Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Si fa presto a dire coralli

Reading Time: 4 minutes

..
livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: NA

AREA: NA
parole chiave: Coralli, ecologia

 

Quando parliamo di coralli, la maggior parte di noi pensa immediatamente a mari lontani caratterizzati da barriere coralline frequentate da pesci di mille colori. In realtà i coralli, più propriamente chiamati Antozoi (fiori animali), sono animali cosmopoliti, che vivono in tutti i mari del mondo, sia nelle acque superficiali che in quelle profonde, dalle calde acque tropicali fino alle fredde acque delle alte latitudini che ospitano scogliere coralline e piattaforme carbonatiche chiamate barriere coralline di acque profonde. Ci arriveremo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Il-coralligeno-1024x576.jpg

Quasi tutti i coralli sono organismi coloniali. Ciò significa che sono composti da centinaia a centinaia di migliaia di singoli animali che sono chiamati polipi. Ogni polipo ha uno stomaco che si apre solo ad un’estremità, chiamata bocca. Essa è circondata da un cerchio di tentacoli usati per catturare piccoli animali ma anche per rimuovere i detriti. Infatti il suo nutrimento entra nello stomaco attraverso la bocca e, dopo essere stato consumato, i prodotti di scarto vengono espulsi attraverso la stessa apertura.

Per catturare il loro cibo, i coralli usano delle cellule urticanti chiamate nematocisti che si trovano nei tentacoli del polipo corallino e nei tessuti esterni. Per darvi un’idea, se sfortunatamente siete stati urtati da una medusa (come vedremo un parente molto stretto dei coralli) in realtà avete avuto un contatto proprio con i suoi nematocisti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è polipi-coralli.jpg

Le nematocisti sono un’arma potente, in grado di iniettare tossine, spesso letali, essenziali per catturare le prede. La dimensione delle prede di un corallo varia da animali quasi microscopici, zooplancton, a piccoli pesci, ovviamente commisurate alle dimensioni dei polipi del corallo. Oltre a catturare lo zooplancton e animali di dimensioni maggiori con i loro tentacoli, molti coralli raccolgono anche minuscole particelle organiche in film mucosi, che poi attirano nelle loro bocche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è zooxanthellae-1024x681.jpg

zooxantellae sui polipi dei coralli

La maggior parte dei coralli che formano la barriera corallina contiene alghe fotosintetiche, chiamate zooxantelle, che vivono nei loro tessuti. I coralli e le alghe hanno una relazione simbiotica. In pratica, i coralli forniscono alle alghe un ambiente protetto, al riparo dai loro predatori, ed i composti di cui hanno bisogno per la fotosintesi, mentre le alghe producono ossigeno ed aiutano il corallo a rimuovere i rifiuti. Ancora più importante, le zooxantelle forniscono al corallo glucosio, glicerolo e aminoacidi, che sono prodotti dalla fotosintesi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è coralpolypsgps_0-1024x544.jpg

Questi  prodotti sono usati dai coralli per produrre proteine, grassi e carboidrati e produrre carbonato di calcio. La relazione tra le alghe e i polipi dei coralli facilita il riciclo dei nutrienti nelle acque tropicali povere di nutrienti. Infatti, fino al 90% del materiale organico prodotto foto sinteticamente dalle zooxantelle viene trasferito al tessuto corallino ospite. In altre parole grazie a questo rapporto mutualistico si innesca il processo di crescita delle barriere coralline. Oltre a fornire ai coralli i nutrienti essenziali per il loro sviluppo, le zooxantelle hanno anche una funzione, per così dire, estetica, essendo responsabili dei fantastici colori di molti coralli duri. Il colore è anche sintomo di salute della colonia, tano che quando un fattore disturbane interviene i polipi espellono le loro cellule algali e la colonia assume un aspetto completamente bianco. Questo è comunemente descritto come “sbiancamento dei coralli“, un fattore che se è persistente può provocare la morte della colonia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è zooxanthellae-expulsion-in-coral-bacteria-expulsion-leads-to-coral-bleaching-and-death-1024x576.jpg

L’espulsione di zooxantelle dal corallo ne causa lo sbiancamento e la morte 

A causa del loro rapporto intimo con le zooxantelle, i coralli che formano la barriera corallina rispondono all’ambiente come delle piante, per cui necessitano di acqua limpida in modo che la luce solare possa raggiungere le loro cellule algali per la fotosintesi. Per questo motivo i coralli prosperano generalmente solo in acque con piccole quantità di materiale in sospensione. Se ci pensate, si tratta di un paradosso interessante: le barriere coralline richiedono acqua limpida e povera di nutrienti, e in queste condizioni diventano tra gli ambienti marini più produttivi e diversificati. In caso di maggiori nutrimenti, soffrono e possono morire.

Ma come si formano le barriere coralline? Ne parleremo in un prossimo articolo.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 151 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »