If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Esplorando la grotta dell’alabastro di Paolo Mario Gay

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: APPENNINI PENISOLA ITALICA
parole chiave: Grotta dell’Alabastro, Orogenesi, grotte, Appennini


Il tratto di costa compreso tra Palinuro, Marina di Camerata, Porto Infreschi e Scario ma, più in generale, l’intera costa calcarea del Cilento offre tra le molteplici bellezze anche quella affascinante delle sue grotte.

In questo splendido angolo di natura, per buona parte ancora integro, il paesaggio ipogeo si presenta con una molteplicità di forme: una peculiarità dovuta al fatto che le cavità, dalle dimensioni più disparate, si aprono sia al di sopra che al di sotto del livello marino, offrendo perciò un campionario veramente differenziato di situazioni.

la meravigliosa costa del Cilento

Tale fatto costituisce un’attrattiva non soltanto per gli speleologi, ma anche per il semplice turista che, avvicinandosi a questo ambiente, può godere di una esperienza sicuramente entusiasmante ed oltremodo istruttiva. Moltissime sono le grotte che presentano un facile accesso, anche a mezzo di imbarcazioni, e tale caratteristica costituisce un invito in più per la loro frequentazione. La visita di una grotta possiede un’indubbia valenza culturale dato che le diverse morfologie e le strutture che la caratterizzano invogliano anche il visitatore meno esperto ad approfondire le conoscenze sulle cause che le hanno generate e, quindi, a conoscere la storia della grotta.

E’ opportuno precisare come l’avventurarsi in una grotta richieda una serie di norme comportamentali che, escludendo a priori l’improvvisazione e l’impreparazione, consentano il massimo godimento da questo tipo di esperienza. L’approccio alla speleologia subacquea necessita di una adeguata attrezzatura che, tuttavia, non è di per se sufficiente ad affrontare il mondo delle grotte, siano esse del tutto o in parte sommerse: l’accompagnamento di una guida è la condizione indispensabile non solo per la sicurezza, ma anche per ricevere tutte le informazioni e soddisfare, così le curiosità che l’escursionista si pone.

La grotta dell’alabastro
La cavità è stata rilevata nel 1996. Il suo studio, di cui questo articolo vuole dare importanza, è una iniziativa e realizzazione voluta dal Diving Center Marina di Camerota nell’ambito delle Attività che caratterizzano le manifestazioni estive sul mare patrocinate dal Comune di Camerota.

l’ingresso – photo credit Paolo Mario Gay

La scelta di questa grotta, per iniziare un lavoro che porterà a mappare tutte le grotte della costa di Marina di Camerota fino a Scario, non è casuale. Essa offre al visitatore un impatto emotivo esaltante, ed è quello che hanno provato coloro che scrivono. Eccoci qui a descrivere le nostre emozioni, trasformate in studio per dare modo a tutti coloro che la frequenteranno, di arrivarci con cognizione di base ed in totale sicurezza. Forse in nessun altro luogo, come quello sotterraneo e subacqueo, si combinano in una relazione molto stretta gli aspetti geologici e quelli biologici. Ogni visitatore, anche il più distratto ne otterrà una profonda emozione, sottostando al richiamo ed al fascino dell’esplorazione, dell’impenetrabile e dell’ignoto, esasperato dall’oscurità dell’ambiente. Approfittando del rilevamento effettuato, la grotta potrà ora essere visitata da molte persone più informate e quindi con maggior sicurezza; a tutti dobbiamo tuttavia ricordare la necessità della prudenza ed il rispetto dell’ambiente. Oggi la grotta dell’Alabastro può essere percorsa in immersione, ma anche nuotando in superficie dopo esserci liberati dell’attrezzatura per goderci appieno lo spettacolo di questa meraviglia della natura. Non si dimentichi però che è, in ogni caso un ambiente particolare, ostile e non abituale, che va affrontato con la dovuta prudenza.

La grotta è anche e soprattutto, un ambiente unico, modellato attraverso lunghi processi geologici ed abitato da organismi particolari: impariamo a rispettarlo, a goderlo come egli si offre, senza asportare e manomettere nulla e senza contaminarlo abbandonando rifiuti.

La storia della sua esplorazione
Prima del nostro rilevamento la grotta era già nota sia agli abitanti della zona che ai pochissimi subacquei locali che la frequentavano. Nessuno comunque si sarebbe aspettato dimensioni così rilevanti di tutta la cavità. Per rilevare la cavità ci si è avvalsi di pochi e semplici strumenti da usare facilmente anche sott’acqua, quali: sagole metrate, cordelle metriche, bussole, profondimetri, clinometri, chiodi da roccia, martello e targhette in plastica. In particolare le misure inferiori a 20 mt. sono state eseguite con fettuccia metrica, il classico nastro centimetrato di plastica.

le attrezzature per la speleologia marina – photo credit Paolo Mario Gay

Per quelle superiori è stato impiegato il rocchetto con cordella metrica. Con questo attrezzo è infatti più agevole la misurazione di lunghe distanze, per misurare le pendenze sono stati usati clinometri rudimentali, costituiti da un collimatore al quale è collegato un goniometro con filo a piombo che indicano la lettura. La squadra che ha eseguito il rilevamento è sempre stata composta da tre rilevatori che alternativamente avevano il compito di effettuare le misure o di illuminare caposaldi e/o strumenti per le letture. Questo numero si è rivelato ottimale per velocità di esecuzione del lavoro, facilità di comunicazione e non ha causato eccessivo intorbidimento dell’acqua.

Si è iniziato con una prima esplorazione generale preliminare della cavità con esecuzione di semplici schizzi orientativi senza alcuna misurazione, in un secondo tempo si è provveduto alla stesura di una sagola guida sul fondo della grotta, successivamente all’individuazione di punti cospicui come caposaldi del rilevamento lungo il perimetro della grotta al livello del mare e materializzazione con chiodi e targhette plastificate e numerate per effettuare le misurazioni ripetute di distanze e direzioni tra i caposaldi per il rilevamento di triangolazioni e poligonali chiuse. 

Successivo trasporto sott’acqua di alcuni punti della poligonale secondo la loro verticale e definizione di altri caposaldi subacquei, con conseguenti misurazioni subacquee di distanze, direzione e profondità con successiva riduzione all’orizzontale delle misure eseguite e trasporto su carta delle triangolazioni e poligonali effettuate, individuazione e disegno della morfologia tra i singoli caposaldi, con stime delle elevazioni della grotta, e conseguente disegno definitivo della cavità in pianta e secondo sezioni rappresentative, inoltre sono state effettuate fotografie dell’ambiente subacqueo ed aereo.

E ora visitiamola insieme
La grotta dell’Alabastro ha uno sviluppo subaereo e subacqueo ad andamento abbastanza regolare. La pianta e le sezioni, nelle quali sono riportati i numeri dei capisaldi utilizzati nel rilevamento, ne illustrano lo sviluppo e la morfologia.

La grotta dell’Alabastro si apre sul fianco sinistro di levante del frontone degli Infreschi, a poche centinaia di metri dal porto naturale degli Infreschi, detta cala Falconara, l’ingresso della grotta si trova alle coordinate geografiche ( N 39°59″56′ – E 15°25″26′ ).

l’ingresso dell’alabastro photo credit Paolo Mario Gay

Vi si accede attraverso un passaggio subacqueo, scendendo leggermente verso destra, su un ciottolato, dove terminando si risale dolcemente nella grande sala, ovviamente la penetrazione è disturbata dalla miscelazione di acqua dolce che in alcuni periodi e di notevole portata, ma rimanendo sul fondo la visibilità rimane sempre buona, proseguendo nel centro del salone, arriveremo ad una piattaforma appena sotto il pelo dell’acqua, dove ci permette di toglierci l’attrezzatura ARA e di continuare la nostra visita in snorkeling.

Da questo punto, guardando verso l’uscita, avremo alla nostra sinistra (l’altarino), con sopra una enorme colata che abbiamo chiamato (l’organo).

dentro l’altarino photo credit Paolo Mario Gay

Con altri nomi abbiamo quindi indicato altri punti interessanti della grotta, che ci sono serviti da riferimento immediato durante il lavoro di prospezione, ma che potranno essere utili anche ai futuri visitatori.

i cannoni – photo credit Paolo Mario Gay

Abbiamo così chiamato (i cannoni) un enorme blocco di crollo completamente in alabastro e sommerso al 90%, che troverete alla vostra sinistra entrando in grotta, e quasi al fondo, come il grande monumento al (delfino) che fa bella mostra di se, circa trenta metri alla destra entrando.

il mantello – photo credit Paolo Mario Gay

All’interno circa a metà grotta sul lato sinistro, si collega una seconda cavità invasa totalmente dall’acqua che abbiamo chiamato (ramo dell’albero), in quanto il mare è riuscito non si sa come a portare un grosso tronco all’interno, fino ad incastrarlo sul fondo.
Passando dietro i cannoni, in uno stretto passaggio, ci troveremo in una sala irregolare e molto bassa, dove sotto l’acqua sul pavimento si trova un foro di circa un metro di diametro causato da un crollo, qui toccheremo con mano cos’è una glaciazione.

la tetta di di Zi Anna – photo credit Paolo Mario Gay

l’organo – photo credit Paolo Mario Gay

Si prosegue tenendo la destra, dopo aver goduto di forme bizzarre e molto belle create dalla natura, ci troveremo di fronte un blocco sospeso e ricoperto di alabastro che ho voluto chiamare la (scacchiera).

la scacchiera – photo credit Paolo Mario Gay

I colori che si possono vedere in quel punto sono da mozzafiato, superata la scacchiera si entra nell’ultima sala, molto bassa e piena di conglomerati alle pareti e sabbia a terra, ci si arriva avanzando a quattro gambe, attenzione è pericolosa durante la fase di marea. Una visita bellissima che non dovete mancare.

la sedia di Zi Anna – photo credit Paolo Mario Gay

Sperando di avervi incuriosito, vi aspettiamo al Diving Center Marina di Camerota a cui potete rivolgervi per le informazioni. 

 

Paolo Mario Gay 
istruttore federale CMAS ed operatore tecnico iperbarico, dal 1993 è Titolare di due centri e scuole sub a Marina di Camerota.
Ha collaborato con i media Italiani e stranieri nel campo delle Video riprese effettuando partecipazioni a trasmissioni televisive con RAI 1 – RAI 2 – RAI 3 – MEDIASET – RETE 7 –  TV  Svizzera. 
Dal 1980 effettua attività di protezione dell’ambiente  per la salvaguardia dei fondali marini. Ha pubblicato diversi manuali tra cui si segnalano:
Introduzione agli ambienti ostruiti – Livello Cavern, Ediz. EDS, 2005
Cilento Sub 75 immersioni tra fauna marina e reperti storici, Ediz. Area Blu, 2018 

Esperto cavern diver (Cave Instructor EDS) ha effettuato numerosi rilievi nelle grotte del Cilento.

Notizie utili per visitare la grotta dell’alabastro:
E’ possibile visitare la grotta tutto l’anno. Unico problema è la temperatura dell’acqua, che all’interno raggiunge i 10 gradi. Questo comporta un lasso di tempo superiore ad un immersione e la necessità di affrontarla con un’adeguata copertura. E’ possibile essere accompagnati nella visita dal Diving Center Marina di Camerota 84059, Marina di Camerota, telefonando al numero cell. 3331521015 per prenotare la visita, oppure essere inseriti nelle visite guidate settimanali.
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 144 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share