Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Gerarchie della Marina veneziana – parte II

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XV-XVII  SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Venezia

 

Torniamo agli incarichi nella armata grossa
La seconda tipologia era di carattere marinaresco e/o navale, ed era incentrata sul capitano che rappresentava la competenza tecnica nella condotta della nave. Il capitano veniva nominato dal collegio della milizia da mar e rimaneva in carica, salvo eccezioni e richiami da parte del governo, per periodi di tempo molto lunghi, anche a vita ma veniva licenziato se la nave veniva disarmata o messa in riserva.

Italia, XVIII secolo. Jan van Grevenbroeck o Giovanni Grevembroch (1731-1807), Gli Abiti de Veneziani, libro illustrato di costumi. Capitano Generale Da Mar (Capitano Generale della Marina) della Serenissima Repubblica di Venezia. Acquerello. @Getty images

Il capitano aveva un ruolo quasi “proprietario” verso i marinai e gli ufficiali marinai imbarcati, che sceglieva ed arruolava personalmente e che pagava direttamente con denari ricevuti dalla repubblica al punto che se il capitano sbarcava i marinai e gli ufficiali marinai del suo equipaggio venivano congedati, Questo portava l’equipaggio ad essere molto fedele al capitano (spesso più che alla repubblica stessa). I capitani in genere, erano personalità solvibili (cioè sufficientemente ricche da poter anticipare paghe e premi d’ingaggio), della borghesia o dell’aristocrazia provinciale. Particolarmente diffusi erano i capitani dalmati, schiavoni (cioè slavi), anche se non mancarono istriani, greci, albanesi e, più rari (ma raramente completamente assenti dai ruoli), i cittadini del dogado (veneziani, chioggiotti, ecc.).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 330px-Angelo_Emo_Capodilista.jpg

Angelo Emo

I Capitani erano in genere stati piloti prima di ricoprire questo incarico, ed erano sempre coadiuvati da un segretario (o scrivano), scelto obbligatoriamente nel ceto dei cittadini originari di Venezia. Solo con le riforme di Angelo Emo si obbligò i capitani a rispettare più rigorosamente i ruoli d’ingaggio dell’equipaggio e si formalizzò una gerarchia di comando tra i quattro piloti già previsti, che dovevano coadiuvarli nel comando, trasformandoli in moderni ufficiali che vennero chiamati alfiere, sottotenente, secondo tenente e primo tenente di vascello. Inoltre furono aggiunti dei “pilotini” o “guardie marine“, scelti in prevalenza da figli di capitani, piloti o ex piloti ed ex capitani che dopo tre anni potevano essere promossi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fanti-da-mar.jpg

milizia da mar

Infine vi era un terzo livello di comando, dovuto al fatto che le navi veneziane avevano una ridotta quota di “marineria” imbarcato; ovvero meno di metà dell’equipaggio era formato da marinai, arruolati dal capitano, e nel combattimento questi erano coadiuvati da soldati e militi della milizia de mar, fondamentali per far funzionare i cannoni. Questi erano organizzati su compagnie di cento soldati, generalmente in guerra un vascello di primo rango imbarcava due compagnie, mentre una fregata ne imbarcava una sola, comandati da un capitano dei fanti (detto anche capitano dei soldati), coadiuvato da un tenente, un alfiere (non sempre presente) due sergenti, e quattro caporali.

I punti problematici di questa organizzazione
Il governatore di nave era privo delle funzioni amministrative e di reclutamento degli equipaggi che erano attribuite al Sopracomito di Galea, non era considerato una figura indispensabile e spesso non era imbarcato il che poteva essere pericoloso dato che i patrizi imbarcati rappresentavano direttamente lo stato e l’unico ceto direttamente interessato al suo funzionamento il che poteva portare a cali della combattività e lassismo amministrativo.

fanteria di marina veneta, schiavoni

Il Capitano era sottoposto agli ordini del Governatore che in teoria ne era il superiore diretto a bordo quando era presente, però mentre il primo era un gentiluomo che faceva “anche” l’ufficiale di comando, il secondo era un professionista che disponeva della competenza tecnica che non aveva il primo e vantava un rapporto privilegiato con l’equipaggio, scelto da lui e, spesso, ai suoi ordini da molti anni; la conseguenza di tutto ciò era rappresenta da problemi di disciplina e da tensioni che si verificavano tra il Governatore della Nave e il Capitano che potevano degenerare dato che la loro risoluzione era lasciata al buon senso delle parti coinvolte mancando normative precise che regolassero i rispettivi ruoli. Il carattere contrattualistico della formazione degli equipaggi dell’armata grossa impedì il formarsi, sul lungo periodo, di un corpo di equipaggi autenticamente nazionale. I marinai dipendevano non tanto dalla Serenissima quanto dai loro capitani, e sebbene questi fossero di solito sudditi, ciò lasciò sempre un senso di incompiutezza verso la costituzione di una autentica flotta di stato, dando ai contemporanei l’immagine di un’Armata Grossa di impronta meno veneziana rispetto a quella sottile e quasi mercenaria. La Serenissima non fece mai ricorso all’arruolamento coatto e non si preoccupò di creare un sistema che assicurasse un effettivo servizio continuativo sulla flotta dei marinai, non potendosi permettere di pagarlo, e si era consapevoli che sarebbe stato difficile fornire di ufficiali ed equipaggi le unità poste in riserva.

Il problema, pur affrontato in più occasioni, non trovò mai piena soluzione fino alla caduta della Repubblica.

Gianluca Bertozzi

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
PARTE II

 

FONTI
– Le artiglierie della Marina veneta nel XVI secolo di Marco Santarini
– Storia della Marina veneziana. Da Lepanto alla caduta della Repubblica 1571-1797 di Mario Nani Mocenigo
– La progettazione navale a Venezia tra tradizione e rinnovamento intorno alla metà del Settecento di Alberto Secco
– L’organizzazione economica dell’Arsenale di Venezia nella prima metà del Seicento». Di Marcello Forsellini
Vascelli e fregate della Serenissima – Navi di linea della marina veneziana 1652 – 1797 di Guido Ercole
– Lo sviluppo dell’Armata grossa nell’emergenza della guerra marittima. di Guido Candiani
L’evoluzione della flotta veneziana durante la prima guerra di Morea di Guido Candiani
– I vascelli della Serenissima. Guerra, politica e costruzioni navali a Venezia in età moderna, 1650-1720 di Guido Candiani
– Stato, guerra e finanza nella Repubblica di Venezia fra medioevo e prima età moderna di Luciano Pezzolo
– L’Arsenale di Venezia Dall’Officina delle Meraviglie all’industria navale in ferro di Federica Colussi
– Wikipedia voce armata grossa
– Bella Italia: Militari, Eserciti e Marine nell’Italia pre-napoleonica (1748-1792) di Ilari V. – Paoletti C. Crociani P.

print
(Visited 269 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »