If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Le portaerei servono (e pure gli F35) di Nicola De Felice

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINA MILITARE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: ARMAMENTI
parole chiave: Portaerei,  F35 B
.

E’ di questi giorni un aspro dialogo sull’assegnazione di aerei F 35 B VSTOL, destinati originariamente alla Marina Militare italiana, all’Aereonautica militare. Ma non solo, in ambito parlamentare rinascono incomprensibili polemiche e proposte per un ridimensionamento del programma, già pesantemente ridotto in passato, che avrebbe non poche conseguenze per l’industria nazionale, in particolare per Leonardo, e per la capacità operativa della Difesa.

F 35B matr. 01 della Marina Militare italiana, un mezzo essenziale nelle operazioni del III millennio

In particolare, dal punto di visto operativo, una riassegnazione dei mezzi all’Aereonautica comporterebbe indubbie conseguenze strategiche e tattiche nel ruolo della Marina Militare italiana, specialmente quando impiegata in compiti di deterrenza nei teatri vicini e lontani. In questi ultimi giorni, ha fatto risalto la lettera dell’Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli in merito alla decisione di assegnare il terzo velivolo B all’Aereonautica Militare invece che alla Marina. Questo pericoloso precedente comporterebbe un ritardo del raggiungimento della capacità operativa iniziale degli F-35B della Marina che dovranno in un prossimo futuro imbarcare sul Cavour. Come ricorderete la versione B (a decollo corto) dovrebbe essere assegnata solo alla Marina militare mentre quella A all’Aeronautica. Non si tratta della solita lotta interna fra le due forze armate, che ha da sempre inficiato la capacità offensiva della Marina, ma di una non comprensione del ruolo di completamento delle forze navali nel loro ruolo politico militare di deterrenza. L’ammiraglio De Felice, in questo breve ma esaustivo articolo, pubblicato dal Centro Studi Machiavelli, fornisce un suo interessante punto di vista sull’argomento.

ITN Cavour, Il Cavour è una portaerei STOVL della Marina Militare italiana. Entrato in servizio nel 2009, dal 2011 è la nave ammiraglia della flotta.

Il Cavour è una portaerei STOVL della Marina Militare italiana. Entrato in servizio nel 2009, dal 2011 è la nave ammiraglia della flotta e dovrebbe imbarcare gli F 35B

Le portaerei servono (e pure gli F35) di Nicola De Felice
Il Presidente francese Emmanuel Macron ha criticato la Turchia per aver voluto esacerbare le tensioni regionali nel Mediterraneo, condannando gli accordi con la Libia ed inviando navi della Marina – la Royale – nel Mediterraneo orientale per effettuare delle esercitazioni con navi greche e cipriote. Macron ha promesso al primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis di intensificare le relazioni strategiche con la Grecia ed ha annunciato un nuovo accordo basato sulla cooperazione industriale e militare.

La portaelicotteri francese Dixmude ha già attraccato al Pireo per la partecipazione all’esercitazione “Alessandro Magno 2020” con navi da guerra greche e americane nelle acque della Grecia centrale. L’ambasciatrice francese a Cipro, Isabelle Dumont, ha confermato che la portaerei Charles De Gaulle, con a bordo i suoi 28 aerei “Rafale M”, giungerà nel porto di Limassol a fine febbraio.

La Charles de Gaulle è l’unica portaerei della Marina francese attualmente in servizio,  prima e unica nave di superficie a propulsione nucleare costruita in Europa occidentale. Ha sostituito la portaerei Clemenceau arrivata a fine carriera.

Ecco come la Francia, in barba ad una condivisa politica di sicurezza UE, utilizza le forze marittime quale strumento della sua politica estera, impiegate per il conseguimento di definiti obiettivi di interesse nazionale. Altrettanto dovrebbe fare l’Italia che ha una flotta di tutto rispetto e tanti interessi da tutelare nel Mediterraneo. Le forze marittime si spostano in prossimità di un’area di crisi senza violare le norme del diritto internazionale, rimanendo al di fuori delle acque territoriali, non condizionate alle necessità logistiche. In questo modo sono impiegate in un ruolo di diplomazia navale, mostrando la bandiera a tutela degli interessi della Nazione ovvero sostenendo deterrenza e dissuasione, fino ad un appropriato e selettivo uso della forza. Difatti, la capacità di appoggiare le forze dispiegate a terra con supporto di fuoco e sostegno logistico, influendo sulla condotta delle operazioni, è intrinsecamente connessa alla versatilità strategica della nostra Marina.

L’esigenza di imbarcare rapidamente e senza soluzione di continuità i quindici aerei ad appontaggio verticale F-35B STOVL sulla portaerei Cavour rappresenta per la Marina Militare italiana – e di riflesso per l’Italia – non semplicemente l’acquisizione di un nuovo tipo di velivolo, ma l’ammodernamento della capacità strategica della sua unica portaerei che, essendo uno strumento normalmente impiegato nella fase iniziale di un’operazione – ossia quando l’avversario è al massimo delle sue capacità belliche – avrebbe a disposizione aerei con ottime probabilità di sopravvivenza e capacità di attacco, oltre ad essere pienamente integrabili con gli aerei delle nazioni amiche. Considerata l’obsolescenza dell’attuale linea di volo basata sui “Sea Harrier” AV8B, è fondamentale l’imbarco dei primi F 35B ai fini del mantenimento della capacità della portaerei, pena la non impiegabilità del Cavour nei contesti operativi in condizioni di minaccia elevata.

AV 8B Sea Harrier sul ponte di Nave Cavour. McDonnell Douglas AV-8B Harrier II è una classe di aerei monomotori a getto da attacco al suolo appartenenti alla seconda generazione di aerei a decollo corto e atterraggio verticale (STOVL) sviluppati e prodotti dalla Boeing/BAE Systems negli anni novanta sulla base del progetto della British Aerospace negli anni ottanta.

Dopo la Brexit, l’UE dispone soltanto della portaerei francese Charles de Gaulle e della portaerei italiana Cavour. Tale disponibilità da parte dell’Italia dà rilevanza militare, diplomatica e politica alla nostra Nazione non solo in ambito europeo, ma anche a livello internazionale. Il binomio “nave Cavour – F 35B” darebbe quindi ulteriore sostanza al potenziale peso dell’Italia nelle missioni internazionali, a giustificazione del mancato raggiungimento del 2% del PIL per le spese militari richiesto dalla NATO.

Diventa così fondamentale – vista la situazione nel Mediterraneo e la presenza di navi di varie Marine nelle acque antistanti l’Italia – assicurare la priorità nelle consegne degli F 35B per ‘armare la portaerei’: ciò significa, in buona sostanza, garantire la possibilità all’Italia di poter essere determinante, fin dalla fase iniziale di una crisi, attuando una geopolitica seria a tutela degli obiettivi politici prefissati dal Governo. Dilazionare il conseguimento di tale capacità renderebbe il Cavour di fatto non impiegabile.

Che il Vertice politico – e non altri – decida con imparzialità e coscienza per il meglio della sua geopolitica e nel superiore interesse nazionale, tenendo presente che la portaerei Cavour, senza gli F-35B, è come un’aquila con le ali tarpate; pena l’ulteriore e drammatico tracollo dell’Italia dal suo rango internazionale, già così evidente.
,

Nicola De Felice, Ammiraglio di divisione (ris.), è Senior Fellow del Centro Studi Machiavelli.
articolo pubblicato originariamente su www.centromachiavelli.com

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 720 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share