If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Come vivevano i marinai a bordo delle navi della US Navy nel XIX secolo – parte I di Andrea Mucedola

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: STATI UNITI
parole chiave: US Navy, vita di bordo

 

Dopo la guerra del 1812 gli Statunitensi si resero conto che le dimensioni schiaccianti della marina britannica avevano resero possibile il blocco di tutti i principali porti statunitensi, permettendo agli Inglesi di catturare e bruciare Washington, DC, di attaccare le maggiori città dal Maryland alla Louisiana, conducendo dal mare attacchi contro le colonie ribelli  dal mare. Le vittorie navali americane erano però state utili per mantenere lo spirito nazionale ed accrescere il prestigio della nascente marina degli Stati Uniti. Tra gli scontri navali più importanti vi fu la vittoria della Constitution sulla fregata britannica HMS Guerriere il 19 agosto 1812.

La USS Constitution, detta “Old Ironsides” è una fregata a tre alberi, in legno, della United States Navy, una delle sei fregate originali autorizzate alla costruzione dal Naval Act del 1794. Battezzata nel XIX secol0 in omaggio alla Costituzione degli Stati Uniti d’America, la Constitution è oggi la più vecchia nave al mondo ancora galleggiante.

La U.S.S. Constitution si guadagnò il soprannome di “Old Ironsides”, restando in servizio per molti anni. La vittoria decisiva di Oliver Hazard Perry nella battaglia del Lago Erie (10 settembre 1813) assicurò il controllo americano del nord-ovest e costrinse gli inglesi ad abbandonare Detroit. Tra il 1815 e il 1861 la Marina degli Stati Uniti apparve nei porti marittimi di tutto il mondo, fornendo supporto commerciale e stipulando importanti trattati nel Vicino Oriente e nell’Estremo Oriente. Iniziò ad esplorare aree sconosciute, conducendo molte spedizioni scientifiche e giocò un ruolo importante nel porre fine alla pirateria. Nel 1845 l’Accademia Navale statunitense fu fondata ad Annapolis, nel Maryland da George Bancroft, allora segretario della marina. Durante la guerra messicano-americana (1846-1848), la US Navy conquistò la California ed amministrò il governo del nuovo Sttao sul Pacifico. Come era la vita a bordo delle navi statunitensi del XIX secolo? Probabilmente non era molto diversa di quella delle altre marine europee. Con questo primo articolo, basato su il copioso materiale offerto dal sito del Naval History and Heritage Command descriveremo la vita a bordo di quelle navi fornendo molte informazioni curiose basate soprattutto sul Regolamento del 1818, uno dei primi redatti per amministrare la nascente marina degli Stati Uniti.

Istruzione e formazione
Prima dell’istituzione dell’Accademia Navale di Annapolis, le navi maggiori erano dotate di insegnanti per l’istruzione dei guardiamarina, che entravano in marina molto giovani. Si trattava di un addestramento on the job che spesso veniva elargito a bordo della nave direttamente dai loro ufficiali superiori. Sulle navi minori venivano istruiti dai cappellani o da un designato del capitano. In seguito furono istituite delle Scuole per l’istruzione dei giovani ufficiali a Norfolk, New York, e al Naval Asylum di Philadelphia, ma anche al Washington Navy Yard e al Sacketts Harbour [New York].

Di fatto la loro formazione avveniva comunque prevalentemente a bordo.  I regolamenti emanati nel 1865 ordinavano al cappellano di “istruire i principi della religione cristiana i ragazzi e altre persone che il comandante della nave potesse affidare alle sue cure“. Inoltre, se a bordo non era previsto un insegnante di scuola, era responsabilità del Comandante di desiganre un membro dell’equipaggio per istruire, sotto la sua direzione, i ragazzi della nave, in lettura, scrittura e aritmetica. Il sistema di apprendistato navale, che fu originariamente stabilito per legge nel 1837 per arruolare ragazzi non minori di tredici né maggiori di diciotto anni di età, fu ripreso intorno al 1875. Con questo sistema l’istruzione e la formazione dei ragazzi fu notevolmente incrementata con l’obbligo di servire nella marina fino ai ventun anni di età. Sotto di esso gli apprendisti venivano imbarcati per addestrarsi in crociere in mare simili a quelle previste per i guardiamarina. Gli ufficiali in comando, secondo i regolamenti del 1870, dovevano istruire i marinai e gli uomini di terra nel governo, nel sollevare l’ancora, nell’arte dei nodi e nel giuntare i cavi, nel canottaggio, nell’uso dell’ago, ecc., affinché potessero qualificarsi marinai e poi sottufficiali.

La vita di bordo
La U.S. Navy cercò di regolamentare tutte le attività di bordo per assicurare un certo confort ai membri dell’equipaggio. Le razioni erano distribuite settimanalmente e, dove non era possibile, i marinai ricevevano un controvalore in denaro.

Razioni settimanali per singolo membro dell’equipaggio secondo il Regolamento del 1818

Ai ragazzi molto giovani, sia per i marinai arruolati che per gli aspiranti guardiamarina, era vietato l’uso di alcolici ma ricevevano un controvalore in denaro. L’età per poter ricevere distillati fu portata a 21 anni nel 1842 da un atto del Congresso. Lo stesso anno alla razione furono aggiunti uvetta, mele essiccate, altra frutta, caffè, cacao, sottaceti, mirtilli rossi e “crostino acido”, da utilizzare in sostituzione per non superare il valore fissato dalla legge. La razione di alcolici per gli arruolati fu abolita per legge nel 1862. In seguito nella US Navy fu vietata la distribuzione e conservazione di alcolici a bordo da cui il nome dry ship (tranne una riserva sotto chiave da parte del Comandante da usare in particolari situazioni).

Una curiosità
Ogni membro dell’equipaggio poteva acquistare ogni anno dal commissario di bordo 25 libbre di sapone, 3 barattoli di latta, 3 cucchiai, 2 bottiglie di senape, ½ libbra di pepe, 4 coltelli, 4 pettini, 3 spazzole, 3 metri di nastro, aghi e filo in quantità ragionevoli. 

Nel XIX secolo, fino a quando la refrigerazione non divenne disponibile a bordo delle navi, il manzo e il maiale salati, ma anche burro e pesce, venivano conservati in salamoia ma spesso si deterioravano e dovevano essere gettati in mare. Carne fresca e verdura venivano utilizzati in porto sia dagli ufficiali che dall’equipaggio. Nelle soste in porto i capitani provvedevano a fare incetta di animali vivi e verdure. Nei registri e nei diari di bordo si descrivono uova di tartaruga, noci di cocco, frutta e verdura che venivano ammassate sul ponte che appariva come una vera e propria aia con maiali, anatre, oche e galline che fornivano in navigazione carni fresche e uova. Prima della partenza veniva imbarcato pane e gallette in quantità sufficiente per diverse settimane, insieme a farina di mais, agrumi, cipolle e patate, tutti alimenti ottimi contro lo scorbuto. La cucina non doveva essere quindi molto varia e varianti sul tema potevano venire solo dalle occasionali pescate da bordo. 

fine I parte – continua
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.
.
PARTE I
PARTE II
PARTE III

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

print
(Visited 196 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share