If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Naval boarding party: il moderno arrembaggio – parte I di Marco Bandioli

livello medio
.
.
ARGOMENTO: SICUREZZA MARITTIMA 
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MONDO
parole chiave: pirateria, maritime security, boarding, abbordaggi

 

Nella storia millenaria dell’arte della “Guerra sul mare” e delle battaglie navali, la tecnica dell’abbordaggio ha sempre mantenuto il particolare aspetto del dover andare, ancorché in alto mare, a ricercare comunque un contatto fisico con il nemico per annientarlo. Infatti, quando lo scontro navale prevedeva l’abbordaggio, dopo una prima fase di combattimento a distanza, generalmente effettuato con un furioso e feroce fuoco d’artiglieria portato con i cannoni di bordo, si passava ad una seconda fase di avvicinamento ed affiancamento delle navi per consentire il vero e proprio assalto effettuato dai marinai che si lanciavano, armi in pugno, sulla nave nemica.

Un team di incursori del Comsubin nel corso di un?esercitazione di contro-terrorismo navale presso la base del Varignano, storica sede dei mezzi di assalto della Marina e sede del Raggruppamento Subacquei ed Incursori “Teseo Tesei” 2013-07-18 © Massimo Sestini

Nella terminologia marinaresca la parola “abbordaggio” significa “accostare tra di loro i bordi di due navi”, ovvero le fiancate. Tale affiancamento dei bordi consentiva anche di poter appoggiare delle apposite tavole di legno che permettevano il passaggio dei marinai da una nave all’altra (“da ponte a ponte”) per poter ingaggiare i combattimenti corpo a corpo con il nemico direttamente sui ponti di coperta, senza dover passare dalle alberature o dai pennoni. Peraltro, nell’antica lingua genovese, “appoggiare” si diceva “arembare”, da cui il termine “arrembaggio”, termine con il quale si intende, più propriamente, quella particolare tattica di combattimento navale che prevede l’assalto, (effettuato con marinai, con fanti di marina o con soldati) di una nave nemica per poi catturarla, depredarla e/o affondarla, a seconda degli ordini ricevuti. La dottrina navale moderna non fa differenza tra “abbordaggio” e “arrembaggio”, ovvero tra “boarding” e “assault”, ed impiega unicamente il termine, più delicato, di “Boarding”, che è lo stesso termine che viene normalmente usato in ambito civile (sia aeroportuale che portuale) per indicare genericamente l’azione di “imbarco”, ovvero il salire a bordo di un aereo o di una nave.

Un gruppo militare specificatamente addestrato ad effettuare un arrembaggio viene internazionalmente definito come “Naval Boarding Party”, ovvero “Reparto/Gruppo d’Arrembaggio Navale”, comunemente chiamato “Boarding Party” (BP/BParty), ed è numericamente costituito da non meno di 12 uomini, mentre un gruppo costituito con un numero di uomini inferiore viene definito “Boarding Team”(BT/BTeam), ovvero “Squadra d’Arrembaggio”. La consistenza dei Team è variabile in quanto nelle squadre possono anche essere presenti, a seconda della missione assegnata, diverse “figure a supporto” (video-operatore per la ripresa dell’intera azione, demolitore con relativa attrezzatura per intrusione/scasso/taglio/sfondamento, esperto di documenti di bordo, esperto di diritto marittimo, infermiere, esperto in cattura di prigionieri, artificiere, cecchino…).

In termini generali, i BParties, dalla fine degli anni 90, sono stati impiegati in differenti scenari ed in missioni sempre più impegnative, da quelle in cui era previsto un puro abbordaggio a quelle di arrembaggio sino ad arrivare a quelle di un vero e proprio assalto. Senza ora addentrarsi nei princìpi relativi alla “libertà dei mari e degli oceani” o nelle complesse pieghe legali e giuridiche del Diritto Internazionale Marittimo in tema di “Sicurezza” (intesa non solo come “Safety” ma anche come “Security”), è opportuno ricordare che la cosiddetta Comunità Internazionale, dopo il famoso attentato dell’11 settembre 2001, ha finalmente deciso di adottare nuove e più incisive misure atte a garantire la cosiddetta “Sicurezza Marittima” consentendo una nuova visione di “difesa preventiva” per poter prevenire, contrastare ed annullare eventuali azioni di terrorismo, sabotaggio, pirateria e dirottamento di navi. In tale ottica, tutte quelle operazioni militari tese a eliminare i possibili rischi o contrastare e colpire le varie minacce provenienti dalle attività inerenti il settore marittimo, dai traffici illegali, dalle attività criminali alla pirateria o al terrorismo, vengono dottrinalmente definite come “Maritime Security Operations” (MSO), ovvero “Operazioni di Sicurezza Marittima”. 

Esercitazione di sicurezza marittima nei mari del Nord.  I commando irlandesi hanno arrembato lo Stena Superfast Ferry via mare e via aerea, mettendo in sicurezza la nave mentre si avvicinava al porto.

Le MSO sono operazioni navali che prevedono una ampia varietà di missioni di tipo sia “military” (militari) che “constabulary” (di polizia). Le military sono inerenti l’Antiterrorismo, la Protezione di Forze Operative o di naviglio mercantile, l’Antipirateria, attività di Intelligence e attività di “Presenza e Sorveglianza” mentre le constabulary vanno dalla repressione di attività criminose o criminali all’applicazione di regole di Diritto Internazionale Marittimo (per esempio l’esercizio del “diritto di visita” o del “diritto di inseguimento”). Nell’ampio contesto delle MSO, sono annoverate anche le Maritime Interdiction Operations (MIO), Operazioni di Interdizione Marittima che, a seconda delle necessità, degli obiettivi da conseguire, degli interessi da difendere e dai livelli collaborativi o coercitivi che si presentano, possono ritenersi anch’esse di natura military o constabulary.

Per inciso, l’Interdizione marittima non va confusa con l’Interdizione navale classica, che identifica invece varie attività belliche tese a rallentare, arrestare o distruggere le forze nemiche (o i loro rifornimenti) prima che arrivino nella zona della battaglia. Le MIO di cui si sta parlando sono invece nate inizialmente come operazioni di sorveglianza del traffico marittimo commerciale volte a realizzare embarghi navali coercitivi mediante l’applicazione di determinate misure/azioni di interdizione. Successivamente, si sono ampliate come operazioni volte a contrastare sia atti di “terrorismo marittimo d’alto mare”, impiegando unità navali d’altura (ovvero “navi militari” e quindi di Marina), che atti di terrorismo marittimo costiero, impiegando unità costiere (quindi della Guardia Costiera e/o della Polizia).

Un’esercitazione al largo di Beirut congiunta tra la Marina libanese e la Maritime Task Force (MTF) dell’UNIFIL. Gli operatori scendono sul ponte della nave scendendo con la tecnica a barbettone dall’elicottero

Le MIO, se attuate a seguito di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU assumono la definizione di “Maritime Interception Operation”. I BParties sono pertanto diventati l’idoneo strumento militare impiegato per attuare queste operazioni finalizzate ad interdire alla navigazione zone particolari di mare o identificare il naviglio sospetto, fermarlo, visitarlo, ispezionarlo e, eventualmente, catturarlo e dirottarlo in porti sicuri per procedere o ad ulteriore ispezione o al definitivo sequestro. In ragione di quanto appena detto, il BParty viene spesso denominato anche, con il termine concettualmente più ampio e più tecnico, di “VBSS”, ovvero “Visit, Board, Search and Seizure” (visita, abbordaggio/arrembaggio, ricerca/ispezione e cattura/sequestro). I Boarding Parties/Teams risultano quindi essere la componente tattica sostanziale per l’assolvimento di tutte quelle missioni in cui sia previsto, o diventi necessario per diversi motivi, salire a bordo di una nave o di un natante.

fine parte I 

 

Marco Bandioli 
ammiraglio aus MMI
esperto di sicurezza 

articolo pubblicato originariamente su Difesaonline (foto: web)

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
.
Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

print

(Visited 147 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share