If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

I fondali sabbiosi di Luigi Piazzi

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: fondi sabbiosi

Dopo aver conosciuto, anche se brevemente, lo straordinario ambiente del coralligeno, Luigi Piazzi ci accompagna oggi sui fondali sabbiosi che scopriremo abitati da moltissime specie animali e vegetali.
.

ambienti costieri sabbiosi, dune di Sabaudia, photo credit andrea mucedola

L’antropizzazione delle coste ha fatto sì che i sistemi sabbiosi costieri naturali siano divenuti estremamente rari in tutto il Mediterraneo. In Toscana, Lazio, Corsica e Sardegna si hanno fortunatamente ancora tratti di costa risparmiata dalla cementificazione, dove è possibile osservare sistemi dunali pressoché intatti. Le dune costiere costituiscono un sistema dinamico che, a seconda delle caratteristiche ambientali, può andare incontro a sviluppo oppure a completa scomparsa. In condizioni normali, la sabbia mossa dal vento costituisce dune in movimento che possono essere colonizzate da piante pioniere. Queste piante vengono definite “psammofite” e presentano adattamenti particolari che permettono loro di svilupparsi in questi ambienti estremi, quali apparati radicali molto lunghi e una consistenza coriacea che le rende resistenti all’abrasione delle particelle di sabbia. Le psammofite avviano il processo di consolidamento delle dune facilitando così l’insediamento di piante più esigenti, fino all’instaurarsi di una macchia mediterranea vera e propria. La presenza di una duna consolidata permette a nuova sabbia di depositarsi verso il mare innescando un processo che può portare all’avanzamento della linea di costa.

La distruzione delle dune può al contrario accelerare l’erosione costiera fino a portare alla scomparsa della spiaggia stessa, come è accaduto lungo la maggior parte delle coste antropizzate. Le principali piante psammofite sono l’Echinophora spinosa, l’Eryngium maritimum, l’Euphorbia paralias, l’Ammophila littoralis e il bel giglio marino (Pancratium maritimum).

Il giglio di mare (Pancratium maritimum L.) è una pianta bulbosa della famiglia delle Amaryllidaceae, che cresce spontaneamente sui litorali sabbiosi del Mar Mediterraneo e del Mar Nero. 


I fondali sabbiosi

Sui fondali sabbiosi la vita si manifesta con adattamenti completamente diversi rispetto ai fondi rocciosi. Da una parte l’inconsistenza del substrato impedisce che vi si stabiliscano forme che necessitano di fissazione, dall’altra la mobilità delle particelle offre possibilità di riparo per organismi scavatori che costituiscono la componente dominante in tale ambiente. Le forme mimetiche predominano su quelle vistose tipiche invece delle scogliere rocciose.

La stella Luidia ciliaris è uno dei predatori dei fondali sabbiosi costieri.

I fondi sabbiosi superficiali sono colonizzati principalmente da molluschi: i bivalvi, filtratori, rimangono normalmente infossati e utilizzano i sifoni per assicurare il passaggio di acqua attraverso le branchie; i gasteropodi sono invece predatori e scivolano sulla sabbia alla ricerca dei bivalvi che rappresentano le loro prede preferite. Altri predatori caratteristici degli ambienti sabbiosi sono le grandi stelle del genere Astropecten e Luidia.Vermi, oloturie, ricci, gamberi e granchi completano la lista di invertebrati tipici di questi fondi. Tra i pesci più comuni troviamo i pesci piatti, comerombi (Botus podas) e sogliole (Solea vulgaris), che si sono adattati a questo ambiente attraverso un corpo drasticamente appiattito lateralmente, tanto da poggiare su un fianco e spostarsi con ondulazioni del corpo.

I pesci piatti, come la sogliola occhiuta (Microchirus ocellatus), sono perfettamente adattati ai fondali sabbiosi. foto da opera citata

.
Simile adattamento è stato adottato da alcuni pesci cartilaginei appartenenti ai raiformi che hanno un corpo appiattito in senso dorso-ventrale, e si spostano utilizzando le ampie pettorali come vere e proprie ali. Tra questi ultimi ritroviamo le creature più affascinanti dei fondali sabbiosi mediterranei, aquile di mare, torpedini, trigoni e razze.

Triglie, Malta, 2018 photo credit andrea mucedola

Tra i pesci tipici dei fondi sabbiosi litorali ricordiamo il bizzarro pesce pettine (Xyrichtys novacula), le tracine (Trachinus araneus, T. radiatus, T. draco), le mormore (Lithognathus mormyrus), alcuni ghiozzi e soprattutto le triglie (Mullus barbatus, M. surmuletus), che incessantemente scavano sul fondo alla ricerca di prede, spesso scortate da altri pesci che sperano di approfittare del loro lavoro.

Trachinus araneus da www.fotonatura.org

.
Il mondo del detrito

La spiaggia vera e propria non presenta copertura vegetale; in condizioni naturali è caratterizzata dalla presenza di detriti vegetali di origine sia terrestre che marina: alghe, gusci calcarei, tronchi d’albero, rami, etc. Particolarmente appariscenti sono gli accumuli di foglie di Posidonia oceanica, che costituiscono delle strutture definite con il termine francese di “banquettes”. Questi detriti, che vengono rimossi nelle spiagge turistiche, svolgono un importante ruolo stabilizzante della spiaggia, rallentandone l’erosione, ed ecologico, rappresentando la base di una importante catena alimentare. Il litorale sabbioso è infatti caratterizzato dalla presenza di organismi cosiddetti detritivori, principalmente crostacei anfipodi e isopodi, che si nascondono sotto la sabbia durante il giorno ed escono la notte per nutrirsi dei detriti vegetali accumulati sulla spiaggia.
,

pulce di mare (Talitrus saltator)

.Tra questi organismi, il più conosciuto è la pulce di mare (Talitrus saltator), piccolo crostaceo anfipode che deve il nome alla capacità di effettuare piccoli salti, contraendo l’addome e contemporaneamente flettendo le zampe. Questi animali sono stati a lungo studiati per la loro capacità di compiere spostamenti giornalieri tra la battigia e le dune, utilizzando un sistema di orientamento astronomico geneticamente determinato e adattato alla costa su cui vive ciascuna popolazione; oggi sono considerati i migliori indicatori dello stato di salute delle coste sabbiose.
.


Moltissime sono le conchiglie che il mare porta sulla spiaggia, per la gioia dei bambini come dei collezionisti. Molte di queste presentano un foro perfettamente circolare abilmente sfruttato da bambini di ogni generazione per collezionare collane e braccialetti. Questo foro non è altro che la traccia lasciata da un predatore, una chiocciola marina, che è riuscita a praticare il foro, utilizzando la lingua dotata di particolari dentelli, e a cibarsi del proprietario. Sulla spiaggia è possibile anche vedere strane palle vegetali di colore marrone, la cui origine non è facilmente identificabile; queste palle, chiamate egagropili, ricorderete che non sono altro che gli aggregati di fibre di Posidonia oceanica compattate dal moto ondoso. 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 117 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share