If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La storia dei sistemi di navigazione: dal XVI al XVIII Secolo – parte IV di Andrea Mucedola

Reading Time: 6 minutes


livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA DELLA NAVIGAZIONE
PERIODO: XI – XVIII SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave:  longitudine

.

Astrolabio planisferico andaluso, fabbricato a Toledo (Spagna) da Ibrahim ibn Said al-Sahli -1067 d.C

Il problema della longitudine
Se la latitudine poteva essere ricavata relativamente facilmente questo non si poteva dire per la longitudine. Era necessari possedere dei cronometri sincronizzati e precisi. Tuttavia, gli orologi più precisi disponibili per quei primi navigatori erano solo delle clessidre, strumenti che in realtà restarono in servizio fino al 1839. Dai portolani antichi si arrivò a documenti sempre più completi, descrittivi delle coste, delle condizioni marine e oceanografiche. Nel 1584 Lucas Waghenaer pubblicò lo Spieghel der Zeevaerdt (The Mariner’s Mirror), che divenne il modello di tali pubblicazioni per diverse generazioni di navigatori, tanto famosi da esser chiamati dai marinai come”Waggoners“.

Nel 1537, Pedro Nunes pubblicò il suo Tratado da Sphera che diede origine ad una nuova disciplina scientifica: la “navigazione teorica o scientifica”. Nel 1545, Pedro de Medina pubblicò l’Arte de navegar che fu tradotto in francese, italiano, olandese e inglese. La cartografia fece però un passo avanti nel 1569 quando Gerardus Mercator pubblicò una mappa del mondo con una proiezione cartografica rivoluzionaria nella quale i paralleli ed i meridiani venivano rappresentati mediante un reticolato cartesiano di rette tra di loro ortogonali, nella quale veniva rispettata l’isogonia ovvero gli angoli uguali nella rotta. Questa proiezione, detta “di Mercatore“, è ancora usata per le carte nautiche odierne.

La scoperta del solcometro
Nel 1578, fu registrato un brevetto per un dispositivo che avrebbe misurato la velocità della nave contando i giri di una ruota montata sotto la linea di galleggiamento della nave. Avendo tempo, distanza e rotta si sarebbe potuto valutare la navigazione di altura con precisione. La velocità era infatti un dato fondamentale per poter effettuare la navigazione stimata (in inglese chiamata dead reckoning).

Una curiosità: perché in inglese il solcometro è chiamato LOG? Il termine LOG in inglese significa tronco di legno; nel XVIII secolo si misurava la velocità della nave utilizzando un … tronchetto di legno  legato  ad una cima lungo la quale si vedevano a distanza regolare dei nodi … il numero di nodi fuori bordo in un certo tempo fisso di tempo indicava, approssimativamente, la velocità della nave. Così si comprende anche perché usiamo il termine nodi (o Knots) per misurare la velocità di una nave (da cui deriva anche la convenzione di indicare la velocità di una nave in nodi).

Il Quadrante di Davis
Nel 1594, John Davis pubblicò un opuscolo di 80 pagine chiamato The Seaman’s Secrets che, tra le altre cose, descrisse la grande navigazione circolare, che era stata usata da Sebastiano Caboto nella traversata del Nord Atlantico. Davis descrisse anche un nuovo strumento, chiamato quadrante di Davis, che poteva essere usato dando le spalle al Sole – da cui il nome inglese di Back-Staff – per misurare l’altezza dell’astro senza esserne abbagliati.

astrolabio, cross staff e back staff  (o sestante di Davis) disegno pubblicato nel 1624 da Edmund Gunter Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images 

Sempre nel XVI secolo fu ideato il Notturlabio, descritto per la prima volta nel 1581, impiegato per determinare l’ora anche di notte.

notturlabio

Nel 1631, Pierre Vernier descrisse un quadrante da lui inventato che portava la precisione di misura ad un minuto di arco. In teoria, l’impiego della scala graduata avrebbe potuto fornire una linea di posizione entro un miglio nautico dalla posizione effettiva del navigatore. In realtà si trattava del perfezionamento del nonio, inventato da Pedro Nunes, matematico, cosmografo e cartografo portoghese. Nunes aveva accertato nel 1534 la natura corretta della linea di rotta, ponendo quindi le basi per il calcolo della navigazione lossodromica

il Nonio di Nunes

Ottante
Nel 1731 John Hadley presentò alla Royal Society il primo strumento costruito sul principio della doppia riflessione: l’Ottante, anche detto quadrante riflettente, che aveva l’ampiezza di un ottavo di circonferenza e permetteva di misurare angoli fino a 90°. Sperimentato in mare nel 1732, poteva fornire dei dati con una precisione di 1-2 primi, fino ad allora impensabili. In pratica Hadley montò uno specchio indice sul braccio indice. Sullo strumento erano poi presenti due specchi d’orizzonte: montando i due specchi ad angolo retto, l’uno rispetto all’altro, con il movimento del telescopio, il navigatore poteva quindi misurare angoli da 0 a 90 ° con uno specchio e da 90 ° a 180 ° con l’altro. 

Ma il problema della longitudine permaneva.
Se da un lato potevano essere effettuate delle misure di altezza degli astri molto precise, mancava la possibilità tecnologica di misurare il tempo dell’osservazione con precisione. Nel 1714 il Parlamento inglese istituì il Board of Longitude e offrì un cospicuo premio in denaro (Longitude rewards) a chiunque fosse stato in grado di trovare un metodo semplice e pratico per la determinazione precisa della longitudine di una nave. Tra il 1737 e il 1828, la Commissione erogò numerosi premi, per oltre 100000 sterline.

Navigare in maniera accurata – photo credit Caryn B. Davis

Una svolta molto importante per un’accurata determinazione della longitudine arrivò finalmente a seguito dell’invenzione del cronometro marino da parte di John Harrison, un carpentiere dello Yorkshire. Harrison presentò un progetto nel 1730 e, nel 1735, inventò un orologio basato su una coppia di travi contro-oscillanti collegate da molle, il cui movimento non era influenzato dalla gravità o dal movimento di una nave.

il modello Harrison 1 (H1)

Inizialmente il geniale inventore realizzò due orologi marini (H1 e H2 nel 1741) ma risultarono essere troppo sensibili alla forza centrifuga per cui non sarebbero mai stati abbastanza precisi in mare a causa delle oscillazioni legate al moto ondoso. Nel 1761, Harrison risolse creando un cronometro di dimensioni molto minori rispetto ai primi modelli. Il cronometro utilizzava un bilanciere controllato da una molla a spirale con compensazione delle variazioni di temperatura. Queste caratteristiche dei cronometri marini restarono in uso fino alla creazione degli oscillatori elettronici.

Sestante
Nel 1757 John Bird inventò il primo sestante, che sostituì il quadrante di Davis e l’ottante e divenne il principale strumento di navigazione. Non tutti sanno che in realtà il sestante permetteva di applicare un metodo di calcolo della longitudine basato sulla distanza lunare ovvero sulla distanza angolare tra la Luna e un altro corpo celeste. Tramite questo angolo ed un almanacco nautico (effemeridi) era quindi possibile calcolare il tempo di Greenwich. Quel tempo calcolato poteva essere quindi usato per risolvere, partendo dalle altezze misurate degli astri, le rette di altezza e risolvere il triangolo sferico. In condizioni favorevoli, gli osservatori esperti potevano misurare distanze lunari entro un quarto di minuto dall’arco, con un errore fino a un quarto di grado in longitudine. Una soluzione interessante ma limitata nel caso il cielo fosse nuvoloso o in caso di novilunio. Il metodo, pubblicato nel 1763, fu utilizzato fino al 1850 quando fu sostituito dall’introduzione del cronometro marino di Harrison. Finalmente i naviganti potevano calcolare la longitudine con una precisione maggiore.

fine parte III – continua


Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV.
PARTE V
PARTE VI

print

(Visited 218 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share