Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Interazione Uomo e ambiente

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA E BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: interazione antropica
.

Comportamenti individuali
Un aspetto fondamentale della protezione ambientale è rappresentato dall’approccio che gli uomini hanno verso il mondo che li circonda. Infatti, se è importante che vengano varati piani di gestione delle risorse e di conservazione della biodiversità, è necessario il contributo di tutta la popolazione perché tali piani raggiungano gli obiettivi preposti.

.
Il contributo del singolo sembra insignificante di fronte alla grandezza e complessità delle problematiche ambientali, ma non dobbiamo dimenticare che qualunque società, per quanto estesa, è costituita da un insieme di singoli e che in natura tutto è collegato, quindi nessuna azione per quanto piccola rimane senza effetto. Si possono emanare leggi e fare regolamenti, ma se non si riesce a creare una giusta mentalità nelle persone non si riuscirà mai a proteggere veramente l’ambiente. L’Uomo deve rendersi conto che è parte integrante dell’ambiente che lo circonda e che subirà quindi gli effetti di qualunque azione che compie. Un po’ di buon senso e di rispetto sono più importanti di qualunque legge o regolamento; di seguito vengono comunque riportati alcuni consigli per permettere di utilizzare in modo sostenibile gli ambienti marini costieri.

Pesca sportiva
La pesca sportiva ha una sua regolamentazione estremamente dettagliata. È quindi sufficiente attenersi alle regole per praticare un’attività consapevole. La pesca subacquea può essere effettuata solamente in apnea nelle ore diurne, ad una distanza di almeno 500 metri dalle zone di balneazione e di almeno 100 metri dalle coste a picco.

Non è consentita la raccolta di coralli, crostacei e molluschi ad eccezione dei cefalopodi (polpi, seppie, calamari).

La pesca di superficie può essere esercitata con lenza a mano, con canne da pesca, lenze a traino, lenze per cefalopodi, battelli per la pesca in superficie, reti a bilancia, palangari in numero massimo di 200 ami per barca, nasse in numero massimo di 2 per barca, fiocina a mano. Al pescatore sportivo è consentito un prelievo di mitili fino ad un massimo di 3 kg a persona, e di ricci di mare (ove e quando permesso) fino ad un massimo di 50 a persona.

Il pescatore sportivo non può catturare giornalmente prede per un totale superiore ai 5 kg, ad eccezione di un pesce singolo di peso superiore e non può catturare (così come i professionisti) organismi al di sotto della taglia minima consentita dalla legge vigente (regolamento CE 1967/2006).

Al di là delle leggi, è comunque il buon senso che rimane la migliore regola da seguire; infatti, dovrebbe essere nella mente di tutti che il preservare una certa risorsa può permettere il suo utilizzo nel tempo. Evitare una pesca eccessiva, non pescare gli organismi nei periodi riproduttivi o i giovani che non si sono ancora riprodotti sono tutti accorgimenti che possono consentire ad una popolazione di mantenere la sua struttura e continuare ad essere sfruttata.

Diporto
L’attività di diporto può avere quattro tipi principali di impatto: l’inquinamento da oli e carburante, l’inquinamento acustico, l’abbandono di rifiuti e la distruzione di habitat sensibili tramite gli ancoraggi.

.
È importante che venga fatto il possibile per ridurre al minimo questi impatti attraverso semplici azioni. Per quanto riguarda gli ancoraggi occorre evitare di gettare l’ancora su fondi coralligeni e sulle praterie di Posidonia oceanica. Per il coralligeno è sufficiente evitare i fondali rocciosi al di sotto dei 15-20 metri di profondità; nei limiti del possibile si può cercare di evitare le praterie o, se individuabili, scegliere radure sabbiose. Si dovrebbe anche utilizzare ancore differenziate in base al tipo di fondale. L’utilizzo di motori ecologici è naturalmente l’ideale; in ogni caso è importante che il motore sia costantemente revisionato per ridurre al minimo la perdita di olio o carburante e occorre fare molta attenzione durante le operazioni di rifornimento. Inoltre certi materiali inquinanti, come oli esausti o batterie, devono essere smaltiti in luoghi idonei. Altri utili consigli possono essere l’utilizzo periodico di appositi fluidi per la pulizia degli iniettori e l’impiego di motori elettrici per i tender. Anche se la raccomandazione sembra banale, è bene ribadire che è fondamentale evitare l’abbandono in mare, anche accidentale, di qualunque rifiuto non velocemente biodegradabile.

Il diportista può anche collaborare con le autorità deputate al controllo segnalando eventuali comportamenti non idonei da parte di terzi o la presenza di materiale inquinante abbandonato in mare, qualora non fosse possibile effettuarne il recupero. Anche le segnalazioni di avvistamento di cetacei e tartarughe, sia vivi che morti, alle competenti capitanerie rappresentano informazioni utili ai fini del monitoraggio delle popolazioni; infatti l’organizzazione di campagne specifiche di avvistamento è spesso ridotta dalla mancanza di fondi e l’insieme di tutti gli avvistamenti casuali può costituire un’importante banca dati per i ricercatori. I diportisti possono contribuire alla protezione del mare comportandosi secondo le regole e collaborando con le forze dell’ordine.

Turismo balneare
Per il fruitore delle aree balneari è sufficiente attenersi a semplici ed elementari regole di rispetto dell’ambiente, quali evitare di lasciare qualunque rifiuto su spiagge o scogliere, mozziconi di sigaretta compresi, non raccogliere nessun organismo, utilizzare gli appositi sentieri per arrivare alla riva, evitare di calpestare o danneggiare piante di duna o di macchia, limitare al minimo il calpestio sulle comunità di battigia, specie sulle coste rocciose.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è guanti-in-strada.jpg

.È importante soprattutto cambiare l’atteggiamento nei confronti dell’ambiente, imparando ad apprezzare la naturalità del paesaggio, anche se talvolta può apparire scomoda, e sforzarsi per contribuire a mantenere il più possibile questa condizione. Infatti, la naturalità è una caratteristica che una volta perduta è quasi impossibile ripristinare e con essa si perde di fatto l’interesse per il luogo stesso.

È quindi fondamentale mantenerla per continuare a godere determinati paesaggi e bellezza naturali e permettere di farlo anche alle generazioni future.

 

Luigi Piazzi
Ricercatore e docente  dell’Università di Sassari

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 221 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »