If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La presenza di microplastiche è stata verificata nel 90% del sale da cucina … una minaccia sempre più emergente

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: sale da cucina, microplastiche, nanoplastiche

 

Le ricerche effettuate in tutto il mondo hanno dimostrato che pesci e crostacei contengono tracce di micro e nanoplastiche derivanti dall’enorme quantità di materiali che dalle aree costiere affluiscono nei nostri oceani. La luce del sole, il vento, le onde e il calore scompongono quel materiale in pezzetti sempre più piccoli che vengono ingeriti dalle forme viventi. Ma il pericolo non sembra provenire solo dall’ingestione di pesci, bivalvi  e crostacei che le hanno ingerite ma anche da alcuni sali usati per cucinare. 

Una ricerca, Global Pattern of Microplastics (MPs) in Commercial Food-grad Salts: Sea salt as an indicator of seawater MPs pollution, pubblicata dalla rivista Environmental Science & Technology e condotta da ricercatori della Corea del Sud e da Greenpeace East Asia, ha rivelato la presenza di microplastiche nel 90 percento delle marche di sale da tavola campionate in tutto il mondo. Secondo questo studio su 39 marchi di sale testati, 36 contenevano microplastiche. 

I risultati suggeriscono che l’ingestione umana di microplastiche attraverso prodotti marini è fortemente correlata alle emissioni in una determinata regione“, ha affermato Seung-Kyu Kim, professore di scienze marittime presso la Incheon National University in Corea del Sud e coautore dello studio.

luoghi di produzione – da studio citato

Le ricerche dimostrano che le microplastiche danneggiano le creature acquatiche, incluse tartarughe e uccelli; inoltre, bloccando il tratto digestivo, alterano il comportamento alimentare, il che riduce la crescita e la produzione riproduttiva. I loro stomaci sono tanto pieni di plastica che alcune specie muoiono letteralmente di fame. Oltre a questi effetti, le microplastiche si comportano come dei trasportatori di inquinanti chimici come i bifenili policlorurati (PCB), gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) e i metalli pesanti, che tendono ad aderire alle loro superfici porose, venendo “assorbiti” come se fossero delle spugne.

nanoplastiche, una minaccia invisibile ma presente ovunque

Detto questo, gli scienziati rimangono preoccupati per gli impatti sulla salute umana della plastica in mare perché, la sua presenza è in forte aumento e, alla fine, questi frammenti di microplastiche si degraderanno frammentandosi in nanoplastiche che, misurando da 0,001 a 0,1 µm (ossia da 1 a 100 nanometri), sono invisibili all’occhio umano. A causa di queste dimensioni esse possono penetrare nelle cellule e spostarsi nei tessuti e negli organi con conseguenze cliniche ancora non chiare.

Cosa fare per ridurre l’impatto?
Il problema come sempre è economico e politico. I rimedi sono noti: dall’emanazione di divieti sull’uso di alcuni tipi di plastica, alla riduzione degli imballaggi ed alla messa fuori legge della plastica monouso. Inoltre, l’ingegneria chimica consente di produrre polimeri biodegradabili che possono ridurre sensibilmente l’impatto sull’ambiente. Non ultimo sarebbe necessario investire in infrastrutture per catturare e riciclare questi materiali prima che raggiungano le falde acquifere ed il mare.

Va compreso che stiamo subendo un costante e crescente aumento dell’esposizione alle plastiche. Alcune di queste sostanze chimiche sono considerate interferenti endocrini che interferiscono con la normale funzione ormonale e possono influenzare lo sviluppo del cervello nei feti e nei bambini. Altri composti chimici, che vengono assorbiti dalla plastica, possono causare malattie gravissime come il cancro o difetti alla nascita. Tra di essi  il bisfenolo A, un composto che si utilizza per la produzione delle confezioni di alimenti, che favorisce l’obesità e ha potenziali conseguenze sulla riproduzione, ed il Triclosan, che si trova nei giocattoli ed agisce sul funzionamento degli ormoni maschili.

L’elenco sarebbe lungo. In generale si tratta di una vasta categoria di molecole e/o miscele di sostanze chiamate Endocrine-Disrupting Chemicals (EDC), in italiano “interferenti o perturbatori endocrini“, che alterano la normale funzionalità ormonale dell’apparato endocrino. Esse sono sostanze spesso vietate che imitano, bloccano o modificano silentemente gli ormoni umani. Le conseguenze sono diversificate e vanno dall’obesità al diabete, influenzano la riproduzione femminile e maschile e possono causare tumori ormono-sensibili nelle donne, il cancro alla prostata nei maschi, e patologie tiroidee e dello sviluppo neurologico e neuroendocrino. Non c’è da stare tranquilli.

da https://microplastics.whoi.edu/

Valutare gli impatti delle microplastiche marine sulla salute umana è una sfida non semplice sia perché le materie plastiche e i loro additivi agiscono in modo diverso a seconda del contesto fisico e chimico sia perché gli effetti possono cambiare a seconda delle creature con cui vengono a contatto. Inoltre, non si conosce come la trasformazione o la cottura degli alimenti influenzi la tossicità dei componenti microplastici ingeriti dagli organismi acquatici (in particolare dai filtratori come i bivalvi) e, quindi, quale livello di contaminazione potrebbe essere effettivamente nociva per gli umani.

da studio citato

La contaminazione dei sali
Lo studio citato affronta il problema della contaminazione dei sali (non solo marini) non solo da un punto di vista sanitario ma anche ecologico. L’analisi si basa sull’ipotesi che i sali marini commerciali, qualora non filtrati durante il processo di fabbricazione,  possano essere usati come  indicatori dell’inquinamento da microplastiche (MP) nell’ambiente. In estrema sintesi, sono stati raccolti campioni di sale da cucina provenienti da 21 paesi in Europa, Nord e Sud America, Africa e Asia, analizzando 39 diverse marche di sale prodotto in siti geo spazialmente diversi, tra cui 28 marche di sale marino di 16 Paesi/regioni in sei continenti. Le analisi hanno rivelato un’ampia gamma di contenuti di microplastiche (espressi in numero di microplastiche per kg di sale; n / kg): 0–1674 n / kg nei sali marini, 0–148 n / kg nel salgemma e 28–462 n / kg nel sale del lago. I sali marini, prodotti nei paesi/regioni asiatici, hanno mostrato un contenuto relativamente elevato di microplastiche mentre quelli meno inquinati sembrano essere quelli francesi e mediterranei.

La distribuzione geografica dei sali contenenti microplastiche per ogni paese o regione. Notare i livelli di abbondanza asiatici decisamente più elevati di quelli europei – dallo studio citato 

I risultati confermano che l’Asia è quindi un punto caldo dell’inquinamento globale da plastica, ma anche che il sale marino può essere un buon indicatore della grandezza dell’inquinamento da MP nell’ambiente marino circostante. Inoltre, è stato valutato che i livelli di microplastica risultano più alti nel sale marino, seguiti dal sale di lago e quindi dal sale di roccia. 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 94 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share