If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Recensioni librarie: “Mohawk Deer, la nave che morì 3 volte. La vera storia” di Massimo Mazzitelli

livello elementare
.
ARGOMENTO: RECENSIONI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: SAGGIO
parole chiave: Relitti, Mohawk Deer

 

Conoscete la storia della Mohawk Deer? Sicuramente molti subacquei ne conoscono l’esistenza, avendone visitato i resti del relitto all’interno dell’area marina protetta di Portofino, nei pressi Cala degli Inglesi. La sua storia merita di essere letta e la potrete trovare in un libro scritto da Massimo Mazzitelli: “Mohawk Deer, la nave che morì 3 volte. La vera storia“. Una cronistoria della vita di questa nave, non particolarmente fortunata che, come viene raccontato nel libro, sebbene destinata alla demolizione, trovò una sua sepoltura in mare nel suo ultimo viaggio, diventando rifugio per tante creature marine.

 
In breve il Mohawk Deer fu un piroscafo da carico, registrato precedentemente con i nomi di L.C. Waldo (1896-1913) e di Riverton (1914-1943). Destinato al trasporto di grano navigò prevalentemente lungo le coste nord americane, in mari caratterizzate da cattivo tempo per molti mesi dell’anno.  

Al termine di una vita decisamente avventurosa, dopo due drammatici affondamenti, terminò in una maledetta notte la sua vita nel 1967, durante il suo ultimo viaggio verso La Spezia dove sarebbe dovuta essere definitivamente demolita. Una vita operativa straordinariamente lunga (71 anni) per questo mercantile che non si fece mancare nulla tra tempeste e secche.

La Mohawk Deer aveva uno scafo in acciaio, tre alberi, una cisterna anch’essa in acciaio, tre stive e tre paratie stagne. L’apparato motore, consisteva in una motrice a vapore a triplice espansione con due caldaie e sei fornaci. La linea, molto curata, era caratterizzata dalla torretta della pilot house a prua al di sotto della quale vi era la deck house, con all’interno la cabina e l’ufficio del comandante. La nave a vapore, che era stata originariamente costruita nel marzo del 1896 con il nome di Waldo, affondò alle 7:30 del 6 novembre 1967 spezzandosi in due tronconi.

foto di Massimo Mazzitelli

La parte prodiera si staccò ed affondò per prima lasciando spuntare una parte dell’albero, mentre la poppa affondò lentamente. I resti del relitto sono ben visibili e sparpagliati da una profondità di pochi metri fino ad oltre i 50 metri sulla scogliera del “Raffinale“, nei pressi di San Fruttuoso di Camogli.

foto di Massimo Mazzitelli

Recensione
Il libro, che si legge in un pomeriggio, è estremamente curato ed ha alle spalle una ricerca di oltre due anni fatta dall’autore, fotografo subacqueo e appassionato di mare e le sue pagine contattando in primis la Toronto Marine Historical Society e poi alcuni protagonisti della vita di questo piroscafo. Con grande rispetto Mazzitelli racconta la vita di questa vecchia signora del mare che, a dire il vero, non ebbe una vita facile, tra collisioni e mari tempestosi che comportarono un primo affondamento nel 1913 a causa di una tempesta storica che provocò l’affondamento anche di altre dodici navi. Il Waldo, così si chiamava all’ora, si spezzò in due ma riuscì ad essere recuperata e poi venduta. Nel 1915 fu riallestita cambiando il nome in Riverton. Navigò per molti anni fino al 15 novembre del 1943 quando, colpita da una bufera di vento e neve, fu spinta in costa contro una scogliera. Affondò drammaticamente e solo con grande fatica fu recuperata. Nel 1944, dopo essere stata nuovamente riallestita, prese in parte il nome della sua nuova Compagnia, la Mohawk Navigation Co. Ltd di Montreal. La Mohwak Deer navigò per anni trasportando grano e frumento nelle rotte nord americane fino a quando fu venduta come “ferro vecchio” ai Cantieri di Portovenere (La Spezia). Questo cantiere era probabilmente quello sito nel borgo delle Grazie dove da bambino andavo con i miei amici a “rumegare” alla ricerca di tesori perduti … ma in quell’ultimo scalo la Mohawk Deer non ci arrivò mai. Fu proprio nel suo viaggio finale che avvenne il suo terzo affondamento e questa volta definitivo.

foto di Massimo Mazzitelli

Tutta la sua straordinaria storia è ben raccontata nel libro di Mazzitelli che raccomando per la sua lettura anche ai non subacquei, a tutti quegli appassionati di mare che vogliono viaggiare con la fantasia tra ghiacci e tempeste, stando però in sicurezza sulla loro poltrona.

Sull’autore

Massimo Mazzitelli nasce a Genova nel 1961. Il suo amore per il mare e le sue creature lo spinge alla subacquea che diventa, con la fotografia, una vera passione. Massimo inizia sin da giovane a catturare immagini di vita quotidiana, arte, paesaggistica naturalistica e macro unendo i suoi primi reportage di viaggio. Dal 1994 si avvicina alla fotografia subacquea con una sua prima custodia, auto costruita, per dedicarsi anche al mondo subacqueo. Diventa in breve un apprezzato fotografo subacqueo con eccellenti riconoscimenti internazionali e un vasto portafoglio che può esser visto sul suo sito internet. Le foto allegate all’articolo sono di sua proprietà.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 178 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. 13/04/2020    

    Conosco bene il relitto dai primi anni 80, ma non conoscevo la storia nei particolari… Grazie Massimo Mazzitelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share