Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Un’animazione della NASA dimostra la migrazione delle plastiche negli oceani negli ultimi 35 anni

tempo di lettura: 4 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: OCEAN POLLUTION
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEAN
parole chiave: plastica

 

L’oceano è divenuto il ricettacolo di otto milioni di tonnellate di rifiuti che, trasportati dalle correnti marine, si riuniscono in cinque gigantesche “isole di immondizia” che turbinano attorno ai principali vortici oceanici, ma non solo. La NASA ha creato una inquietante visualizzazione di questo inquinamento.

Nelle immagini si notano i movimenti delle masse di plastica negli oceani del mondo. La NASA ha creato il time-lapse utilizzando i dati di boe scientifiche galleggianti distribuite negli oceani negli ultimi 35 anni –  credit NASA. Le boe sulla mappa sono rappresentate dai puntini bianchi e si nota come migrano verso i cinque vortici conosciuti nel grande sistema di correnti oceaniche. Questi si trovano nell’Oceano Indiano e nel nord e nel sud del Pacifico e nel nord e nel sud dell’Atlantico ma questo non vuol dire che non possano essersi formati anche in altri mari.

The ocean is filled with eight million tonnes of garbage - enough to fill five carrier bags for every foot of coastline on the planet. Carried by sea currents, this waste congregates into five giant ‘garbage islands’ that swirl around the world’s major ocean gyres

Circa 8 milioni di tonnellate di bottiglie, borse e altri rifiuti di plastica finiscono ogni anno negli oceani del mondo. Una quantità stimata che però potrebbe essere sottostimata in quanto gran parte potrebbe essere affondata. Una quantità che potrebbe essere in realtà di 12,7 milioni di tonnellate che si aggiungono ogni anno all’esistente.

Una domanda che molti si pongono è chi scarica di più?
Chi ha avuto la fortuna di navigare e immergersi negli Oceani orientali sa che più della metà proviene da cinque Paesi: Cina, Indonesia, Filippine, Vietnam e Sri Lanka ma anche tra i primi 20 inquinatori di plastica anche gli Stati Uniti. Per dare un’idea, la Cina è responsabile di 2,4 milioni di tonnellate di plastica, quasi il 28% del totale mondiale, mentre gli Stati Uniti 77.000 tonnellate.

Attraverso modelli matematici basati sul rilascio di particelle (come ECCO-2 – Estimating the Circulation and Climate of the Ocean) rilasciate in modo uniforme si nota che anche esse migrano verso i garbage patch. 

La NASA ha creato il time-lapse utilizzando i dati delle boe (viste come punti bianchi) che erano state distribuite negli oceani negli ultimi 35 anni.

Nasa created the time-lapse using data from buoys (seen as white dots) that had been distributed in the oceans for the last 35 years

Dalle immagini si possono vedere i movimenti delle boe scientifiche rilasciate nel 1986 con la loro posizione nel 1999. Negli anni successivi, l’animazione della NASA mostra come si sono riunite attorno alle principali correnti oceaniche.

In che modo l’inquinamento da plastica sta devastando la vita negli oceani?
Gli studi hanno rivelato che quasi 400 specie marine sono a rischio a causa delle tonnellate di rifiuti scaricati negli oceani ogni anno. Il problema è aumentato di quasi il 50% da quando lo studio precedente è stato condotto nel 1997. Anche gli uccelli marini spesso scambiano la plastica galleggiante per cibo (oltre il 90% degli uccelli marini trovati morti nel Mare del Nord hanno plastica nello stomaco). Ma la minaccia non si ferma alle specie animali marine e arriva fino a noi. Un problema enorme che dovrebbe essere affrontato con una maggiore educazione ambientale, maggiori controlli sugli scarichi e con la
rimozione su larga scala di detriti marini di plastica (per quanto si tratterebbe solo di un palliativo insignificante se non preceduto dai primi due provvedimenti).

Non si può più attendere: è stato calcolato che tra il 2010 e il 2025, circa 155 milioni di tonnellate di plastica potrebbero essere scaricate negli oceani.

.

Riferimento
NASA – NOAA
NASA ECCO – Home (ecco-group.org)
ECCO estimates ocean circulation and its role in climate, combining state-of-the-art ocean circulation models with global ocean data sets.

NASA images, audio, video, and computer files used in the rendition of 3-dimensional models are permitted for educational or informational purposes, including photo collections, textbooks, public exhibits, computer graphical simulations and Internet Web pages. This general permission extends to personal Web pages

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 755 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
1 visitatori online
1 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 15 alle 02:04 am
Mese in corso: 66 alle 01-06--2024 10:29 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x