If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Protagonisti del mare: Albert Falco

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: PROTAGONISTI DELLA SUBACQUEA
parole chiave: Cousteau, Falco, Equipe, Calypso 

 

Molti di voi ricorderanno i documentari dell’equipe Cousteau, che hanno in qualche modo avvicinato molti di noi alla subacquea. Si sa che un team è di successo quando è composto da uomini straordinari e nell’equipaggio della Calypso ve ne furono molti. Tra di essi oggi ricordiamo  Albert “Bébert” Falco, subacqueo, ricercatore e poi Comandante della Calypso, la famosa nave oceanografica del comandante Cousteau.

Il 21 aprile del 2012 Falco morì nella sua casa di Marsiglia all’età di 84 anni dopo una vita dedicata alle immersioni e alla protezione del mondo sottomarino. Quasi fosse un coronamento alla sua lunga carriera, solo alcuni giorni dopo la realizzazione del progetto a lui più caro, il Parco nazionale delle Calanques.

Un  marsigliese alla conquista degli abissi
“Bébert” nacque a Marsiglia il 17 ottobre 1927. dove incominciò ad immergersi nella baia di Sormiou. Nel 1952, si unì alla squadra della Calypso inizialmente  come operatore subacqueo volontario per una missione di scavo archeologico. Un’attività quella della ricerca ed esplorazione subacquea che perseguì fino al 1990. Il medico di bordo della Calipso, Denis Martin-Laval,  ricordava ancora quando, nel 1955, Falco gli offrì di fare il battesimo  subacqueo. Detto da un veterano come Falco, giustamente maniaco della sicurezza, l’invito non poteva essere rifiutato. La cosa funzionò e Martin-Laval partecipò per 15 anni a quelle straordinarie missioni negli oceani del mondo.

Raccontare, in poche righe la sua vita è come riaprire un vecchio album di fotografie, alcune ingiallite ma che ci fanno tornare giovani. Tutti ricordano la sua grande umanità mista ad una non comune professionalità. Nel 1955, Albert Falco ricoprì uno dei ruoli principali nel film di Jacques-Yves Cousteau e Louis Malle, Le Monde du silence, che ottenen nel 1956 la Palme d’or a Cannes e poi vinse l’Oscar.

Nel 1962, Albert Falco, ottenne una prima mondiale con Claude Wesly. Furono i primi “oceanauti” a vivere 7 giorni sotto il mare al largo dell’arcipelago di Frioul, di fronte a Marsiglia.

Questa prima esperienza, chiamata Precontinente, sarà seguita da altre due, nel 1963 presso il sito di Shaab Rumi in Sudan (Precontinente II).  Falco e il suo team vissero in questi abitacoli subacquei per trenta giorni ad una profondità di almeno dieci metri, collocati fuori Nizza nel 1965 con la missione Precontinente III.

Falco divenne anche il capo pilota del disco volante subacqueo “Denise”, che, nel 1959, dopo i primi test in mare divenne protagonista di molte immersioni profonde. 

L’SP-350 Denise, famoso come “Disco volante subacqueo” (Soucoupe plongeante), era un piccolo sottomarino progettato per contenere due persone, in grado di esplorare profondità fino a 400 metri (1.300 piedi). Fu inventato da Jacques-Yves Cousteau e dall’ingegnere Jean Mollard presso il Centro francese per la ricerca subacquea ma fu costruito solo nell’anno 1959. La sua propulsione era costituita da getti d’acqua orientabili e alimentati elettricamente, che consentivano di navigare in tutte le direzioni, oltre a girare attorno al suo asse verticale. Per correggere l’atteggiamento dello scafo, il pilota doveva spostare una massa di zavorra di mercurio liquida.

I membri dell’equipaggio entravano nell’imbarcazione attraverso un boccaporto sulla parte superiore dello scafo e si sdraiavano fianco a fianco su dei materassi per azionarlo, osservando l’ambiente circostante attraverso dei grandi oblò inclinati per potersi avvicinare a pochi centimetri dal soggetto. Per le immersioni notturne e per le riprese era dotato di lampade elettriche che fornivano un’illuminazione potente anche a profondità di lavoro estreme. Un braccio manipolatore, azionato elettricamente, poteva essere montato nella parte anteriore dell’imbarcazione in modo da raccogliere oggetti sul fondo.

Un mezzo per l’epoca straordinario con il quale Albert Falco effettuò oltre trecento immersioni, per scopi scientifici e cinematografici, rimanendo a volte dalle 4 alle 5 ore a 350 metri di profondità. La sua attività a bordo della Calypso durò fino al 1990 ma, poco dopo, il glorioso ex dragamine francese Calypso affondò a Singapore nel 1996. La Calypso fu poi recuperata e riportata alla Rochelle dove si parlava di esporlo al Museo Marittimo della città della Charentaise ma una battaglia legale tra il Team Cousteau (ex-Cousteau Foundation) e il cantiere Piriou a Concarneau (Finistère), dove si trova oggi, ne impedì il restauro.

Albert Falco con alle sue spalle la baia di Sormiou dove iniziò negli anni ’50 ad immergersi

Il capitano Falco, che dedicò la sua vita al mondo del mare, non smise mai di educare gli uomini alla ricchezza e fragilità degli Oceani. Ad esempio, nel novembre 2011, sponsorizzò a Fort-de-France la 2a Conferenza internazionale delle aree protette per i mammiferi marini. Fino all’ultimo continuò ad immergersi e, nel dicembre 2011 (all’età di 83 anni) si immerse per filmare i cannoni di Fort St Louis.

Una vita straordinaria il cui impegno per la protezione del mondo sottomarino, gli valse diverse distinzioni, in particolare l’Ordine nazionale al merito e la Legione d’onore e, nel 1964, in qualità di Direttore Scientifico della Fondazione Cousteau, il Tridente d’Oro dell’Accademia Internazionale delle Scienze e Tecniche Subacquee, riconoscimeto ricevuto anni prima anche da Cousteau.

In Martinica, dove passò molti periodi della sua vita, alla sua morte la Marina Nationale posò una targa sott’acqua, un ricordo di questo grande protagonista del mare … non un addio ma un arrivederci perché i subacquei come lui non muoiono mai, ma vanno ad immergersi in altri oceani.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 145 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. 22/03/2020    

    Un articolo che mi ha fatto venire il magone. Mi sono tornate in mente le domeniche pomeriggio in Belgio quando avevo 13 anni. Dopo aver divorato il suculento dolce al cioccolato che mia mamma sfornava una volta alla settimana. Corricato sul divano e avvolto in una morbida coperta mi immergevo nel tubo catodico in bianco e nero formato 4/3 con la Calipso nel “mondo del silenzio” e successivamente “il mondo senza sole”. Vedere Falco , braccio destro di Cousteau, sempre sorridente con quel viso severo e cotto dal sole aveva rapito quanto di me era rivolto verso la passione per il mare.
    Grazie Andrea per questo articolo

    Il mondo del silenzio (1956), Il mondo senza sole (1964) e Voyage to the Edge of the World (1976).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share