If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Le tradizioni per il varo di una nave di Paolo Giannetti

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: NA
AREA: MONDO
parole chiave: varo delle navi, cerimonie, tradizioni e superstizioni

 

Capita spesso di leggere la notizia del varo di qualche grossa nave da crociera ma raramente, viene descritta l’antica “cerimonia della moneta” che spesso precede l’evento. È una tradizione meno nota rispetto a quella della bottiglia di spumante (una volta di vino) che si fa infrangere sul nuovo scafo, sia esso di una piccola imbarcazione o di una grande unità. Come per le importanti costruzioni edili, dove si pone la “prima pietra” con una cerimonia ufficiale, anche sulle navi si compie un particolare gesto all’inizio dei lavori di costruzione.

moneta romana di Domiziano ritrovata nello scafo di un relitto del 2 secolo dopo Cristo – photo credit Museo archeologico di Londra

Quando le navi erano costruite in legno, si infilava una moneta tra lo scafo e la chiglia, proprio nel momento in cui avveniva la prima posa di quest’ultima. Queste monete a volte venivano trafugate e, per evitare questa eventualità, in tempi più recenti si cominciò a saldarle sulle parti metalliche. Nei velieri la moneta era posta alla base dell’albero di maestra al momento del suo fissaggio nella scassa (chiamato “mast stepping“) così da renderla irraggiungibile, se non in caso di demolizione della nave.

Nel 1994, durante dei lavori di manutenzione, furono trovati alla base dell’albero di maestra della USS Constitution delle monete perfettamente alloggiate nel legno. Le monete furono poi sostituite con monete più recenti

Ancora oggi in qualche cantiere si usa augurare buona fortuna infilando in qualche posto nascosto (sotto l’albero del radar o sotto l’ultimo ponte) una moneta dell’anno in corso che ricordi per sempre, in maniera celata, l’epoca del varo della nave o dell’imbarcazione. Chi si occupa di archeologia marina e recupero di relitti sul fondo del mare, sa che il ritrovamento di tali monete spesso ha fornito informazioni utili sull’età dei resti recuperati.

Una tradizione antichissima
Ma torniamo al varo, quell’evento che segna per una nuova nave la sua prima entrata in mare. Una sorta di battesimo (con tanto di madrina) con il quale viene data un’anima alla nave, se ne proclama il nome, la si benedice e da quel momento la si affida alle forze benevole per il suo equipaggio. In Italia, la frase cruciale è la seguente: “Che Dio benedica questa nave e tutti coloro che vi navigheranno – Madrina, in nome di Dio, taglia!”

Sembrerebbe che originariamente, nei tempi antichi,  il rito prevedesse il sacrificio di un animale, solitamente un agnello, per invocare la protezione degli dei dalle avversità delle navigazioni future. In quei tempi andare per mare era una scommessa e ogni scusa era buona per invocare a protezione degli dei contro il malocchio.Il sangue si cospargeva sulla prua e si manteneva sulla prua la pelle dell’agnello sacrificato al momento del varo; pelle, poi, riprodotta in scultura di legno nella forme di riccioli e volute. 

Non a caso venivano dipinti o scolpiti degli occhi sulla prua, gli “oftalmoi” (dal greco “ophtalmos”, che significa “occhio”) elementi figurativi con una funzione protettrice della barca e dell’equipaggio contro la sfortuna. Essendo il dio del mare Poseidone, al momento del varo, gli antichi greci usavano sacrificare in suo onore un toro. Alcuni pensano che gli occhi disegnati sulle prore ricordassero gli occhi del povero toro, animale che simboleggiava la forza ed il coraggio contro le avversità. Per altri la nave era assimilata ad un essere vivente, che aveva bisogno di occhi per guardare il cammino in mare davanti a sé.  Conosciuti anche come occhi di Horus, secondo la mitologia fenicia, quegli occhi ricordavano la terribile battaglia tra Horus e suo zio Seth, in cui il dio aveva perso l’occhio sinistro. Da allora il suo occhio è considerato simbolo di prosperità, di potere e buona salute e veniva posto sulle navi come amuleto protettivo per scongiurare tempeste e augurare una pesca quanto più prosperosa. Questa tradizione si mantiene sui bragozzi  (tradizionali barche da pesca adriatiche) e sui luzzi dell’isola Malta.

Negli anni questo rito ha assunto connotati diversi e si conclude con l’infrangimento di una bottiglia di vino contro la prua in cui è chiaro il richiamo al sangue dell’animale sacrificato in origine. Oggigiorno il varo è molto più “spettacolare”: vi partecipano tante autorità e personaggi famosi e la bottiglia di vino rosso è stata sostituita dalle più spumeggianti “bollicine”, ed in particolare dallo champagne.

È radicata la convinzione che la rottura della bottiglia sia di buon auspicio circa il destino della nave stessa: in caso contrario, invece, ci saranno problemi. Questa credenza è stata spesso richiamata da svariati tragici eventi: nel 1912, ad esempio, al momento del varo del Titanic la bottiglia di vino non si ruppe. Quello che accadde dopo è ben noto e qualcuno se ne ricordò. Anche alla grande nave da crociera Costa Concordia, la bottiglia lanciata dalla modella Eva Herzigova, al momento del battesimo non si ruppe, e la nave, poi, non conobbe sorte migliore.

Colpa della mancata rottura della bottiglia? Di fatto in entrambi i casi le colpe furono ben identificate e le povere bottiglie non centravano più di tanto. Si sa che le superstizioni sono frutto della fantasia e vanno prese per quello che sono … Come disse ironicamente Umberto Eco “La superstizione porta sfortuna.”

Cieli sereni … non guardare fuori porta male.

Paolo Giannetti

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

print
(Visited 178 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share