If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Scoperti grandi fiumi sottomarini lungo le coste australiane

livello elementare
.
ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: oceanografia, movimenti delle masse d’acqua. densità, salinità, temperatura 

 

Grandi flussi d’acqua sottomarini sono stati scoperti al largo delle coste australiane. Studiare questi fiumi è importante per comprendere gli spostamenti dei materiali organici ed inorganici dalle coste agli abissi dell’oceano profondo.

Questi flussi d’acqua, chiamati tecnicamente “dense shelf water cascades“, si formano quando l’acqua poco profonda sulle coste perde calore durante i mesi più freddi.

Come si formano?
Come ricorderete  durante i mesi estivi  la migliore esposizione dei raggi solari permette un riscaldamento delle masse d’acqua, calore che poi verrà rilasciato nei mesi invernali quando le temperature ricominceranno a scendere. In Estate, a causa della maggiore evaporazione quest’acqua è già altamente salata, è più densa e sprofonda negli abissi in prossimità del margine della piattaforma continentale (Continental Shelf). Il nome di dense shelf water cascade fornisce quindi una buona idea di cosa accade. Il flusso di acqua più densa scende come una cascata verso gli abissi.

Presenza e variabilità stagionale delle discese di acqua densa lungo le piattaforme continentali australiane
Secondo un recente studio dell’Università dell’Australia Occidentale, pubblicato dalla rivista Nature, questo fenomeno era stato già documentato ma non era stato mai studiata l’influenza stagionale su questi flussi di acqua. Negli ultimi decenni, questi fenomeni sono stati oggetto di numerose indagini e definiti come pennacchi fluviali (plume) o come Regioni di influenza delle acque dolci (ROFI), aree in cui il regime idrodinamico è governato dal gradiente di densità positiva tra acqua fluviale (a bassa salinità) e quella oceanica (a salinità più elevata).

In particolare, le regioni costiere che vivono in un clima mediterraneo (estati calde e secche, inverni miti e più freddi e basse precipitazioni) sono soggette ad alti tassi di evaporazione con apporti fluviali trascurabili (con conseguente perdita netta di acqua dolce dalla regione costiera). Pertanto, i corpi idrici costieri diventano più salati delle acque oceaniche circostanti con una densità che diminuisce dalla costa all’oceano. Man mano che subentra il raffreddamento delle acque, durante il tardo autunno e l’inverno, questo contrasto di densità aumenta. Questo comporta che invece di verificarsi un plume di galleggiamento, a causa dell’ingresso di acqua dolce, il gradiente negativo di densità determina un flusso diretto di acqua più densa lungo il fondale marino verso il mare aperto.

Schema dell’influenza della miscelazione verticale delle acque indotta dal vento e dalla marea sulla piattaforma continentale in presenza di un gradiente di densità tra le piattaforme: (a) In caso di miscelazione verticale indotta dal vento e dalle maree basse, è presente una cascata d’acqua di maggiore densità sulla piattaforma; (b) Sotto forte miscelazione verticale, la colonna d’acqua è ben miscelata sebbene sia presente un gradiente di densità (modificato da Mahjabin et al.) – dallo studio citato

Si tratta di una caratteristica simile a quella osservata nei sistemi estuari “inversi” situati nei climi mediterranei con immissione di acqua dolce trascurabile o intermittente e perdita di acqua dolce per evaporazione.

Nelle regioni costiere, questo flusso delle acque legato alle differenti densità viene definito Dense Shelf Water Cascade (DSWC). In realtà i DSWC documentati nel Mar Mediterraneo sono episodici e la loro formazione legata a condizioni atmosferiche specifiche. Ad esempio, nel Mare Adriatico settentrionale, il DSWC si verifica solo negli anni in cui vi è un sostanziale raffreddamento dell’intera colonna d’acqua associata ai venti di bora invernali, legati da scarichi fluviali minori del solito

I dati di osservazione sono stati raccolti utilizzando apparecchiature di osservazione dell’Australian Integrated Marine Observing System (IMOS). Foto: Dennis Stanley / University of Western Australia.

Dopo aver analizzato i dati raccolti tra il 2008 e il 2019 raccolti grazie a glider lanciati da otto località della costa australiana che hanno fornito un’enormità di dati. La brillante autrice dello studio, Tanziha Mahjabin, che ha completato il progetto come parte della sua tesi di dottorato, ha dichiarato che la quantità di dati collezionati è equivalente a quella raccoglibile in “più di 2.500 giorni in mare“.

L’autrice Tanziha Mahjabin con uno dei glider impiegati per lo studio

Questi veicoli subacquei autonomi fanno parte del sistema di osservazione marina integrata dell’Australia e sono dispiegati lungo le coste per la raccolta di dati sulla temperatura e la salinità dell’acqua.

La climatologia della temperatura superficiale del mare (SST) nei mesi di maggio e giugno intorno alle piattaforme continentali australiane mostra una fascia di acqua più fresca sulla costa. Notate le diverse scale di temperatura. da studio citato

Queste misurazioni hanno permesso ai ricercatori di dedurre la densità dell’acqua, scoprendo la presenza di questi fiumi sottomarini. In particolare i ricercatori hanno scoperto che i fiumi sottomarini sono un evento regolare durante i mesi autunnali e invernali in Australia (equivalenti ai nostri periodi primaverili ed estivi) attraverso un arco di 6.213 miglia (10.000 chilometri). Il loro andamento non sembra subire l’influenza dei forti venti e delle maree locali.

Questi alianti subacquei sono stati dotati di sensori per rilevare materia organica e clorofilla, un pigmento verde presente nelle piante, nelle alghe e nei cianobatteri, che hanno rivelato che questi fiumi sottomarini australiani sono canali di trasporto per il materiale organico attraverso la piattaforma continentale fino nelle profondità dell’oceano.

L’oceano costiero è il bacino di ricezione della materia sospesa e disciolta che include sostanze nutritive, materia vegetale e animale ed inquinanti, e rappresenta una componente importante dell’ambiente oceanico, collegando la terra all’oceano più profondo“, ha dichiarato Yasha Hetzel, ricercatrice della Oceans Graduate School dell’Università dell’Australia Occidentale.

Tasso di evaporazione annuale in Australia (Yu, 2007) e siti di studio selezionati con intervallo di marea e velocità media del vento in estate e in inverno: (i) Kimberley; (ii) Pilbara; (iii) Due rocce; (iv) Investigator Strait; (v) Port Stephens; (vi) Yamba; (vii) Capricorn Channel. da altro studio della stessa autrice 

In sintesi, la presenza di Deep Shelf Water Cascades (DSWC) in Australia dimostra che questo fenomeno funge da condotto per il trasporto di materiale sospeso attraverso la piattaforma continentale ed è un processo critico che influenza la qualità dell’acqua sulla piattaforma continentale interna. Un nuovo passo avanti per meglio comprendere le dinamiche degli oceani.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 64 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share