If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Attività svolta dai treni armati della Regia Marina italiana durante il secondo conflitto mondiale di Virginio Trucco

Reading Time: 5 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: treni armati, regia marina italiana

 

La seconda guerra mondiale
Con l’approssimarsi della guerra, la mobilitazione dei treni armati della Regia Marina italiana fu ordinata il 20 aprile del 1939. In tutto furono approntati ben dodici treni armati, di cui cinque con pezzi di artiglieria da 152mm, quattro da 120mm, uno da 102mm e due da 76 millimetri.

treno armato con cannoni da 120mm

I treni furono assegnati in pari numero ai dipartimenti di La Spezia e Taranto. L’Ufficio Trasporti del Ministero della Guerra provvide a far giungere le locomotive necessarie, mentre al personale FF.SS fu ordinato di tenersi pronto in attesa della comunicazione della destinazione. Furono attivati due comandi, denominati MARIMOBIL, uno per il nord, MARIMOBIL I dipendente da La Spezia con sede a Genova e quello per il sud MARIMOBIL II dipendente da Taranto con sede a Palermo.

I convogli, furono operativi fra il 15 e il 25 aprile 1940. I treni venivano identificati con la Sigla TA, seguita dal calibro, dal numero progressivo e la lettera S o T a seconda se assegnati a La Spezia o Taranto.

Al 10 giugno 1940 risultavano assegnati a MARIMOBIL I i seguenti treni:

TA152/1/S a Recco
TA120/1/S a Vado Ligure
TA120/2/S ad Albenga
TA120/3/S ad Albisola
TA120/4/S a Genova Cogoleto
TA76/1/S a Genova Sampierdarena con funzioni antiaeree

Si noti che, su una distanza di 80 Km, erano posizionati ben sei treni questo sia per la vicinanza con la Francia, sia per la difesa dei numerosi insediamenti industriali e portuali, presenti nell’area.

A MARIMOBIL II furono assegnati i seguenti treni:

TA152/1/T a Termini Imerese
TA152/2/T a Carini
TA152/3/T a Crotone
TA152/4/T a Porto Empedocle
TA102/1/T a Siracusa con funzione antiaerea
TA76/1/T  a Porto Empedocle con funzione antiaerea

Le principale azioni avvennero all’inizio della guerra in Liguria
Il 14 giugno 1940, il T.A. assegnato alla tratta Savona–Albissola interveNne su allarme per contrastare l’azione di bombardamento di alcune unità francesi. Il fuoco del treno, che sparò 93 proiettili da 120mm, assieme all’intervento di una torpediniera e di una squadriglia di MAS, fecero desistere le navi avversarie dall’azione. Contro il treno vennero sparati circa 60 colpi da 203mm da parte di due incrociatori e più di cento da 138mm da parte di un cacciatorpediniere. Il personale FF.SS. in servizio al convoglio, venne segnalato per il comportamento tenuto durante l’azione.

Il 22 giugno 1940, il treno armato da 120, con sede Albenga, ricevette l’ordine di portarsi a Ventimiglia e di mettersi a disposizione del comando del XV corpo d’armata, per appoggiare l’avanzata delle fanterie verso il territorio francese. Il treno prese posizione appena fuori dalla galleria Hambury e aprì il fuoco contro le postazioni francesi di Cap Martin. In mezz’ora sparò 232 colpi, quindi, inquadrato dal fuoco nemico, si ritirò nella galleria. Nel pomeriggio ricevuto l’ordine di riprendere il bombardamento, uscì dalla galleria vero le 14.00, ma venne subito inquadrato dalle batterie nemiche, prima che potesse essere messo in batteria. Una salva provocò lo spostamento del convoglio e un pezzo si incastrò nel muraglione. Impossibilitato a muoversi, il treno continuò ad essere bersagliato dalle granate. Il comandante del convoglio, T.V. Ingrao, ordinò quindi al personale di ripararsi in galleria, mentre con cinque volontari sganciò la santabarbara dal convoglio al fine di portarla al coperto in galleria. Purtroppo finita la manovra i sei uomini vennero colpiti da una granata. Solo dopo un’ora e mezza di tentativi sotto il fuoco nemico, il treno potè retrocedere in galleria. Lo scontro causò 9 caduti e 14 feriti. Al Tenente di vascello Ingrao venne poi concessa la medaglia d’oro alla memoria, mentre al resto dell’equipaggio, compreso il personale FF.SS. furono assegnate 13 medaglie d’argento, 22 di bronzo e 55 croci di guerra.

Il giorno seguente i treni armati, assegnati alle tratte Genova–Recco e Savona-Vado Ligure, vennero fatti giungere a Ventimiglia, ed entrarono in azione per supportare le fanteria avanzante su Mentone. I comandanti dei due treni, decisero di approntare in posizione sopraelevata un osservatorio da cui dirigere il tiro contro le batterie nemiche di Cap Martin. I due treni armati si divisero gli obbiettivi: il treno con i pezzi da 120mm, spararono sulle batterie a sud di Cap Martin, mentre quello con i pezzi da 152mm, batterono le batterie a nord. Nel corso dell’azione vennero sparati 150 colpi da 120mm e 208 da 152mm. Questa volta, grazie ad una pioggia torrenziale, le batterie nemiche non riuscirono ad individuare i due treni. I Treni Armati liguri contrastarono inoltre sia i bombardamenti navali e aerei nelle zone di Vado Ligure e Genova. A novembre del 1940, grazie alla sostituzione dei due pezzi contraerei da 76/40 con mitragliere Breda da 20mm, furono assemblati altri due treni  denominati 76/2/T e 76/3/T che vennero dislocati a Licata e Mazara del Vallo.

Con l’approssimarsi del conflitto alle coste italiane, i convogli furono riassegnati. Al 10 giugno del 1943 vi era la seguente situazione:

MARIMOBIL I

TA152/1/S a Voltri
TA152/4/T ad Albisola
TA120/2/S a Vado Ligure
TA76/1/S a Genova Sampierdarena

MARIMOBIL II

TA152/1/T a Termini Imerese
TA152/2/T a Carini
TA152/3/T a Crotone
TA120/1/S a Siderno
TA120/3/S a Porto Empedocle
TA120/4/S a Catania
TA102/1/T a Siracusa
TA76/1/T a Porto Empedocle
TA76/2/T a Mazzara del Vallo
TA76/3/T a Licata

Durante lo sbarco alleato e i successivi scontri, i treni non riuscirono a essere efficacemente utilizzati a causa della superiorità aerea degli alleati, tutti i treni presenti in Sicilia, furono o perduti per attacchi aerei o distrutti dai propri equipaggi per non farli cadere in mano nemica. Fece eccezione il TA76/3/T che dal molo di Licata aprì il fuoco contro le forze da sbarco alleate. Sembrerebbe che, prima di essere distrutto, avesse danneggiato un cacciatorpediniere americano, avvicinatosi per appoggiare lo sbarco. MARIMOBIL II, dopo essere stato spostato da Palermo a Messina, venne sciolto il 31 luglio 1943 mentre MARIMOBIL I seguì la stessa sorte l’8 settembre 1943. I suoi treni, assieme a quelli dislocati in Calabria, furono catturati dai Tedeschi, che non li usarono come treni armati ma li smontarono in pezzi per rafforzare le difese delle Linea Gotica.

 

Virginio Trucco
diplomato all’Istituto Tecnico Nautico Marcantonio Colonna (ROMA) dal 1979 al 1981 presta servizio come ufficiale di complemento nella Marina Militare italiana, specializzato in mine e dragaggio (guerra di mine navali), dal ’79 al ’80 come osservatore presso la 54^ squadriglia DD.RR, dal ’80 al ’81 come ufficiale in seconda dei DD.RR (MSI) Mitilo e Porpora. Congedato dalla marina militare italiana entra nelle allora Ferrovie dello Stato dove svolge diversi incarichi fino al 2019, data del suo finale pensionamento. Appassionato storico navale è anche socio fondatore del gruppo ANMI contromisure mine


Fonti

Bollettino d’archivio USMM  dicembre 2008 “Difesa costiera e treni armati” G. Manzari. Supplemento rivista marittima novembre 2002 “I treni armati” F. Fattuta.
Treni armati – treni ospedale 1915-1945” E. Albertelli editore 1983.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.
PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 200 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share