If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Emissioni di gas dal terreno … cosa fare? – Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOFISICA
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: emissioni di gas
.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) italiano è uno dei più grandi Enti di ricerca europei. L’INGV opera nel settore delle ricerche geofisiche, sismologiche e vulcanologiche sul territorio nazionale avvalendosi delle sedi di Roma, Napoli, Milano, Palermo, Catania, Bologna e Pisa.

Pubblichiamo oggi una Geopagina, che riteniamo possa essere di interesse per molti. Le geopagine, per chi non le conoscesse, sono reperibili sul sito dell’INGV ed hanno scopi di formazione e divulgazione scientifica. Queste pagine sono promosse dall’INGV per le scuole e per il pubblico nel campo delle Scienze della Terra, progettando e realizzando materiale editoriale e multimediale che viene diffuso in occasione di mostre e manifestazioni culturali. La Geopagina che presentiamo oggi è stata realizzata dalla dottoressa Concetta Nostro del Centro Nazionale Terremoti dell’INGV  e riguarda un fenomeno, tutt’altro che raro: le emissioni di gas dal terreno.

Il 18 settembre 2001, 29 bovini al pascolo in località Cava de’Selci (Marino), nei Colli Albani, sono morte asfissiate a causa dell’emissione di CO2 dal suolo … l’area laziale presenta numerose zone che presentano la possibilità di emanazioni 

Nelle aree vulcaniche e sismiche spesso si osservano rilasci improvvisi di gas dal suolo o da acquiferi in presenza di determinate strutture geologiche, come faglie e/o sistemi di fratture, in concomitanza di terremoti o in occasione di scavi effettuati per la realizzazione di pozzi. I gas naturali, quali l’anidride carbonica (CO2), il radon (Rn) e l’idrogeno solforato (H2S), migrano dal suolo, risalendo lungo piccole fratture, tubi e condutture, concentrandosi nelle parti basse delle abitazioni. L’anidride carbonica e il radon sono gas più pesanti dell’aria e, in mancanza di ventilazione, ristagnano in prossimità del pavimento. Inoltre il radon può essere rilasciato anche dalle pareti se queste sono costituite da rocce vulcaniche come i blocchi di lava o di tufo.

I gas che risalgono dal suolo possono formare bolle in acqua stagnante accumulandosi nelle depressioni e danneggiando la vegetazione. La presenza di questi gas può addirittura provocare la morte di piccoli animali per asfissia e mettere in serio pericolo la vita umana.

 

Effetti sulla salute della respirazione di anidride carbonica

Limiti di esposizione
(vol. % aria)
Effetti sulla salute
2 – 3 Inavvertiti durante il riposo, ma può esservi un marcato affanno sotto sforzo
La respirazione diventa più profonda e frequente durante il riposo
3 – 5 Il ritmo della respirazione aumenta. Esposizione prolungata provoca mal di testa
Respirazione molto faticosa, mal di testa, affaticamento, polso irregolare
7.5  Respiro affannoso, aumento del battito cardiaco, mal di testa, affaticamento, vertigini, debolezza muscolare, perdita delle capacità mentali, sonnolenza, ronzio negli orecchi
8 – 15 Mal di testa, vertigini, vomito, perdita di conoscenza seguita da morte se al paziente non viene immediatamente somministrato ossigeno
10  Deficienza respiratoria, perdita di conoscenza dopo 10 – 15 minuti
15 Concentrazione letale, esposizioni a livelli superiori a questa sono intollerabili
25 o più Con soli pochi respiri, si producono convulsioni, rapida perdita di conoscenza e morte

N.B.: negli ambienti di lavoro il livello tollerato è di 0,5 % per 8 ore ( direttiva Commissione UE 91/322)

Effetti sulla salute della respirazione di idrogeno solforato

Limiti di esposizione (ppm aria) Effetti sulla salute
20 Concentrazioni tollerabili per alcune ore senza effetti
50-60 Esposizione prolungata provoca faringiti, bronchiti e congiuntiviti
>150 Irritazioni al tratto respiratorio superiore; non si avverte più l’odore tipico dell’idrogeno solforato
250 Edema polmonare con rischio di morte
450 Concentrazione molto pericolosa; rischio di morte
>1000 Immediata perdita di conoscenza, intossicazioni acute, nausee, vomito, coma e cessazione del respiro con morte

N.B.: negli ambienti di lavoro il livello tollerato è di 10 ppm per 8 ore (direttiva Commissione UE 91/322) 


Cosa fare?

– Ventilare i locali chiusi da molto tempo, come cantine, garage, lavatoi, prima di accedervi.

– Non utilizzare locali interrati e seminterrati per attività abitative, lavorative, ricreative e soprattutto per ricovero notturno; vietare l’accesso negli scantinati ai bambini, se non accompagnati da adulti.

– Dotare i locali interrati e seminterrati di un impianto di ventilazione forzata, per garantire un’adeguata circolazione dell’aria e impedire pericolosi accumuli di gas tossici negli ambienti chiusi.

– Evitare la permanenza prolungata in strutture depresse, eventualmente presenti all’esterno delle abitazioni (piscine vuote, canali di raccolta delle acque, cisterne interrate, pozzi, ecc.) e accedervi con grande prudenza, avendo l’accortezza che all’esterno della struttura vi sia qualcuno in grado di prestare l’eventuale soccorso.

– Segnalare con la massima urgenza al Comune di appartenenza situazioni potenzialmente pericolose per la salute pubblica, come la presenza di animali morti senza motivi apparenti, l’impossibilità di crescita, l’ingiallimento e il repentino appassimento di erba, alberi e piante, la fuoriuscita di gas da pozzi o scavi.

– Prendere queste semplici precauzioni può aiutare a convivere con il rilascio anomalo di gas e a prevenire situazioni pericolose ad esso connesse.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 126 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »