If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

L’importanza della bandiera nazionale

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAZIONALE

PERIODO: XIX – XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Tricolore
.

Ieri, 2 giugno abbiamo festeggiato la Festa della Repubblica, una giornata celebrativa nazionale italiana istituita per ricordare la nascita della nostra Repubblica in sostituzione dal regime monarchico precedente. Si festeggia ogni anno il 2 giugno, data del referendum istituzionale del 1946, con una celebrazione principale che avviene a Roma.

Il cerimoniale della manifestazione organizzata nella capitale normalmente prevede la deposizione di una corona d’alloro in omaggio al Milite Ignoto all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica Italiana seguita da una parata militare lungo via dei Fori Imperiali. Analogamente, cerimonie ufficiali si tengono su tutto il territorio nazionale con manifestazioni pubbliche solenni, con parate militari in forma ridotta.

In tutto il mondo le ambasciate organizzano cerimonie a cui sono invitati i Capi di Stato del Paese ospitante. La Festa della Repubblica Italiana è una delle celebrazioni nazionali  italiane la cui presenza costante è l’esposizione del tricolore italiano. Con questo breve articolo voglio parlare di questo simbolo che, come leggerete, rappresenta i valori del nostro popolo. 

Una storia iniziata oltralpe con l’esperienza giacobina
La nostra bandiera nazionale, comunemente chiamata il tricolore, trova molte somiglianze con altre bandiere europee. Il tricolore italiano deriva da quello transalpino, che nacque durante la rivoluzione francese dall’unione del bianco, il colore della monarchia, con il rosso e il blu, i colori di Parigi, e che divenne il simbolo del rinnovamento sociale e politico perpetrato dal giacobinismo delle origini. In realtà questo movimento ed ideologia politica assunse nel tempo molte connotazioni che abbandonarono i valori originali. Da un punto di vista etico predicava le virtù, sia domestiche che civili, la probità nell’esercizio dell’amministrazione dell Stato, l’altruismo e l’aiuto reciproco. Le derive del Giacobinismo portarono nel tempo ad irrigidimenti delle posizioni che comportarono la creazione di governi non democratici, settari e antidemocratici come nel caso del giacobinismo illiberale di Robespierre o nelle varie affiliazioni successive fino al bolscevismo ed al comunismo. Al di là delle ideologie, le bandiere sono restate come simbolo nazionale, di unione degli ideali originali, che non dovrebbero essere corrotti dalle politiche ma dovrebbero restare dei fari per garantire gli ideali dei cittadini.  
.

La coccarda tricolore italiana esposta dai cittadini genovesi nel 21 agosto 1789

Il tricolore italiano
Lo sventoliamo alle nostre finestre, come simbolo dell’unità nazionale, ma quanti di noi ne conoscono il significato? Senza raccontare la sua lunga e travagliata storia, nelle prime coccarde tricolori italiane, simboleggiava i diritti naturali, ovvero l’uguaglianza, libertà e fraternità. La prima traccia documentata dell’utilizzo di una coccarda tricolore italiana è datata 21 agosto 1789: negli archivi storici della Repubblica di Genova è riportato che testimoni oculari avessero visto aggirarsi per la città alcuni manifestanti aventi appuntata sui vestiti. Dopo molti avvenimenti si giunse al 7 gennaio 1797, quando fu adottata la bandiera tricolore da parte della Repubblica Cispadana, primo Stato italiano sovrano a farne uso. Durante il periodo napoleonico, i tre colori acquisirono per la popolazione un significato più idealistico: il verde la speranza, il bianco la fede e il rosso l’amore per il nostro Paese.

La bandiera nazionale, come una grande madre, abbraccia il popolo italiano, come espressione della nostra unità al di là delle nostre opinioni politiche e convinzioni religiose. Non dimentichiamo l’art.1 della costituzione che afferma “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.” e l’art. 12 che ne sancisce il simbolo ovvero “La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni”. Quindi un Popolo che decide democraticamente attraverso libere elezioni, che viene rappresentato come simbolo sovrano dalla bandiera tricolore.

Riconoscersi in questo simbolo significa credere nel nostro Paese, nei suoi valori di libertà tolleranza e tradizione, ma anche difendere il nostro patrimonio storico e ambientale per preservare la nostra cultura in tutte le sue forme. 

Fu l’ex Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, all’inizio del XXI secolo, ad iniziare un’opera di valorizzazione e di rilancio dei simboli patri italiani, tricolore compreso. Durante i festeggiamenti per i 140 anni di unità nazionale, il 4 novembre 2001, a San Martino della Battaglia, in riferimento al tricolore, il Presidente Ciampi sottolineò 

«[…] Adoperiamoci perché ogni famiglia, in ogni casa, ci sia un tricolore a testimoniare i sentimenti che ci uniscono fin dai giorni del glorioso Risorgimento. Il tricolore non è una semplice insegna di Stato, è un vessillo di libertà conquistata da un popolo che si riconosce unito, che trova la sua identità nei principi di fratellanza, di eguaglianza, di giustizia. Nei valori della propria storia e della propria civiltà. […]» Carlo Azeglio Ciampi

L’Italia non è un’espressione geografica, come lo statista austriaco Klemens Von Metternich affermò nel 1847, ma rappresenta la nostra storia, cultura e sentimenti che devono essere preservati e trasmessi alle nuove generazioni affinché la nostra italianità diventi elemento di arricchimento interno ed esterno. La bandiera quindi deve essere trattata con rispetto, quasi filiare, rappresentando l’Italia e i suoi valori sovrani.
.

Il cerimoniale italiano
Sebbene essa venga spesso esposta in manifestazioni sociali, non tutti sanno che esiste un protocollo per l’alzabandiera del tricolore. Tale cerimonia avviene, ogni giorno, alle prime luci dell’alba, con il vessillo che viene fatto scorrere velocemente e con risolutezza fino al termine del pennone. In ambito militare viene preannunciato da squilli di tromba o di fischi (sulle navi militari) ed è effettuato sulle note dell’inno nazionale, Il Canto degli Italiani di Goffredo Mameli e Michele Novaro sin dal 1946.

Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta
Dell’elmo di Scipio s’è cinta la testa
Dov’è la Vittoria? Le porga la chioma
Che schiava di Roma Iddio la creò

Stringiamoci a coorte
Siam pronti alla morte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò

Stringiamoci a coorte
Siam pronti alla morte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò, sì

Noi fummo da secoli calpesti, derisi
Perché non siam popolo, perché siam divisi
Raccolgaci un’unica bandiera, una speme
Di fonderci insieme già l’ora suonò

Uniamoci, uniamoci, l’unione e l’amore
Rivelano ai popoli le vie del Signore
Giuriamo far libero il suolo natio
Uniti, per Dio, chi vincer ci può?

Stringiamoci a coorte
Siam pronti alla morte

Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò

Stringiamoci a coorte
Siam pronti alla morte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò, sì

Dall’Alpe a Sicilia, dovunque è Legnano
Ogn’uom di Ferruccio ha il core e la mano
I bimbi d’Italia si chiaman Balilla
Il suon d’ogni squilla i Vespri suonò

Son giunchi che piegan le spade vendute
Già l’Aquila d’Austria le penne ha perdute
Il sangue d’Italia e il sangue Polacco
Bevé col Cosacco ma il cor le bruciò

Stringiamoci a coorte
Siam pronti alla morte

Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò

Stringiamoci a coorte
Siam pronti alla morte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò, sì

inno di Mameli 

Similmente la cerimonia dell’ammainabandiera avviene ad ogni tramonto. A differenza dell’alzabandiera esso viene effettuato in maniera più lenta e solenne in modo tale da non farlo sembrare un rapido abbassamento. Nel video che segue, potrete vedere l’ammaina bandiera su Nave Amerigo Vespucci. Questa cerimonia viene ripetuta tutti i giorni, anche in navigazione. Quando la cerimonia è solenne vi partecipa tutto l’equipaggio. Nel caso della cerimonia giornaliera chiunque transita nelle vicinanze si deve fermare, assumendo una posizione di attenti o comunque di rispetto verso la bandiera.

In presenza di altre bandiere (come l’Europea), oltre che ricevere la posizione di più alto onore, il tricolore italiano va sempre issato per primo ed ammainato per ultimo.  Ma che succede dopo? Come viene ripiegata la bandiera dopo essere stata ammainata? Ce lo spiega ora Paolo Giannetti.

Come si piega il tricolore di Paolo Giannetti
Così come per la sua corretta esposizione, per la nostra bandiera, esistono precise regole su come deve essere correttamente piegata e conservata. Prima di tutto, nel piegare la bandiera, NESSUNA sua parte deve MAI toccare terra!

Come primo passo si piega la bandiera lungo le linee che separano i tre colori. Il rosso deve essere portato sopra al bianco. Quindi il verde viene sovrapposto al rosso. Dopo questa piegatura saranno visibili solo la parte bianca da un lato e quella verde dall’altro. Infine si piegherà nuovamente la bandiera a metà, facendole assumere la forma quadrata con il solo colore verde visibile.

Nella Marina invece la bandiera NON si piega ma si “incazzotta”. L’operazione consiste nell’arrotolarla e avvolgerla con la sua sagola in modo da essere dispiegata velocemente. Per chi volesse attenersi, anche sulle nostre barche da diporto, la procedura è molto semplice:

– si piega la bandiera a metà parallelamente al lato più lungo;

– si arrotola, partendo dal rosso, fino ad ottenere un rotolo verde;

– lo si assicura con la sua sagola (detta alabasso o “codetta”) tramite un collo (nodo).

nodo collo semplice

Ricordo che l’alabasso è la sagola inferiore della bandiera, che di solito è legata alla cima della carrucola affinché la bandiera rimanga tesa, una volta issata.

Una volta ammainata, la bandiera deve essere conservata con cura, evitando che possa essere sporcata da sostanze contaminanti. Voglio sottolineare che essa ci rappresenta non solo da un punto di vista politico internazionale ma etico e morale.

Occorre quindi trasmettere ai nostri figli il rispetto per il tricolore, vero simbolo di unità nazionale, in cui i suoi colori dovrebbero richiamare gli ideali risorgimentali del nostro Paese: con il verde che ricorda la nostra speranza per un mondo più giusto, il bianco la purezza e trasparenza delle Istituzioni, ed il rosso l’amore di tutti coloro che hanno dato la vita per il nostro Paese affinché fosse migliore. Simboli che non hanno tempo , vali di ieri come oggi e che dovrebbero costituire i valori fondanti del nostro Paese. 

Chi si abbandona all’ignavia del quieto vivere, chi non lotta affinché i mali che ci affliggono vengano risolti, guardando egoisticamente solo a se stesso o ai giochi della propria fazione, tradisce il Popolo italiano e quegli ideali che la nostra bandiera rappresenta. 

n

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 84 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. SILVIA SCARPELLINI SILVIA SCARPELLINI
    04/06/2020    

    bellissimo articolo, scritto col cuore campanilistico che tutti noi dovremo avere e l’ultima frase tocca profondamente l’etica di ogni lettore.

    • 04/06/2020    

      Grazie Silvia, scritto con il cuore di chi crede ancora in un Italia migliore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share