If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La Libia di Qadhdhāfī di Andrea Mucedola

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XX – XXI SECOLO
AREA: MEDITERRANEO
parole chiave: Libia, Gheddafi

 

gommoni della guardia costiera libica – foto Reuters

Oggi raccontiamo la storia di Muʿammar Gheddafi, la guida della Rivoluzione della Gran Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista. La sua leadership nel bene e nel male disegnò la politica libica per decenni, di fatto creando non pochi momenti di tensione che misero a volte in pericolo la sicurezza del Mediterraneo. Comprendere la storia della Libia sotto Gheddafi è importante per analizzare con maggiore comprensione le crisi attuali nel Mediterraneo che potrebbero derivare dal delicato gioco delle potenze per assicurarsi le risorse di questo ricco Paese.   

Il dittatore libico, che in un modo o nell’altro fece parlare di se per tutto il XX secolo, era nato nel 1942 in una tenda, facendo parte della tribù di Qadhadhfa, da cui il nome comunemente usato di Gheddafi (che in realtà identifica la sua etnia, una delle tante tribù minori del deserto libico). Dopo una breve carriera militare, alla fine degli anni ’50, Gheddafi frequentò la scuola coranica di Sirte, restando affascinato dalle idee panarabe del Presidente egiziano Gamal Abd el-Nasser. Una volta concluso il corso presso l’Accademia militare di Bengasi (nel 1966) e, dopo aver svolto un breve periodo di specializzazione in Gran Bretagna, cominciò la sua carriera nelle file dell’esercito libico, ricevendo la nomina al grado di capitano all’età di 27 anni. In quegli anni, nella sua mente si disegnò il progetto che cercò di realizzare per tutta la sua vita: una terza via che rigettava l’insieme dei principi della democrazia liberale, proponendo nuove idee basate sul socialismo, panarabismo , democrazia diretta  e conservatorismo. Tutto ottenuto attraverso il coinvolgimento del popolo al processo politico attraverso gli strumenti del “Congresso popolare” e dei “Comitati popolari”. In realtà furono proprio questi ultimi a trasformare il regime in un sistema non democratico e repressivo. 

Idris I di Libia

Insoddisfatto del governo del re Idris I di Libia, giudicato troppo accondiscendente verso le influenze straniere, in particolari francesi e statunitensi, il 26 agosto 1969 si pose alla guida del colpo di Stato, che portò, il 1 settembre dello stesso anno, alla proclamazione del nuovo regime inizialmente guidato dal Consiglio del Comando della Rivoluzione. Una volta al potere, Gheddafi, si auto-nominò colonnello e trasformò il regime in una dittatura, abolendo le elezioni e tutti i partiti politici. Inutile dire che chi si opponeva veniva eliminato dalla scena.

La politica del suo primo ventennio viene definita dai suoi sostenitori una “terza via” rispetto al comunismo e al capitalismo; un insieme, a volte non chiaro, dei principi del panarabismo e della socialdemocrazia che Gheddafi descrisse nel Libro verde nel 1976. In quel volumetto, scritto secondo i puristi in un arabo molto semplice, proclamò l’emancipazione e l’autodeterminazione africana nei confronti del neocolonialismo perpetuato dai paesi occidentali.

In nome del Nazionalismo arabo, decise di nazionalizzare la maggior parte delle proprietà petrolifere straniere, di chiudere le basi militari statunitensi e britanniche e di espropriare tutti i beni delle comunità italiana ed ebraica, espellendole dal Paese. Arrivò a proporre una moneta unica panafricana denominata “Dinaro d’oro”, in alternativa al dollaro, da usare nelle contrattazioni commerciali. Ideò una Banca Africana che avrebbe dovuto promuovere l’unione economica dei Paesi africani per rendere il continente nero più indipendente, forte ed emancipato dal sistema monetario internazionale.

Nel 1977, grazie ai maggiori introiti derivanti dal petrolio, il regime decise di effettuare alcune opere a favore della propria nazione, con la costruzione di strade, ospedali, acquedotti e industrie. Proprio sull’onda della popolarità di tale politica, nel 1979, Gheddafi rinunciò ad ogni carica ufficiale, pur rimanendo di fatto l’unico vero leader del Paese, serbandosi solo l’appellativo onorifico di “Leader della Rivoluzione“. Una dittatura che, secondo un suo detto, non era un male  in quanto “Le dittature non sono un problema se fanno il bene della gente.” Sul “bene” ci sarebbe da discutere, col senno del poi. 

Di fatto Gheddafi reggeva la Libia con il pugno di ferro anche grazie ad un complesso gioco di alleanze interne ma anche esterne, miranti ad ottenere la leadership del Nord Africa. Un uomo spregiudicato, tirannico e divorato da insaziabili ambizioni che lo portarono ad essere tutto ed il contrario di tutto. Negli anni ’80 Gheddafi appoggia organizzazioni legate alla lotta contro Israele (OLP) e si propone come leader di un’unione politica tra i tanti Stati islamici dell’Africa, radicalizzando sempre più le posizioni anti-israeliane e anti-statunitensi. Arriva anche a sostenere altri gruppi terroristi, tra cui l’IRA irlandese e il Settembre Nero palestinese, venendo accusato dall’Intelligence statunitense di avere connessioni con gruppi colpevoli di importanti attacchi terroristici. 

Ricorderete che in quel periodo avvenne anche l’abbattimento del DC 9 di Ustica, uno dei misteri italiani mai completamente chiariti. Secondo le ipotesi più probabili, in quel tragico giorno un missile aria/aria sarebbe stato lanciato da un velivolo militare francese contro un caccia libico MiG-23 che avrebbe tentato di nascondersi nella traccia radar del DC-9 italiano. Il missile anziché colpire il MiG avrebbe raggiunto e abbattuto l’aereo passeggeri italiano. All’origine dell’intervento la convinzione francese che sul velivolo libico si trovasse proprio il colonnello Gheddafi, personaggio particolarmente inviso all’allora presidente francese Valéry Giscard d’Estaing. 

All’alba del III millennio, dopo gli attacchi terroristici alle torri gemelle, l’11 settembre 2001, Gheddafi, da sempre sospettato di azioni terroristiche pere terra e per mare (ricordo il minamento occulto effettuato da una nave libica nel mar rosso nel 1984) condannò pubblicamente Osama bin Laden, arrivando a mettere una taglia sulla sua testa. E’ il periodo in cui il leader libico si oppose al proliferare del fondamentalismo islamico, arrivando a fornire informazioni intelligence al governo statunitense su Al-Qaeda e ad altri gruppi terroristici. Gli anni 2000 videro Gheddafi protagonista del riavvicinamento tra Italia e Libia, sancito da diverse visite ufficiali del capo libico in Italia e della controparte italiana in Libia. Ma come era la situazione interna? Gheddafi aveva veramente il consenso del suo Paese?

Questa sua apparente coesione interna era in realtà basata su un regime che non lasciava spazio alle opposizioni interne.
Un fattore indiscutibile che comportò numerosi appelli e critiche da parte di molte organizzazioni umanitarie a causa dei maltrattamenti interni che venivano perpetuati sui dissidenti ma anche sui migranti africani che si avvicinano alle coste libiche per traghettare in maniera clandestina verso Europa. Gheddafi non se ne curò più di tanto e continuò la sua battaglia contro quelli che considerava soprusi dell’Occidente, arrivando a chiedere un risarcimento di 777 miliardi di dollari ai paesi colonizzatori. Nel Libro verde affrontò il problema dei medicinali e dei vaccini che non dovevano essere venduti ma gratuiti, criticando le aziende farmaceutiche occidentali che, a suo dire, producevano virus per poi proporre vaccinazioni e realizzare un profitto. 

Interessante fu in quel periodo il riavvicinamento verso L’Italia. Grazie al Governo Berlusconi, venne firmato l’accordo italo-libico in cui l’Italia si impegnava a versare 250 milioni di dollari all’anno di risarcimento per i prossimi vent’anni ed a realizzare un certo numero di opere pubbliche tra cui l’autostrada Tripoli-Bengasi., in cambio di interessanti accordi petroliferi 

Ma il suo progetto più significativo, e forse meno conosciuto, fu la realizzazione del Grande fiume artificiale, un acquedotto che preleva acqua dolce fossile dalle profondità del Sahara libico, trasportandola per centinaia di chilometri verso le città costiere di Tripoli, Bengasi, Sirte, Tobruk, dove risiede il 70% della popolazione. Per dare un idea di questa opera faraonica, nel 1996 il progetto aveva raggiunto una delle sue fasi finali: nelle case e nei giardini dei cittadini della capitale Tripoli zampillava acqua dolce non inquinata. Oltre cinque milioni di metri cubi di acqua al giorno venivano trasportati attraverso il deserto verso le zone costiere, incrementando la quantità di terra coltivabile. 

L’acquedotto comprende una rete di tubi del diametro di quattro metri che furono interrati per eliminare l’evaporazione. Il sistema si estende per 4.000 km dal deserto fino alle città della costa.

Nel febbraio del 2011, sull’onda della Primavera Araba, nacquero anche in Libia disordini popolari che ben presto sfociarono in una guerra civile sanguinosa. L’intervento militare internazionale in Libia del 2011 iniziò il 19 marzo ad opera di alcuni paesi autorizzati dalla risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza che, nel marzo dello stesso anno, aveva istituito una zona d’interdizione di volo sul Paese nordafricano.

L’intervento fu inaugurato dalla Francia con un attacco aereo diretto contro le forze terrestri di Gheddafi attorno a Bengasi, attacco seguito, qualche ora più tardi, dal lancio di missili da crociera tipo “Tomahawk” da navi militari statunitensi e britanniche su obiettivi strategici in tutta la Libia. Il 20 ottobre 2011, risultando vana ogni ulteriore resistenza nella difesa di Sirte, Muʿammar Gheddafi tentò di guadagnare il deserto per continuare la lotta, ma il convoglio in cui viaggiava fu individuato da droni statunitensi ed attaccato da parte di aerei militari francesi. Gheddafi fu catturato vivo ma dopo aver ricevuto violenze di ogni tipo, fu ucciso con un colpo di pistola alla testa. il suo cadavere fu trasportato a Misurata, esposto al pubblico e, quindi, sepolto in una località segreta nel deserto libico.

Un combattente ribelle celebra mentre i suoi compagni sparano un missile verso le posizioni di truppe fedeli al sovrano libico Muammar Gheddafi, 14 aprile 2011 ad ovest di Ajdabiyah, Libia. (Foto di Chris Hondros / Getty Images)

Moriva così un dittatore feroce che si era macchiato di crimini aberranti contro l’umanità e che sognava un Africa diversa, libera da influenze occidentali, che si era opposto alle politiche francesi in Africa sin dai tempi in cui era entrato in guerra contro il governo del Ciad per annettersi il territorio della Striscia di Aozou, ritenuto ricco di giacimenti di uranio. 

Il Post Gheddafi
Sono passati più di otto anni dopo la caduta del regime di Gheddafi, e la situazione in Libia non si è ancora stabilizzata. Le vecchie ruggini tra le tribù riflettono faide di vecchia data, un tempo controllate con il pugno di ferro dall’ex leader massimo ed ora ricadute in conflitti tribali.

I libici celebrano nella piazza dei martiri di Tripoli. Foto AFP / Mahmud Turkia/Getty Images

Di fatto la Libia è sprofondata in una nuova guerra civile, con una pericolosa ascesa delle forze islamiste, in parte legate anche allo Stato Islamico dell’autoproclamato “califfo” Abū Bakr al-Baghdādī e ad altre fazioni terroristiche. Ma quali furono e sono le conseguenze per l’Europa e soprattutto per l’Italia? Qual’è il ruolo della Turchia e della Russia? Lo scopriremo nel prossimo articolo.

Fonti
Blundy, David; Lycett, Andrew (1987). Qaddafi and the Libyan Revolution. Boston and Toronto: Little Brown & Co. 
Sergio Romano, (2015)  La quarta sponda. Dalla guerra di Libia alle rivolte arabe, Longanesi
Remondino (2011) Le bugie colonialiste su Libia e Africa, da https://www.globalist.it/
Umberto De Giovannangeli, Libia: due governi, due parlamenti, 140 tribù, 230 milizie (oltre l’Isis). Fotografia di un rebus inestricabile per l’Onu, L’Huffington Post
Wikipedia, vari
Storia della Libia, Zanichelli

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 99 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share