If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La gestione agronomica delle risorse idriche come strumento per la condivisione del bene più prezioso: l’acqua di Pietro Minei

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MONDO
parole chiave: acqua

L’acqua una risorsa strategica. Essa rappresenta il principale elemento del pianeta ma, nonostante ne ricopra la maggiore superficie, molte persone e molti paesi non riescono ad accedere a questo bene prezioso ed indispensabile. Il 71% della superficie terrestre è ricoperta di acqua. Essa rappresenta il principale elemento disponibile sul pianeta. Tuttavia l’acqua dolce rappresenta solo il 3% dell’acqua presente sulla terra e solo una minima parte di questa è idonea all’agricoltura. La risorsa idrica in agricoltura è il fattore più importante e limitante per lo sviluppo. I rapidi cambiamenti climatici in atto stanno privando vaste aree del pianeta di questa indispensabile risorsa, impoverendo le popolazioni e generando conflitti per il suo controllo. Si stima infatti che circa quattro miliardi di persone non riescono ad accedere all’acqua utile a soddisfare i fabbisogni minimi giornalieri.

la desertificazione della Terra: un disastro annunciato  da www.bioecogeo.com 

L’Area Mediterranea è particolarmente interessata al fenomeno della desertificazione, non solo da un punto di vista ambientale, ma anche e soprattutto da un punto di vista sociale e geopolitico. Le ondate migratorie degli ultimi anni ci hanno mostrato scenari del tutto inaspettati ed al di sopra di ogni ragionevole aspettativa. Se dovessimo analizzare quali sono le motivazioni che hanno generato gli esodi di intere popolazioni, sicuramente emergeranno problematiche quali la povertà, i conflitti regionali, le persecuzioni delle minoranze. Quasi sempre le aree interessate a queste problematiche hanno in comune gli effetti del cambiamento climatico ovvero, la scarsità delle risorse indispensabili allo sviluppo quindi l’acqua ed il suolo fertile e di conseguenza la mancanza di cibo.

I conflitti si aggravano quando la risorsa idrica è condivisa tra diversi stati. E’ il caso del fiume Giordano, del Sistema Acquifero Guaranì in Sudamerica, ma il numero di conflitti è in grande crescita, tant’è che le Nazioni Unite hanno stilato una mappa mondiale globale in grado di prevedere dove potrebbero sorgere conflitti legati alla carenza idrica.⃰  Senza acqua, senza cibo, senza salute, senza casa ed energia, nessun modello di sviluppo può essere praticabile. La risorsa idrica potabile rappresenta il primo presupposto per lo sviluppo.

Ma perché l’acqua scarseggia?
Le cause sono diverse come ad esempio l’utilizzo quasi esclusivo da parte delle multinazionali di circa il 75%, la mancanza di piogge per lunghi periodi, l’innalzamento delle temperature medie stagionali, l’uso insostenibile delle acque di irrigazione, la mancanza di infrastrutture, la mancanza di innovazione nel settore agricolo, uno scorretto utilizzo della risorsa idrica, l’impiego di colture intensive o che richiedono enormi volumi di acqua come, ad esempio, nel caso del cotone egiziano che utilizza più di 128.000 litri di acqua per ettaro al giorno: numeri spaventosi.

Il problema non è solo la mancanza di disponibilità della risorsa, ma anche la scarsa qualità di quella disponibile che ne rende impossibile l’utilizzo.
La scorretta gestione delle risorse idriche in agricoltura ha causato il fenomeno della desertificazione del terreno, fenomeno che interessa anche molte aree del Sud Italia. Paradossalmente la causa della desertificazione è stata la stessa l’acqua utilizzata per l’irrigazione, con contenuti di sodio notevolmente superiori al limite massimo consentito e che dalla falda (spesso contaminata dall’acqua marina) è stato trasportato e depositato sulla superficie del terreno desertificandolo. La mancanza di conoscenza delle analisi preliminari (necessarie per valutare l’idoneità dell’acqua ai fini irrigui) e la mancanza di conoscenza delle tecniche agronomiche (utili a limitare gli effetti negativi causati dall’impiego di acque non idonee) hanno causato danni oltre che alle colture anche e soprattutto all’economia. Infatti i cali di produzione procurati dalla presenza di alte concentrazioni di sodio nelle acque di irrigazione, possono raggiungere percentuali maggiori del 40%, rendendo praticamente persa un’annata produttiva. Negli ultimi anni stanno assumendo particolare interesse le acque reflue derivanti dagli scarti dell’industria, delle stalle, dei frantoi, scoli delle città. Queste categorie di acque per essere idonee ai fini irrigui devono essere preventivamente depurate, richiedendo pertanto dispendio energetico.

Spesso l’utilizzo dell’acqua è troppo oneroso rispetto al tornaconto e molte realtà produttive cessano la propria attività.
La mancanza di acqua impoverisce i territori causandone lo spopolamento e l’abbandono. La corretta gestione dell’acqua dovrebbe essere il punto di partenza del già complesso dibattito sul clima ed ambiente.

Il principale obiettivo che la comunità internazionale dovrebbe perseguire è rendere facilmente accessibile l’acqua all’intera popolazione mondiale proprio per contrastare gli squilibri geopolitici che spesso causano conflitti, ridurre gli sprechi con l’impiego delle nuove tecnologie, dotarsi di nuove infrastrutture per l’approvvigionamento, la gestione e la distribuzione. Diffondere le nuove conoscenze agronomiche ed ingegneristiche nei paesi in via di sviluppo. Il tema della corretta gestione delle risorse idriche in agricoltura è molto complesso e richiede ampi ed attenti approfondimenti sia dal punto di vista puramente tecnico ed anche dal punto di vista degli equilibri geopolitici.

Pietro Minei, analista di Vision & Global Trends

*https://www.waterpeacesecurity.org/map

 

Pietro Minei
Analista Agricoltura, Clima, Ambiente e Risorse Marittime presso Vision and Global Trends

articolo originariamente pubblicato su Vision and global trends 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 51 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share