If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La fine delle corazzate pluri-calibro e la nascita delle Dreadnought

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE

PERIODO: XIX-XX SECOLO
AREA: UNITA’ NAVALI 
parole chiave: corazzate pluri-calibro, monocalibro, dreadnought 

 

HMS Dreadnought, con le sue 18.200 tonnellate, portava dieci cannoni da 12 pollici in cinque torrette gemelle, e poteva fare 21 nodi

Dalle corazzate pluricalibro alle monocalibro
Non è possibile stabilire con precisione quando finì l’epoca della navi corazzate in quanto  navi provviste di corazza continuarono ad essere utilizzate anche durante la prima guerra mondiale. Alla fine del XIX secolo le navi corazzate iniziarono ad essere soppiantate da un nuovo tipo di navi da battaglia, le corazzate pluricalibro, a volte identificate nei testi di storia navale come pre-dreadnought. Esse erano caratterizzate principalmente dall’armamento dell’artiglieria principale, posto in postazioni rotanti lungo l’asse centrale della nave, con una batteria principale di pezzi di grosso calibro (generalmente quattro cannoni divisi in due torrette binate, una prodiera e l’altra poppiera) ed una o due batterie di pezzi di calibro medio e leggero sistemate lungo il bordo dello scafo in torrette corazzate; questa compresenza di calibri diversi diede l’origine al termine “corazzata pluricalibro“.

HMS Hood, unità corazzata pluricalibro

Queste corazzate furono le prime unità realizzate prevalentemente, se non interamente, in acciaio, con l’abbandono della propulsione velica a favore di motori a vapore a tripla espansione. Il successo delle corazzate pluricalibro portò ad una generale standardizzazione nel campo bellico navale che venne adottata da tutte le principali marine militari mondiali.

principio di funzionamento dei motori a triplice espansione da Wikipedia

Lo scontro di Tsushima (1905) fu la battaglia navale maggiore in cui queste unità furono protagoniste. In seguito, in molti testi di storia navale il termine “nave corazzata” fu progressivamente sostituito da “nave da battaglia” e “incrociatore corazzato“. La sempre maggiore dinamicità negli scontri in mare fece intuire agli Stato Maggiore delle Marine la necessità di realizzare unità navali più veloci, con adeguata corazzatura e utilizzanti un unico calibro. Vedremo oggi che la capostipite di queste nuove unità fu l’HMS Dreadnought, una classe di successo che diventò sinonimo della nuova tipologia navale.

Le ricadute del Trattato di Washington
La maggior parte delle corazzate furono smantellate a partire dagli anni 1920 per effetto delle disposizioni del Trattato Navale di Washington del 1922. Il Trattato limitava la costruzione di navi da battaglia per cui le Marine si concentrarono sulla realizzazione di cacciatorpediniere e incrociatori. Di fatto il termine corazzata cadde in disuso, nonostante le navi costruite fino alla fine della seconda guerra mondiale (come caccia e incrociatori), continuarono a ricalcarne le caratteristiche di base.

Come abbiamo premesso, la prima unità della serie fu la HMS Dreadnought. Questa nave impiegava un motore a turbina Parsons, capace di portare le sue 22.000 tonnellate di stazza alla velocità di 21 nodi ovvero superiore a tre nodi delle più veloci unità delle altre Marine. Scontri in mare come la battaglia dello Jutland (1916) dimostrarono in termini di flessibilità di impiego la validità di queste nuove unità monocalibro rispetto alle vecchie signore del mare. Ma facciamo un passo indietro … come nacque il concetto delle unità tipo Dreadnought?

Vittorio Cuniberti, un visionario
La visione di un’unità tipo Dreadnought fu dovuta al genio di un ingegnere navale italiano, Vittorio Cuniberti, di fatto tra i migliori ingegneri progettisti navali del suo tempo. Fu sua l’idea di costruire navi corazzate in grado di operare più velocemente, utilizzando artiglierie monocalibro in sostituzione delle lente corazzate precedenti.

Vittorio Cuniberti

Vittorio Cuniberti, ufficiale della Regia Marina del Corpo del Genio Navale, fu un ingegnere decisamente eclettico che si interessò di progettazione navale a tutto tondo: dal design architetturale degli scafi all’impiego della combustione a nafta nelle caldaie a vapore, dal perfezionamento del siluro, alla difesa passiva subacquea. Non ultimo concepì l’idea di unificare il calibro dell’armamento principale delle navi da battaglia. Sollecitato dal Ministro della Marina, Ammiraglio Giovanni Bettòlo di Camogli, nel 1893 Cuniberti iniziò a lavorare su un progetto rivoluzionario: un’unità dotata di una corazzatura principale da 305 mm, pezzi da 203 mm e macchine a turbina che l’avrebbero resa in grado di raggiungere la velocità di 23 nodi con un’autonomia di 15.000 miglia a velocità di crociera. Purtroppo questo progetto, per quanto intrigante, non si poté realizzare ma alcuni dei concetti vennero comunque considerati nella realizzazione di quattro corazzate veloci della classe Regina Elena (Regina Elena, Vittorio Emanuele, Roma e Napoli).

Questa classe, in servizio tra il 1907 ed il 1926, trovò impiego durante la guerra di Libia e la prima guerra mondiale. La prima due unità della classe Regina Elena vennero impostate nel 1901 e varate nel 1904. Avevano un caratteristico castello di prua, prolungato alla mezzeria della nave sino a congiungersi con la sovrastruttura centrale. In origine erano dotate di due alberi ma, a seguito di un ammodernamento avvenuto intorno al 1912, fu deciso di eliminarne uno. Le navi di questa classe erano considerate eccellenti unità dalle caratteristiche ben equilibrate, tra le necessità di avere navi di tonnellaggio limitato ma provviste della massima protezione e di un armamento di adeguata potenza. Forse il loro punto di forza maggiore era la velocità … risultarono comunque navi da 12.700 tonnellate, ben protette. Se vogliamo, una pecca era la limitatezza dell’armamento principale, ritenuto insufficiente per sostenere scontri prolungati a causa della presenza di due soli cannoni da 305 mm. 

Nella sindrome di competizione franco-piemontese, esse erano in realtà state realizzate come risposta ai nuovi incrociatori corazzati francesi e, di fatto, risultavano più veloci delle equivalenti inglesi e francesi dell’epoca, e nel contempo più armate degli incrociatori. Queste unità possono essere considerate le antesignane delle nuove corazzate monocalibro che furono poi adottate da tutte le marine.

Il genio di Cuniberti non fu apprezzato solo in Italia. Oltre alla HMS Dreadnought, progettò corazzate anche per la Marina Imperiale Russa realizzando la corazzata Gangut da 23.000 tonnellate, prima di quattro navi da battaglia,  che poteva raggiungere una velocità di ben 23 nodi. In realtà, a causa dell’allungarsi dei tempi di costruzione, al momento dell’entrata in servizio nel novembre 1914 dell’unità capoclasse, il Gangut, queste navi risultavano già tecnicamente superate rispetto ad altre sue coeve, come la britannica HMS Queen Elisabeth che era stata varata nel 1913.

La nave da battaglia Gangut. Sebbene dotata di un armamento tra i migliori, la sua protezione era piuttosto leggera se confrontato con le navi del suo tempo. Notare la forma della prua adattata alle condizioni del Mar Baltico, ghiacciato per buona parte dell’anno.

Lo sviluppo delle corazzate monocalibro
Le navi da battaglia costruite tra l’Ottocento ed il Novecento erano dotate di cannoni principali di grosso calibro (di solito da 305 mm) e cannoni secondari (di solito da 233 mm) più maneggevoli che andavano utilizzati per inquadrare il bersaglio e trovare così la giusta mira per poter facilitare i grossi calibri. I pezzi secondari erano in realtà poco efficaci contro le unità da battaglia maggiori in quanto incapaci di perforare le corazze avversarie. Le idee di una nuova classe di unità, più veloce grazie all’impiego di turbine a nafta, corazzate ed armate con un monocalibro adeguato, fu l’uovo di Colombo. La storia gli avrebbe dato ragione con la battaglia di Tsushima ( 27 – 28 maggio 1905 ). Nel 1903 Cuniberti pubblicò sulla famosa rivista Jane’s Fighting Ships, un articolo dal titolo An ideal Battleship for The British Navy, ottenendo un enorme interesse in Gran Bretagna per lo sviluppo delle future corazzate della Royal Navy.

HMS Dreadnought

Nonostante gli infuocati dibattiti tra conservatori e progressisti, con il varo, avvenuto nel 1905, della corazzata britannica HMS Dreadnought tutte le navi da battaglia del mondo divennero di fatto dei ferri vecchi, che il Primo Lord dell’Ammiragliato, Sir Winston Churchill, definì “five minute ships“, cioè navi che in caso di contrasto balistico sarebbero durate al massimo cinque minuti.

La HMS Dreadnought, armata con dieci cannoni brandeggiabili da 305 mm, aprì una nuova stagione, quella delle corazzate monocalibro che avrebbero accompagnato, con i successivi miglioramenti tecnici, le pesanti navi da battaglia fino ai loro ultimi giorni, il 30 maggio 1916, con la battaglia dello Jutland.

HMS Dreadnought – Collezione Symonds e Co. 

Questi incrociatori da battaglia spinsero la Germania a costruire quattro corazzate ispirate al modello “Dreadnought” che entrarono in servizio nel 1910 armati con dodici cannoni da 280 mm. Punto di forza della marina tedesca fu l’efficienza del munizionamento. Nonostante una portata minore di quella degli incrociatori britannici, quelli tedeschi potevano contare su un munizionamento molto più efficiente, cosa che fu comprovata nella battaglia navale dello Jutland dove le perdite britanniche furono di gran lunga superiori a quelle sofferte dalla Hochseeflotte. La guerra in mare stava cambiando. 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 187 times, 4 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share