Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

La storia dei sistemi di navigazione: dalle origini al IV Secolo dopo Cristo – parte I

Reading Time: 7 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA DELLA NAVIGAZIONE
PERIODO: ORIGINI – IV SECOLO DC
AREA: DIDATTICA
parole chiave: stelle, costellazioni, direzione, navigazione costiera
.
.

Avete letto su OCEAN4FUTURE molti articoli sulla navigazione antica, una scienza affascinante nella quale c’è ancora molto da scoprire. Una domanda che ci possiamo porre è come navigavano gli antichi marinai? Quali erano le loro conoscenze? Inizio oggi una serie di articoli sulla storia della navigazione attraverso quelle invenzioni che di fatto consentirono agli Uomini di solcare gli Oceani con maggiore padronanza ed allargare i loro orizzonti.

Un origine sconosciuta
Probabilmente tra i primi umani ad aver navigato in mare aperto furono i popoli polinesiani, circa 50.000 anni fa, nella loro migrazione verso occidente dalle coste del sud america. Nel Mar Mediterraneo forse tutto iniziò circa 10.000 anni fa, quindi dopo l’ultima glaciazione, quando le acque incominciarono a risalire ed i nostri antenati, per necessità si ingegnarono per poter raggiungere per mare le nuove isole.

Probabilmente costruirono delle piccole imbarcazioni, intrecciando delle canne, che furono inizialmente propulse da semplici rami che si perfezionarono poi nelle prime pagaie. Forse, osservando una foglia galleggiare sull’acqua, sospinta dal vento, ebbero l’idea di costruire delle superfici di tessuti intrecciati per sfruttare la forza del vento, le prime vele. Le prime navigazioni avvennero lungo le coste, identificando punti di riferimento che potevano essere di aiuto per potersi orientare. Il poter raggiungere una destinazione e poi tornare a casa era infatti la condizione essenziale che necessitava di un concetto fondamentale, l’orientamento. In tempi antichi il poter stabilire dei punti cardinali di riferimento era legato ai cicli del Sole che sorge ogni giorno ad Oriente (Est) e tramonta ad Occidente (Ovest).

Orientamento
Iniziamo con questo termine che vedremo ci accompagnerà fino ai nostri giorni. Con orientamento intendiamo l’azione di orientarsi nello spazio verso una direzione seguendo determinati riferimenti. Punti che definiamo cardinali in quanto d’incontro dell’orizzonte con uno specifico riferimento. Non a caso ai naviganti antichi il Sole era il riferimento più importante al quale si sarebbero presto aggiunte nella notte le costellazioni.

fiordo a Gozo, antico sorgitore fenicio – photo credit @andrea mucedola

Sotto un certo aspetto l’Oriente aveva un significato mistico, sinonimo di perenne rinascita. Se quegli antichi marinai avessero voluto comunicarsi una direzione quale migliore definizione se non “verso il sorgere o il tramonto del Sole“? In quei secoli lontani nacque così un concetto fondamentale, l’orientamento inteso come la capacità di trovare una posizione all’interno di un sistema di riferimento seguendo una direzione. 

Superando la fase nomadica, incominciarono a studiare come raggiungere una destinazione per poi … ritornare al punto di partenza. Può sembrare banale, ma lo sviluppo delle tecniche di navigazione richiesero molti secoli per potersi affinare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ARCHEOLOGIA-NAUTICA-Akrotiri_minoan_town.jpg

navi della media età del bronzo davanti al porto di Acrotiri, Thera Akrotiri minoan town.jpg – Wikimedia Commons

I navigatori dell’età del bronzo
Nell’età del bronzo i commerci fra popoli diversi del Mediterraneo portarono alla nascita dell’organizzazione marittima moderna. I commercianti avevano bisogno di mezzi idonei per il trasferimento (le navi), di equipaggi addestrati a questa forma di lavoro (marinai), di basi logistiche dove rifornirsi e fare le manutenzioni (i porti) e, non ultimo, di apprendere il come ovvero l’arte dell’orientamento. Il primo passo fu identificare punti di riferimento cospicui, come montagne, isole o estuari dei fiumi, poi osservando il cielo notturno si accorsero dell’alternarsi delle costellazioni sulla linea dell’orizzonte.

navicella sarda – museo archeologico di Cagliari photo credit @andrea mucedola

Odisseo (Ulisse) descrive in molti passi dell’Odissea nozioni marinaresche che dovevano essere di patrimonio comune tra i marinai di quei lontani periodi. Intorno al III secolo a.C. il poeta greco Aratos di Soli pubblicò il suo Phenomena descrivendo in dettaglio le posizioni delle costellazioni ed il loro ordine di ascesa e tramonto. Queste erano informazioni vitali per qualsiasi navigatore per mantenere una determinata rotta. In particolare, una stella che sembrava restare fissa mentre le altre sorgevano e tramontavano girandogli intorno, poteva essere usata come riferimento per seguire una direzione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NAVIGAZIONE-STELLARE-Finding_polaris.png

come identificare la stella polare seguendo la direzione dell’allineamento delle due stelle dell’orsa minore  Finding polaris.png – Wikimedia Commons

Gli antichi astronomi avevano notato che vi erano delle stelle e costellazioni che non tramontavano mai, le circumpolari. Tra di esse una stella, tra l’altro non particolarmente luminosa, era più fissa delle altre, la stella polare. Gli antichi marinai compresero che la costellazione dell’Orsa Minore orbitava attorno a quel punto, il polo nord celeste, in un cerchio più stretto rispetto all’Orsa Maggiore (il Settentrione dal latino septemtriones – septem triones – ovvero la costellazione dei “sette buoi da lavoro» identificati nelle sette stelle dell’Orsa). L’angolo tra quella stella e l’orizzonte dipendeva dalla latitudine dell’osservatore, ma questo, probabilmente, non lo capirono subito. Sebbene il concetto di rappresentazione geometrica su carta della geografia non fosse ancora nato, la sua altezza divenne presto un riferimento importante. I marinai compresero che mantenendo la sua altezza costante rispetto all’orizzonte potevano navigare con una direzione precisa, ovvero quella che oggi noi chiamiamo latitudine.

Stelle e costellazioni
In caso di non visibilità della polare, gli antichi navigatori usavano altre stelle e costellazioni per determinare le direzioni cardinali. Si resero infatti conto che le posizioni in cui “apparivano e scomparivano” all’orizzonte le stelle erano costanti e non cambiavano nel tempo. Una nozione astronomica importante e molto complessa che richiedeva la memorizzazione da parte dei naviganti del comportamento delle costellazioni principali durante le stagioni. Questa conoscenza fu nel tempo però dimenticata a seguito della scoperta di nuovi strumenti di orientamento, come le bussole. Appare però interessante rilevare che la metodologia impiegata dai Polinesiani e dagli antichi popoli mediterranei nella navigazione stellare non fosse inizialmente molto diversa. Sicuramente i navigatori più esperti conoscevano a memoria i movimenti delle stelle cosa che li rendeva professionisti ricercati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NAVIGAZIONE-CELESTE-ROTAZIONE-INTORNO-ALLA-POLARE-1280px-90_Minutes_of_Your_World-1024x686.jpg

il cielo stellato ruota intorno alla stella polare per cui il sorgere ed il tramontare delle costellazioni sulla linea dell’orizzonte fu sfruttato dagli antichi per orientarsi in alto mare – Autore Dan Muntz – Fonte https://www.flickr.com/photos/28443805@N05/2985454779/ 90 Minutes of Your World.jpg – Wikimedia Commons

Le nozioni dei movimenti celesti vennero inserite nei primi portolani, documenti nautici che raccoglievano su carta le nozioni geografiche dell’epoca. Non a caso le rotte di navigazione del Mediterraneo (periploi in greco) erano probabilmente già mappate nel IV secolo a.C.. Nel I secolo dopo Cristo, esistevano portolani che coprivano anche le rotte atlantiche, dell’Africa nord-occidentale, del corno dell’Africa ed oltre il Golfo arabico verso la lontana India. Queste informazioni non erano di patrimonio di tutti ed avevano una loro segretezza commerciale. Conoscere le rotte migliori voleva dire arrivare più celermente a destinazione e commerciare più proficuamente. Lasciato il porto, quando la terra non era più visibile, gli antichi marinai, in condizioni di buona visibilità, stimavano di notte le indicazioni dalla stella polare mentre di giorno il sorgere o il tramonto del sole. Le navigazioni erano sicuramente perigliose e gli incidenti molto frequenti ma i guadagni economici erano sempre molto alti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è asse-repubblicano.jpg

asse romano – photo credit @andrea mucedola

Nascita del potere marittimo
Roma ebbe la capacità di assimilare le conoscenze altrui ed utilizzarle per i propri scopi commerciali e militari. Molte delle abilità marittime dei Romani furono ereditate dalle esperienze maturate dagli altri popoli e, almeno nei primi anni, i navigatori delle loro navi erano di origine greca o fenicia. Roma creò però il metodo ovvero l’organizzazione necessaria per mantenere insieme una struttura marittima complessa e funzionale che serviva un Impero che andava dalle isole britanniche alle lontane terre dell’Oceano Indiano. Furono create basi navali con magazzini e depositi necessari per gestire l’enorme flusso delle merci necessarie alla sopravvivenza di Roma. Eliminato il fenomeno della pirateria, i comandanti delle navi commerciali onerarie romane potevano percorrere rotte sicure, protetti da un’organizzata flotta militare. Oltre alle merci, preziose informazioni sui luoghi di destinazione, nozioni di meteorologia e di oceanografia venivano inglobate nei portolani. Il potere marittimo esercitato da Roma fu rappresentato sin dai primi anni anche sulla monetazione romana, la forma di comunicazione più importante e popolare del periodo.

Ma con quali conoscenze nautiche quegli antichi navigatori affrontarono gli spazi aperti? Non bastava conoscere le stelle, si dovevano capire i loro movimenti. Secondo Plinio, questa conoscenza, che ho citato nella prima parte, fu sviluppata dai Fenici che, abili commercianti, furono tra i primi a raggiungere le più lontane destinazioni del Mediterraneo, venendo a contatto con gli scritti dei più grandi astronomi dell’antichità, i Caldei. Per poter sfruttare appieno quelle nozioni era però necessario possedere degli strumenti di misura che scopriremo nel prossimo articolo.

fine parte I – continua

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.
,
PARTE I PARTE II PARTE III

PARTE IV PARTE V PARTE VI

print

(Visited 1.688 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli per tutti

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico e non a fini di lucro, che pubblica articoli di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x