If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Una curiosa tradizione: 29 giugno e la nave di San Pietro di Paolo Giannetti

livello elementare
.
ARGOMENTO: TRADIZIONI DEL MARE
PERIODO: ESTATE
AREA: NA
parole chiave: 29 giugno

La “nave di San Pietro” è una tradizione popolare diffusa nel Nord Italia, in particolare in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino, Lombardia, Liguria e Piemonte. È diffusa inoltre in alcune vallate e territori della Toscana nordoccidentale: Garfagnana e Valdilima (Lucca), Valleriana (Pistoia) e Galciana (Prato).

la barca di San Pietro, un’antica tradizione da  https://www.pressmare.it

Nella notte fra il 28 e il 29 giugno (Festa dei SS Pietro e Paolo) è usanza porre un contenitore di vetro riempito d’acqua fredda a terra su di un prato, un giardino o all’esterno di una finestra, e colare nell’acqua un albume d’uovo. Il contenitore viene poi lasciato all’aria aperta per tutta la notte. Il mattino seguente si dovrebbero notare nell’acqua delle strutture, formate dall’albume, che ricordano una barca a vela o un veliero e che, secondo la credenza popolare, sarebbero prodotte dal soffio di San Pietro.

A seconda di come appaiono le “vele” si possono trarre i seguenti auspici:

– vele aperte: sole

– vele chiuse: pioggia

l’esperimento da www.blogredire.blogspot.com

Se poi si crea un bel veliero sarà di auspicio per un buon raccolto
La credenza vuole che San Pietro apostolo, che era in origine un pescatore, vada a soffiare all’interno dei contenitori facendo apparire una barca, dimostrando così la sua vicinanza ai fedeli. Secondo Wikipedia questa tradizione risalirebbe al culto di San Pietro apostolo, diffusosi nel nord Italia a partire dal XVIII secolo grazie ai monaci benedettini. In alcune zone e in altre varianti, la stessa tradizione si diffuse anche per il 24 giugno, festa di san Giovanni Battista. Non a caso, si fuse poi con gli eventi stagionali; il 29 giugno, coincide da sempre con periodi caratterizzati da un’alta attività di temporali, quindi attribuiti ad alcuni episodi evangelici (come la tempesta sedata da Gesù). La tradizione popolare, molto legata ai fenomeni atmosferici, determinanti per i raccolti agricoli e per le attività di pesca, diede  quindi luogo a questo curioso rito che, in vero, di cristiano ha ben poco. Se ne trova traccia in molti proverbi veneti come «L’è vero, l’è vero l’è rivà San Piero» Negli anni dell’emigrazione, nella Garfagnana l’esito di questa pratica veniva interpretato anche come auspicio per il viaggio in mare di coloro che si apprestavano a partire per le Americhe.

San Pietro e San Andrea, pescatori,  incontrano Gesù. Questa icona è stata commissionata dai pescatori dell’isola di Marettimo, per essere collocata in una piccola chiesa medievale sita nel complesso monumentale di contrada “Case romane”. Tempera all’uovo e doratura a bolo su tavola (tiglio) (2012)

Perché succede?
Niente di magico o di religioso ma un semplice fenomeno fisico. Il freddo-umido della notte fa aumentare leggermente la densità dell’albume che cade sul fondo del contenitore di vetro. L’ acqua fredda si riscalda grazie al calore rilasciato dalla terra e attraverso piccoli moti convettivi trascina con sé l’albume creando l’effetto delle vele.  A ciò si aggiunge l’effetto del primo mattino: l’albume si scalda nuovamente, diminuisce la sua densità e risalendo verso l’alto, “issa”, per così dire, le “vele”. In altre parole il fenomeno è dovuto alle variazioni termiche tra il giorno e la notte tipiche dei giorni di inizio estate e per vedere la nave, la giornata precedente deve essere ben assolata. Se volete provare, potete farlo anche in altri notti di questo periodo.

Ma vi sono altre leggende a riguardo di questo giorno
Nell’Ottocento era popolare la leggenda secondo cui al giorno di San Pietro debba seguire un temporale, perché il diavolo esce dall’inferno per quell’anniversario. Per questo motivo molti pescatori durante questa notte non escono in barca per timore di burrasche e temporali. In Sicilia c’è una credenza popolare che racconta che il mare di Palermo era  un tempo molto pescoso, in particolare di sgombri, ma solitamente in questo giorno dedicato al loro Patrono i pescatori non esercitassero la pesca. Tutto iniziò il 29 giugno del 1634, quando i pescatori locali, spinti dall’avidità e senza riguardo alla solennità del Santo,  uscirono in mare per pescare. In quella giornata non solo la pesca fu sfortunata ma per molti anni seguenti il mare non fu più pescoso. Fu così che i pescatori siciliani, tra superstizione e penitenza, presero come Patrono e loro protettore San Pietro. Da altre parti, invece, si pensa che questa notte sia proficua per la pesca e, secondo un’altra leggenda, la madre del santo è benevola nei confronti dei raccolti perché, nelle annate di siccità, il 29 giugno provvederebbe a far cadere una pioggia benefica. Non ultimo, per completezza, il 29 di giugno si festeggia anche San Paolo apostolo che, dal 1971, il Santo Padre confermò come patrono dei subacquei d’Italia. 

Cieli sereni

Paolo Giannetti

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 219 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share