If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il giro di chiglia: una delle peggiori forme di punizione nella storia navale

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: NA
AREA: NA
parole chiave: punizioni corporali, keelhauling, giro di chiglia

 

A volte si sente usare, impropriamente, il termine “giro di chiglia“, usato per significare una grave punizione. Lo ricordiamo inflitto nei vecchi film di pirati ma, in realtà, ci fu un tempo in cui questa pena orrenda fu impiegata anche dalle marine regolari. Il povero marinaio, reo di una grave mancanza, veniva legato con una fune, gettato fuori bordo su un lato della nave e trascinato sotto la chiglia, da un lato all’altro della nave o per la lunghezza della nave (da prua a poppa ). 

Keel Hauling, opera inchiostro e acquerello di Frau Sakra-Keelhauling, 2019

Il giro di chiglia era equivalente ad una condanna a morte, una tortura estrema che, nel migliore dei casi, mutilava permanentemente il malcapitato. La pratica era tutt’altro che improvvisata.  Alla vittima veniva legato un peso per mantenerlo sott’acqua ma le funi a cui era legato erano tesate per mantenerlo a contatto con il ruvido scafo. La trazione causava la raspatura del corpo che veniva trascinato dall’equipaggio lentamente, speso provocandone l’annegamento. C’era anche il rischio di un trauma cranico dovuto alla collisione con lo scafo o la chiglia, soprattutto se la nave era in movimento. In quel caso la morte era una benedizione.

Una tortura antica
La prima menzione nota sembra fosse citata nel Codice marittimo di Rodi (Lex Rhodia), c. 800 a.C., che delineava la punizione per atti di pirateria. Secondo H. A. Ormerod, Piracy in the Ancient World (New York: Dorset Press, 1987), 54-56, tale pratica fu rappresentata anche su un vaso greco. In seguito, nell’era velica, i governi olandese e inglese furono gli unici che adottarono ufficialmente l’uso del giro di chiglia, sebbene molte altre nazioni lo praticassero occasionalmente (come nella Marina francese). La versione francese prevedeva due funi passate attraverso blocchi situati su ciascun lato della nave e poi legati a una piccola grata del boccaporto. Il marinaio veniva quindi ancorato alla grata come una barella improvvisata, con dei pesi attaccati alla grata invece che al marinaio. Sebbene non fosse una regola, la Royal Navy inglese adottò questa forma di punizione per lo più nell’XI secolo, mentre la Marina olandese più tardi, tra il 1560 e il 1853. Alcuni scrittori inglesi del XVII secolo, come Monson e Boteler, ne riportarono l’uso sulle navi da guerra inglesi anche se i loro riferimenti sono vaghi e non forniscono alcuna data certa. Sembra che non ci sia traccia di ciò nei registri delle navi inglesi dell’epoca, e lo storico navale Nicholas Rodger arrivò a dichiarare di non essere a conoscenza di prove certe che tale pratica fosse mai accaduta. Curiosa la testimonianza di un membro del parlamento inglese nel 1880, Shaw Lefevre, in merito alla presunta esecuzione di un giro di chiglia comminato sul HMS Alexandra.

La storia merita di essere raccontata. Un certo signor Taylor fece un’interpellanza al Segretario dell’Ammiragliato britannico, se fosse a conoscenza che, su alcuni giornali italiani (Palermo e Messina), era apparsa la notizia che un marinaio del H.M.S. Alexandra era stato condannato ad effettuare un giro di chiglia, ed era deceduto durante la punizione. Taylor chiese se l’Ammiragliato intendesse avviare indagini sull’argomento.  in qualità di membro del Parlamento Lefevre negò la veridicità dell’evento che era stata riportata dai giornali, ritenendo non necessario “insultare gli ufficiali della nave chiedendo se fosse vero”. Inoltre, riferì che l’ultimo riferimento a tale punizione risalisse alla visita dell’Imperatore russo Paolo I Petrovič Romanov ad una nave da guerra. Sembrerebbe che in quell’occasione l’imperatore chiese di poter assistere alla esecuzione di questa pena. Il comandante rispose che tale pratica estrema comportava la morte del malcapitato. Questo non turbò il monarca che offrì uno dei suoi collaboratori per l’esecuzione. 

The Keelhauling of the Ship’s Surgeon of Admiral Jan van Nes di Lieve Pietersz – il quadro si trova nel Rijksmuseum Museum di Amsterdam ed è datato 1660-1686.

Ammesso sia vero l’abbandono di tale usanza nella Royal Navy, sembrerebbe invece che fosse ancora una punizione ufficiale, sebbene rara, nella marina olandese, come mostrato nel dipinto intitolato The Keelhauling of the Ship’s Surgeon of Admiral Jan van Nes. Il dipinto fa luce su questa crudele punizione comminata al chirurgo dell’ammiraglio olandese van Nes descritta come “una severa punizione per cui il condannato è stato trascinato sotto la chiglia della nave su una fune. È servito come un terribile avvertimento a tutti i marinai. ” Notare la grande folla raccolta per assistere all’evento, come se fosse uno “spettacolo” volutamente inteso a intimidire potenziali trasgressori.

Questa testimonianza prova che il keelhauling era una punizione inflitta per vari reati nella marina olandese. Nello specifico era eseguita immergendo ripetutamente il reo sotto lo scafo della nave, passandolo da un lato e sollevandolo dall’altro, dopo essere transitato sotto la chiglia. I blocchi, o carrucole, ai quali era sospeso, erano fissati alle estremità opposte del ponte principale, e un peso di piombo o ferro (a volte una palla di cannone) era appeso alle sue gambe per mantenerlo ad una profondità adeguata. In pratica il malcapitato veniva lasciato cadere in mare, dove, passando lungo la chiglia della nave, veniva poi issato sul lato opposto della nave. In alcuni casi, gli ufficiali olandesi inserivano una spugna imbevuta d’olio nella bocca della vittima, che dava loro l’opportunità di estrarre una boccata d’aria aggiuntiva quando erano sott’acqua. Le vittime di questo estenuante metodo di tortura di solito non venivano riportate immediatamente sul ponte della nave, e venivano lasciate appese al pennone come avvertimento per gli altri marinai.

Le ferite erano causate da animali marini, comunemente chiamati denti di cane, appartenenti ai Cirripedi. Questi animali hanno un esoscheletro formato da sei piastre e vivono attaccati al fondo delle navi, alle cime di ormeggio ed alle palificazioni. Il loro duro guscio esterno è molto tagliente ed affilato e può causare tagli o graffi sul corpo degli incauti bagnanti. Il cemento che questi animali usano per attaccarsi ai substrati duri è attualmente allo studio per applicazioni dentali.

Una xilografia Tudor di Keelhauling. Per gentile concessione del Bournville Village Trust, Birmingham, Inghilterra.

Ma la tortura non sempre terminava al primo passaggio. Qualora il malcapitato fosse ancora vivo, il capitano della nave decideva se le loro ferite soddisfacevano o meno la punizione. In caso di rottura delle funi o della presenza di poche lacerazioni sul corpo generalmente poteva ordinare un altro giro sotto la nave, tre o più volte. L’episodio noto più recente sembra avvenne nel 1882, quando due marinai egiziani furono puniti con il keelhauling vicino ad Alessandria.

Oggi come oggi le punizioni corporali sono bandite in quasi tutte le Marine militari del mondo.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.
Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

print
(Visited 2.864 times, 11 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share