If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Pressione differenziale: un pericolo nascosto di Giorgio Caramanna

livello medio
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: serrette, pericolo, differenziale di pressione, sicurezza dell’immersione

 

Una differenza di pressione (ΔP) si genera quando due volumi a pressione diversa di un fluido vengono a contatto attraverso una apertura. Una situazione tipica è l’acqua all’interno di una diga; essa si trova ad una quota più elevata rispetto al canale di scolo per cui si genera una differenza di pressione che può essere anche molto elevata e che crea un forte flusso che scorre verso valle.  La regola generale è quel il flusso scorre sempre da volumi con maggiore pressione a quelli con minore pressione. Altre fonti di ΔP sono le pompe sommerse, le turbine e le eliche che muovono meccanicamente i flussi d’acqua.

Da un punto di vista fisico, la forza generata da  ΔP è in funzione della densità dell’acqua (ρ), dell’area dell’apertura che origina il flusso (A) e del quadrato della profondità (D) alla quale si trova detta apertura

F= D2 * ρ * A

La pressione differenziale genera una forza di suzione molto elevata anche con modeste differenze di livello connesse da aperture piccole. Ad esempio un’apertura di 30 cm di diametro alla profondità di 0,5 metri produce una forza di 35 kg. Questa forza tende a risucchiare qualsiasi oggetto, incluso un subacqueo, che si trovi a passare in prossimità dell’apertura.

Un pericolo da non trascurare
Una volta che un subacqueo è stato “catturato” dal ΔP le probabilità di liberarsi sono estremamente ridotte, se non nulle, con l’aggravante che eventuali altri subacquei che intervengano in soccorso possano a loro volta rimanere intrappolati.

La difficoltà principale è identificare quella che è definita la “zona di pericolo”, ossia la distanza minima da mantenere per non essere risucchiati dal flusso causato dalla ΔP. In generale il limite massimo della velocità della corrente che un subacqueo può gestire è di 0.5 m/s (circa un nodo); questo valore viene utilizzato per identificare la distanza limite al di sotto della quale la velocità del flusso indotto dal ΔP diviene pericolosa.

La tabella indica le distanze minime in funzione del valore del flusso.

Flusso (m3/s)

Distanza (m)

0.1

0.17

0.5

0.40

0.8

0.50

1.0

0.56

Si nota come il raggio d’azione del ΔP sia limitato anche nel caso di flussi elevati. Ad esempio un flusso di 1000 litri al secondo crea una zona di pericolo di circa mezzo metro attorno al punto d’origine del ΔP. Una volta che questa distanza minima è superata la velocità dell’acqua aumenta in modo esponenziale raggiungendo rapidamente valori che non possono essere gestiti dal subacqueo che verrà inesorabilmente risucchiato verso l’apertura originante il flusso rimanendovi intrappolato. Le limitate dimensioni della zona di pericolo rendono molto difficile la sua identificazione da una distanza di sicurezza; inoltre, molto spesso situazioni che originano ΔP sono anche associate con visibilità ridotta o nulla, come nel caso di operazioni in prossimità di chiuse e dighe, ed il subacqueo può facilmente entrare nella zona di pericolo senza rendersene conto. Purtroppo gli incidenti sono molto più frequenti di quanto si possa credere.

Aree dove è più probabile la presenza del ΔP includono:

Chiuse: consentono la navigazione in canali e fiumi con differenze nel livello dell’acqua. I punti di chiusura delle paratie ed i canali di scarico sono le zone in cui si può generare una ΔP.

Dighe usate per creare bacini idrici per la produzione idroelettrica o per realizzare una riserva idrica. La ΔP si può creare per un danno alla parete della diga, infiltrazioni alla sua base e in prossimità dei canali di scolo e delle condotte forzate.

Stazioni di pompaggio:  sono componenti indispensabili per la veicolazione ed il trasferimento dei liquami dalla prevasca agli eventuali trattamenti successivi e da questi allo stoccaggio finale. Essendo in grado di muovere larghi volumi d’acqua presentano  aree di potenziale ΔP come le prese d’acqua, le grate di protezione ed i canali di raccolta.

Imbarcazioni: lungo lo scafo dei natanti esistono diverse aree di potenziale con ΔP. Ad esempio le prese d’acqua delle pompe di raffreddamento, le eliche e qualsiasi breccia che si possa generare nello scafo. 

Il ΔP è identificabile dalla superficie per la presenza di specifici indicatori come vortici, ribollimenti e gorghi. Sebbene in acqua la velocità elevata del flusso associato al ΔP generi un rumore caratteristico che può avvertire il subacqueo di essere in prossimità di una zona di pericolo, le modalità di trasmissione del suono in acqua rendono molto difficile identificare l’esatta posizione della sua origine.

Un metodo empirico usato per localizzare la presenza di ΔP è di calare una cima con attaccato un peso modesto (come ad esempio un moschettone) e muoverla lentamente nell’area sospetta. Se un flusso è presente la corrente d’acqua indotta farà vibrare la cima. Questo metodo può essere utilizzato sia dalla superfice che in immersione. Un sistema più sofisticato è di utilizzare un correntometro acustico per generare un profilo del movimento dell’acqua ed identificare le zone a flusso più elevato.

Photo credit U.S. Navy photo del Senior Chief Mass Communication Specialist Andrew McKaskle/Released)

In tutte le situazioni dove un ΔP può essere presente le attività subacquee a circuito aperto sono normalmente proibite. In caso di verifica dello scafo di una nave, il sommozzatore non può immergersi senza che siano state fermate tutte le pompe di scarico a mare; in ogni caso i subacquei devono utilizzare ombelicale ed elmetto con un sistema di comunicazione vocale. Inoltre, l’operatore deve essere equipaggiato con un imbraco di sicurezza che possa essere utilizzato per rimuoverlo dall’acqua nel caso sia accidentalmente catturato dal flusso. Specifiche limitazioni nella lunghezza dell’ombelicale e la presenza di cime guida contribuiscono a ridurre il rischio di ingresso nella zona di pericolo. In ogni caso le immersioni in zone dove un differenziale di pressione è presente sono estremamente rischiose con un’elevata probabilità di rimanere intrappolati con esiti fatali. Questa attività è rigorosamente limitata ai subacquei professionisti che devono utilizzare configurazioni d’immersione specifiche ed appropriate metodologie.
.

Giorgio Caramanna

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 223 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share