If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La tradizione dell’orecchino nelle antiche marinerie di Paolo Giannetti

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINERIA
PERIODO: NA
AREA: TRADIZIONI
parole chiave: tradizioni marinare, marinai, orecchino

 

Leggendo vari testi e consultando il web, capita di imbattersi nelle più svariate teorie sul perché i marinai, nel passato, indossassero gli orecchini. Secondo le usanze della vecchia marineria, per qualsiasi pirata, l’orecchino, insieme alla benda e alla bandana, costituiva un ‘accessorio’ fondamentale perché si credeva portasse fortuna e lo proteggesse dall’annegamento oltre che … tener lontano lo scorbuto.

L’uso dell’orecchino per i naviganti si diffuse in Inghilterra nella seconda metà del ‘500 quando, attraverso le rotte per l’Asia, i marinai europei conobbero pratiche come il ‘body piercing’ e l’agopuntura (con le relative mappe dei punti di pressione). Attraverso questi contatti multi culturali questi viaggiatori, non sempre di grande cultura, assimilarono conoscenze di altri popoli, spesso senza comprenderne il valore. Fu così però che si diffusero nel vecchio continente nuove usanze ma anche superstizioni orientali ed africane. L’ orecchino (in oro) rappresentava il loro tesoro: se fossero morti in navigazione e gettati in mare, i marinai avrebbero trovato la pace nell’aldilà solo se il loro corpo fosse stato seppellito a terra: l’orecchino rappresentava la ricompensa per chi mai, trovato il loro cadavere restituito dal mare, si fosse occupato della sepoltura. Alcuni vi incidevano addirittura il nome della loro città natale (come si usa nelle piastrine dei militari) per far si che potessero essere sepolti in patria. Alcuni hanno scritto, invece, che per assicurarsi una degna sepoltura i marinai portavano delle monete nella cintura.

Una delle tante superstizioni come non fischiare a bordo in quanto ispiratrici di tempeste, o avere un tatuaggio (chissà perchè di buon augurio), o lanciare un paio di scarpe fuori bordo subito dopo il varo di una barca.  Al i là della superstizione si pensava anche che il buco all’orecchio potesse migliorare la vista, fondamentale in mare, per individuare scogli pericolosi e vascelli nemici. Cosa curiosa, se pensate che gli agopunturisti di oggi utilizzano i punti di pressione sui lobi delle orecchie proprio per la cura dei problemi di vista. Forse appresa nei lunghi viaggi oltreoceano.

Lupi di mare
Secondo alcune versioni, i marinai portavano un solo orecchino d’oro, mentre secondo altre, ne portavano più di uno in ricordo di navigazioni importanti, come l’attraversamento dell’Equatore o il doppiaggio di Capo Horn. In quest’ultimo caso, se il passaggio era avvenuto da Ovest verso Est, si forava l’orecchio sinistro (quello rivolto verso il Capo), mentre il destro si forava per il passaggio da Est verso Ovest (assai più arduo contro venti e correnti predominanti).

Il massimo numero di orecchini era quattro, due per lobo, e venivano indossati dopo aver doppiato ciascuno dei seguenti quattro Capi geografici: 

– Capo Horn (Sud America)
– Capo di Buona Speranza (Sud Africa)
– Capo Finisterre (Spagna del nord)
– Capo Leuween (Nuova Zelanda). 

In altre parole, più orecchini venivano sfoggiati più si dimostrava di essere un “Lupo di Mare” così da incutere timore e ottenere rispetto dai subalterni … oltre che per darsi un’aria furbesca.

The Guardian frigate, commandata dal Lieutenant Riou, Carington Bowles, 1790, Walpole

Si legge, inoltre, che “i marinai omosessuali dichiaravano la loro disponibilità a rapporti al resto dell’equipaggio con l’orecchino indossato sul lobo destro”. Ma su questo ci sono molti dubbi.

Sulla presunta omosessualità dei marinai si è spesso ricamato. In un articolo pubblicato su British Tars, l’autore Kyle Dalton sostiene che, almeno in ambito anglosassone, si tratti dell’ennesima fake news, ovvero le notizie riportate sui testi dell’epoca non accalorano la tesi di una vasta omosessualità tra i marinai. A tal riguardo, Rodger sostenne nel suo libro The Wooden World: An Anatomy of the Georgian Navy che gli atti di omosessualità non erano così comuni nella metà del XVIII secolo come molti presumono, sottolineando che “Sembra che ci siano stati solo undici tribunali marziale per la sodomia durante la guerra [Sette anni’], di cui quattro hanno portato ad assoluzioni, e sette condanne con minore accusa di indecenza o ‘impurità”. Questa non sembra una cifra straordinariamente grande per una popolazione marittima che contava all’epoca dai settanta agli ottantamila marinai. Va specificato che il termine “omosessuale” andrebbe riferito alle inclinazioni e agli atti, piuttosto che definire i marinai stessi. Secondo dicerie nate intorno alla Royal Navy la mancanza di accesso alle donne diede origine all’omosessualità, in quanto nel XVIII secolo la vita a bordo, esclusivamente maschile, poteva far pensare di volersi accontentare in tal senso. In realtà anche il minimo sospetto era punito severamente, anche con la morte.  Gli articoli del codice di guerra della Royal Navy del 1749 erano molto chiari in materia e non davano spazio al clemenza: “Pena per chi commette Sodomia. XXIX. Se una persona della Flotta commette l’innaturale e detestabile Peccato di Sodomia (Buggery) con l’Uomo o la Bestia, sarà punito con la Morte con la sentenza di una Corte marziale. “.

In un famoso romanzo erotico del XVIII secolo, Fanny Hill di John Cleland, o Memorie di una donna di piacere, nel quale viene descritta un scena esplicita tra l’allegra prostituta Fanny ed un marinaio. Fanny accetta l’offerta del marinaio di unirsi in una taverna, e lì fanno l’atto “con un impetuosismo e desiderio, allevati molto probabilmente da un lungo digiuno in mare”. Cleland, non dimentichiamo che si trattava di un libretto erotico, descrive i vari convenevoli, sottolineandoli con colorite metafore navali. Ad un certo punto, Fanny racconta: “È caduto direttamente a bordo di me” e quando “non stava andando alla porta giusta, e bussando disperatamente a quella sbagliata, gli ho detto di esso: “Pooh!“, e lui rispose ‘mia cara, qualsiasi porto in una tempesta‘”. Il racconto è satirico ed attinge all’impressione popolare che i marinai, nei lunghi viaggi fossero dediti all’omosessualità. In realtà non ci sono prove che essa fosse praticata a bordo più che a terra. E l’orecchino del marinaio indossato con orgoglio dai marinai, era soltanto un vanto per aver solcato tanti mari. Nota della redazione

Qualunque sia la verità, gli orecchini dei marinai erano sempre a forma di anello per testimoniare, infine, il loro…….sposalizio con il mare!

Cieli sereni

Paolo Giannetti

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 136 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share