If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La leggenda del tesoro del pirata Dragut

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Turgut Ali

Come in tutte le storie vere che si rispettano esistono anche leggende di tesori. A Punta Chiappa vicino a Portofino esiste la “Cala dell’Oro” dove si racconta che il pirata turco Dragut avrebbe nascosto in una grotta un favoloso tesoro frutto delle razzie fatte lungo la costa ligure. Si pensa che Dragut si accanì particolarmente sui borghi liguri per reazione all’affronto subito anni prima dai Doria dopo la sua cattura. Dragut, dopo essere stato imprigionato e deriso, fu messo ai remi delle navi genovesi per quasi tre anni. Fu così che, una volta riacquistata la libertà, si vendicò saccheggiando numerosi Borghi, fra cui Recco, Rapallo, Sanremo, Bergeggi, Manarola, Laigueglia, San Lorenzo, Santo Stefano, Monterosso, Corniglia, Ospedaletti e San Fruttuoso.

Secondo la leggenda, nella primavera del 1557 Dragut, già stracarico di tesori, si era presentato con le sue navi davanti a Camogli, un villaggio di pescatori poco distante da Recco che aveva appena depredato. Gli abitanti si erano riversati dentro il castello della Dragonara e tutti si prepararono ad una strenua, anche se probabilmente inutile difesa. Stranamente il corsaro improvvisamente si allontanò, lasciando intatto il villaggio ed i suoi abitanti. Tutti, increduli ma sollevati, tirarono un sospiro di sollievo e tornarono alle loro case.

Nella notte Dragut diede ordine alle sue navi di rientrare a Tunisi con una parte dell’oro e con tutti i prigionieri da vendere come schiavi. Invece il Rais, con la sua nave ammiraglia carica di sacchi d’oro e di oggetti preziosi, costeggiò verso Oriente, lungo la costa del monte di Portofino, si pensa, alla ricerca di un nascondiglio sicuro per il suo tesoro. Passata Punta Chiappa, Dragut, avvistò una piccola cala, profonda e stretta; una come tante che si ritrovano lungo la costa ligure di levante ed ordinò ai suoi uomini di dare fondo alle ancore e di mettere in mare una scialuppa. La fece quindi caricare con i sacchi del suo bottino e, con la sola compagnia di Salim, il suo fedele servitore sordomuto, si diresse verso terra. La riva era scoscesa e piena di rocce ma i due riuscirono ad avvicinarsi e ad ancorare la barca.

Cala dell’oro, nei pressi di Punta chiappa, Portofino … conserverà ancora il tesoro del pirata?

La leggenda di un tesoro favoloso
La storia racconta che Dragut, sceso a terra, si mise a cercare un luogo adatto e, in fondo alla cala quasi nascosto dietro ad una roccia, trovò una piccola grotta con un ingresso stretto ma abbastanza grande all’interno da contenere tutto il suo tesoro. Dopo aver trasferito il bottino, l’ingresso fu celato ponendo come protezione al suo ingresso un grosso tronco.

Tornato sulla scialuppa Dragut, ritornò a remi alla sua nave ma non prima di aver ucciso il povero marinaio che lo aveva accompagnato, unico testimone del nascondiglio. Salito a bordo disse che il suo servo era morto cadendo su una roccia nella piccola cala e diede ordine all’equipaggio di salpare immediatamente per ritornare verso il porto di Tunisi. Del tesoro non se ne seppe più nulla.

Nei secoli, la leggenda fu tramandata alle nuove generazioni. Si racconta che il tesoro fu ritrovato da dei giovani locali ma al momento del recupero del bottino, dalle nebbie sul mare, apparve un antico veliero che se lo portò via con se. Ancora oggi, i vecchi tra un mugugno e l’altro, affermano di aver intravisto il fantasma di Dragut che all’imbrunire cerca di recuperare il suo tesoro nella Cala dell’oro.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 75 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

0 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share