetry-1024x501.jpg

Risultati della fotogrammetria di un’area archeologica dopo l’elaborazione delle foto utilizzando PhotoScan

A supporto delle operazioni di rilevamento sul campo vengono utilizzati dispositivi informatici portatili (semplici tablet o notebook) che possono essere collegati in wireless con il laboratorio di riferimento – come sperimentato tra i primi dall’Area di archeologia medievale dell’Università di Siena – dando origine ad un nuovo approccio, da alcuni definito come tele-archeologia, che consente di ridurre i tempi tra la fase di acquisizione dei dati e quella di post elaborazione. Questa tecnologia presto sarà disponibile anche sott’acqua utilizzando sistemi di trasmissione acustica dei dati verso sistemi ormeggiati che fungono da ripetitori (relay) verso l’esterno. Inoltre, l’impiego di robot subacquei autonomi (UUV) porterà il braccio virtuale dell’Uomo a profondità non accessibili fisicamente a dei subacquei restituendoci testimonianze del passato altresì non scopribili. 

Metodologia di base
L’archeologo, ma vale anche per gli altri ricercatori, considerano due aspetti: l’artefatto e l’area in fase di escavazione (parte del fondale marino di interesse) che può essere rappresentata matematicamente da un modello digitale del terreno (DTM). Basandoci sulla conoscenza delle misure sull’artefatto, possiamo quindi calcolarne le dimensioni e la sua posizione nello spazio. Per quanto riguarda il rilievo del terreno, si possono utilizzare metodi di rilevamento planimetrico ed altimetrico del terreno, che impiegano immagini fotografiche dell’ambiente per ricavare la forma generale dell’immagine dell’oggetto fotografato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è archeo-5.jpg

dal workshop “Fotogrammetria nell’archeologia subacquea” come parte del progetto Bluemed, Dubrovnik, 25 – 31 agosto 2019

Con queste tecniche si possono ottenere modelli tridimensionali, partendo da immagini fotografiche bidimensionali, utilizzando dei procedimenti automatizzati. Questa tecnologia viene ormai utilizzata in svariati ambiti: dalla topografia, architettura, geologia, medicina, grafica e naturalmente nella archeologia. La disponibilità di software specifici, tra l’altro di basso costo e semplici da usare, da la possibilità di valorizzare i dati raccolti da una strumentazione spesso composta solo da una macchina fotografica digitale. Questi possono essere resi disponibili anche da un personal computer di medie prestazioni.

L’elaborazione normalmente avviene attraverso quattro fasi distinte e successive:

Structure-from-motion (SFM) e Multiview Stereo Reconstruction (MVS) dove, in base alla geometria di presa delle foto, viene costruita una nuvola di punti densa, detta dense point cloud. In pratica un dato grezzo, su cui si baseranno le elaborazioni successive ottenuta da una precedente nuvola primaria (meno densa) tramite processi d’interpolazione numerica.

Mesh reconstruction
in questa fase, la nuvola densa di punti viene trasformata in una superficie continua, costituita da poligoni, i cui vertici sono i punti della nuvola precedente.

Colouring
Il terzo passo è la colorazione che viene applicata sulla superficie continua secondo due processi alternativi:
a. Il color-per-vertex, dove il colore della dense point cloud viene traferito ai poligoni della mesh.
b Il texture mapping, in cui le immagini utilizzare nel rilievo sono utilizzate per colorare i poligoni stessi.

Modelling
a questo punto, attraverso una misura (distanza) di riferimento, il modello viene messo in scala e si ottiene l’immagine tridimensionale finale.

Va da sé che il poter ottenere rappresentazioni tridimensionali di un sito subacqueo fornisce un importante valore aggiunto agli archeologi subacquei che possono quindi integrare l’artefatto in un contesto più completo, esaminabile da più direzioni. Un esempio classico è il relitto di una nave che può essere ricostruito in tutte le sue parti, ottenendo visioni tridimensionali altrimenti non realizzabili. Queste tecniche possono essere applicate anche ad oggetti minori. Il dettaglio è ovviamente legato alla qualità delle immagini scattate.  Cosa ci riserverà il futuro?

in anteprima immagini sidescan di un fondale marino piuttosto … accidentato – foto di proprietà

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 

Loading

(Visited 692 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
2 visitatori online
2 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:52 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x