Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La scoperta delle variazioni climatiche a scala geologica – parte III

Reading Time: 7 minutes


livello medio
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: CLIMATOLOGIA
parole chiave: variazioni climatiche
.
A partire dagli anni ’50 del XX secolo, due passaggi fondamentali portarono ad una rivoluzione nelle conoscenze sulla successione dei periodi glaciali del Quaternario e sulla storia climatica del nostro pianeta in generale. Il primo passo è dovuto allo sviluppo di nuovi metodi geochimici per l’analisi dei carbonati, il secondo è lo sviluppo di ricerche sistematiche sui sedimenti dei fondali marini e oceanici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è co2-ere-geologiche.jpg

Nuovi metodi geochimici per l’analisi dei carbonati
Il primo passo si deve ad Harold Urey, chimico statunitense vincitore del premio Nobel per la chimica nel 1934 per la scoperta del deuterio (l’isotopo dell’idrogeno di massa atomica doppia rispetto all’idrogeno normale, in quanto il nucleo del suo atomo è composto da un protone e da un neutrone).

Harold Urey

Nel 1946 Urey stava studiando un metodo per distinguere i carbonati marini da quelli di acqua dolce. Lo scienziato scoprì che la temperatura aveva un considerevole effetto sulla composizione degli isotopi del carbonato di calcio (CaCO3). Nell’acqua di mare infatti, l’ossigeno è costituito per circa il 99.8% da O16 (l’isotopo dell’ossigeno più leggero e più abbondante, in cui il nucleo atomico è costituito da otto protoni e otto neutroni) e per circa lo 0.2% da O18, un isotopo più pesante (in cui il nucleo atomico è costituito da otto protoni e dieci neutroni). Urey, studiando la concentrazione della loro composizione isotopica, capì dunque di avere a disposizione un metodo geochimico originale per poter stimare le temperature dell’acqua.

Il passo successivo fu quello di applicare queste tecniche per lo studio delle variazioni climatiche registrate nei sedimenti marini. Il contributo fondamentale in questo senso si deve a Cesare Emiliani, uno scienziato italiano che si laureò in geologia a Bologna nel 1945, specializzandosi poi in micropaleontologia.

Cesare Emiliani

Emiliani applicò e sviluppò il metodo di Urey allo studio della composizione isotopica dell’ossigeno nei gusci calcarei dei microfossili (foraminiferi planctonici) in sedimenti di mare profondo (carotaggi) provenienti da perforazioni effettuate nell’Atlantico, nei Caraibi e nel Pacifico. Nel 1955 Emiliani scoprì che la composizione isotopica dell’ossigeno (il rapporto tra gli isotopi 18O e 16O) dei gusci variava periodicamente di una quantità oscillante attorno allo 0.2%. Stimò che circa il 60% di questa variazione fosse dovuto al variare della temperatura dell’oceano. Nel 1957, Emiliani correlò le variazioni di temperatura, dedotte dall’analisi isotopica dei gusci di foraminiferi, con le epoche glaciali ed interglaciali di Penck e Bruckner. Introdusse gli “stadi marini isotopici” quali traccianti delle oscillazioni del clima nel passato, che sono usati ancora oggi per la cronologia geochimica.

In particolare stabilì che le Ere glaciali dell’ultimo milione di anni sono stati un fenomeno ciclico, dando forte supporto all’ipotesi di Milankovic, e rivoluzionando le idee relative alla storia della relazione tra gli oceani e le glaciazioni.

Nicholas John Shackleton

Nel 1967 Nicholas John Shackleton dimostrò come il metodo utilizzato da Emiliani per misurare le temperature dell’acqua, in base al rapporto isotopico dell’ossigeno, fosse parzialmente errato e che la variazione del rapporto isotopico dell’ossigeno nell’acqua di mare in realtà era stato principalmente influenzato dall’espansione e dal ritiro delle calotte glaciali sui continenti.

In sostanza, Shackleton mise in evidenza che, oltre agli effetti dovuti alla temperatura dell’acqua, le variazioni del volume di ghiaccio che si accumula sulla terra ferma durante i periodi glaciali svolgono un ruolo preponderante nel determinare la variazione del rapporto 18O / 16O nell’acqua di mare.

Rappresentazione schematica del meccanismo di arricchimento in 18O dell’acqua di mare durante i periodi glaciali (sotto), rispetto ai periodi non glaciali (sopra). Il fenomeno è dovuto al fatto che l’acqua che evapora è praticamente priva dell’isotopo più pesante dell’ossigeno (18O), che resta nell’acqua di mare. L’acqua leggera tende poi a precipitare sotto forma di neve e alimenta i ghiacciai continentali in espansione durante i periodi glaciali. Da http://www.columbia.edu/~vjd1/stable_isotopes.htm

Questo avviene in quanto durante l’evaporazione l’isotopo più pesante (18O) tende a rimanere nell’acqua dell’oceano. L’isotopo più leggero (16O) invece si concentra nel vapore acqueo che precipita poi sotto forma di neve sui continenti alimentando i ghiacciai in espansione durante i periodi glaciali.

Sviluppo di ricerche sistematiche sui sedimenti dei fondali marini e oceanici
Il fondamentale passo successivo per la comprensione delle variazioni del clima su scala di tempo geologica registrate nei sedimenti marini si deve a Hays, Imbrie e Shackleton.

Nel 1976 dimostrarono che il ritmo delle variazioni che si possono osservare nelle successioni sedimentarie marine hanno periodicità compatibili con le variazioni cicliche nella geometria dell’orbita terrestre descritte dai calcoli di Milanković.

Questa osservazione permise di riconciliare le evidenze geologiche delle variazioni climatiche con le previsioni della teoria di Milanković. Venivano così superate le difficoltà che avevano impedito di correlare direttamente le variazioni della radiazione solare incidente, dovute ai moti dell’orbita terrestre, con le deduzioni dei geologi della prima metà del XX secolo.

Particolare della successione della successione stratigrafica della “scalinata dei turchi” (Punta di Maiata, Sicilia) – foto dell’autore

Oggi è ben noto che queste variazioni sono visibili in alcune successioni sedimentarie attualmente esposte in superficie. Un esempio è il caso della famosa Scalinata dei turchi sulla costa meridionale della Sicilia.

Si distinguono inoltre chiaramente degli strati bianchi più spessi e resistenti all’erosione (che vanno a formare i “gradini” della scalinata) e che rappresentano i cicli di eccentricità con periodicità di 100mila anni. Particolare della successione della successione stratigrafica della “scalinata dei turchi” (Punta di Maiata, Sicilia) – foto dell’autore

Qui è evidente una tipica alternanza di strati con colori diversi. Si tratta di una sequenza di sedimenti carbonatici a grana fine deposta in mare aperto nel corso del Pliocene, intorno ai tre milioni di anni. In questa successione stratigrafica si osserva una ripetizione ciclica di variazioni di colore, secondo una “quadripletta” grigio-bianco-marrone-bianco, che rappresentano un ciclo di precessione con durata pari a circa 23 mila anni.


La perforazione dei fondali
Il progressivo sviluppo dei progetti di perforazione dei fondali oceanici ha poi consentito la ricostruzione via via più dettagliata della variazione dei rapporti isotopici dell’ossigeno nel tempo geologico e dunque di comprendere la storia climatica del nostro pianeta con sempre maggior dettaglio e per periodi di tempo sempre più estesi. 

Distribuzione dei siti di perforazione scientifica nell’ambito dei progetti internazionale di perforazione oceanica (DSDP, ODP, IODP), dal 1968 od oggi da https://it.wikipedia.org/wiki/Integrated_Ocean_Drilling_Program

La sintesi della ricostruzione della storia climatica nel corso del Cenozoico è illustrata nella figura sottostante, che conclude questa rassegna.

Variazione del rapporto isotopico dell’ossigeno durante il Cenozoico da Zachos et al. (2001) “Trends, Rhythms, and Aberrations in Global Climate 65 Ma to Present”, pubblicato su Science

La figura mostra la curva di variazione del rapporto 18O/16O negli ultimi 65 milioni di anni. Sono in evidenza i principali eventi paleoclimatici, dovuti ad una combinazione di effetti geologici a scala planetaria (moti delle placche litosferiche, sollevamento di nuove catene montuose, variazione nella composizione atmosferica, ecc…) e astronomici (periodicità orbitali).

E’ evidente un progressivo raffreddamento del pianeta.
Il grafico parte dal massimo termico di circa 50-55 milioni di anni fa, con eventi di variazione brusca che si accompagnano allo sviluppo delle calotte glaciali polari (in Antartide a partire da circa 34 milioni di anni fa). Segue poi l’instaurazione delle principali fasi ripetute di estesa glaciazione nell’emisfero settentrionale che hanno caratterizzato l’ultimo milione di anni.

Le tracce di questi eventi hanno acceso, sin dal XVIII secolo, la curiosità degli scienziati verso la storia climatica del nostro pianeta.

articolo da INGVambiente.com  

.

Leonardo Sagnotti
possiede una Laurea con lode in Geologia (dicembre 1987), Università “La Sapienza”, Roma, Italia, attualmente Senior Principal Research Fellow (Dirigente di Ricerca) presso l’INGV.
Curriculum:
1990-1992: Borsa di studio per la creazione di un laboratorio paleomagnetico presso l’Istituto Nazionale di Geofisica (ING), Roma, Italia.
1992-1995: Research Scientist, temporaneo (Ricercatore a contratto) ING.
1995-2000: Research Scientist, confermato (Ricercatore di ruolo) presso ING.
2001-2003: Senior Scientist (Primo Ricercatore) presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Roma, Italia.
2001-2016 è stato Responsabile del “Laboratorio di paleomagnetismo” di INGV.
Dal 2016 è Direttore del “Dipartimento Ambiente” di INGV.

Attività scientifiche:
Paleomagnetismo e magnetismo delle rocce:
– Installazione e gestione di un laboratorio paleomagnetico;
– Applicazione del paleomagnetismo alla geodinamica;
– Sviluppo di software originale per la gestione di dati paleomagnetici;
– Magnetostratigrafia integrata di sequenze marine;
– Studi di mineralogia magnetica con enfasi sull’influenza sulla documentazione paleomagnetica;
– Studi di anisotropia magnetica (suscettività e remanenza), con enfasi sulle applicazioni alla geodinamica;
– Studi sul magnetismo ambientale: segni magnetici rocciosi di cambiamenti paleoambientali;
– Studi sul magnetismo ambientale: applicazione allo studio dell’inquinamento atmosferico.

l’articolo completo è stato pubblicato da INGV Ambiente

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III

print
(Visited 437 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »