If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Incontri ravvicinati negli abissi

livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: NA
parole chiave: calamari

 

Quando si dice la fortuna. Quanti di noi, probabilmente molto pochi, hanno avuto un incontro sott’acqua che potremmo dire, scherzosamente, del terzo tipo. Un gruppo di subacquei al largo della costa occidentale della Norvegia ha avuto un approccio ravvicinato con una grande sfera gelatinosa alla deriva che si è rivelata essere un sacco di uova di calamaro delle dimensioni di … un essere umano adulto.

Ronald Raasch

Un bel video, condiviso su YouTube il 6 ottobre da Ronald Raasch, un sommozzatore della nave da ricerca norvegese REV Ocean, mostra il subacqueo che gira lentamente attorno ad una strana struttura sferica, circondata da una membrana trasparente che presenta una massa scura sospesa al suo interno. Mentre il sommozzatore vi nuotava intorno, si potevano scorgere al suo interno, illuminate dalla sua torcia, numerose piccole uova di centinaia di migliaia di piccoli calamari. Un esperienza decisamente straordinaria.
.

I sommozzatori del REV Ocean hanno individuato questa massa di uova mentre stavano esplorando un relitto risalente alla seconda guerra mondiale nei pressi di Ørstafjorden, Norvegia, situato a circa 200 metri dalla costa. Stavano nuotando verso la riva, ad una profondità di 55 piedi (17 metri), quando hanno visto quell’ammasso vivente che fluttuava nell’acqua. Raasch ha descritto scherzosamente quella strana struttura come una sfera gelatinosa a forma di polpo.

Blob cosmopoliti
In realtà non è la prima volta che dei subacquei incontrano questi blob biologici nei mari di tutto il mondo. Queste strutture biologiche sono state avvistati nelle acque costiere norvegesi ma anche in Spagna, Francia e Italia, e sono documentati anche in rapporti risalenti a 30 anni fa. Gli scienziati hanno riferito la loro presenza dal Mediterraneo fino alle fredde acque  atlantiche già dal 2017. Ma come si generano? Una volta che un calamaro depone la sua massa di uova nell’acqua, questa palla gelatinosa inizia ad affondare molto lentamente fino a circa 150 metri di profondità dove gli embrioni dei piccoli calamari si schiuderanno molto rapidamente. Un fenomeno noto ma ancora non del tutto compreso. Di fatto i grandi calamari producono queste masse giganti di muco all’interno delle quali decine di migliaia di uova sono incubate. Una delle ipotesi è che la femmina deponga una massa più piccola che poi si espande al contatto con l’acqua.
.

I calamari sembrano produrre forme diverse di masse di uova. Ad esempio, quelle del calamaro diamantato (Thysanoteuthis rhombus), osservata in acque tropicali e subtropicali, assomigliano a un lungo tubo con fili di uova, avvolti attorno ad esso, che possono contenere oltre quarantamila uova. La rarità nella loro scoperta è dovuta per il fatto che questi globuli hanno una vita molto breve, forse di un paio di giorni, e poi vengono normalmente  rilasciati a grande profondità. 

embrioni di un diamond-shaped squid (Thysanoteuthis rhombus). Queste masse possono raggiungere la lunghezza di 1,8 metri  

I calamari di Humboldt (Dosidicus gigas) producono delle sfere che sono più simili ad una chiazza trasparente, come quella dei calamari di Gould (Nototodarus gouldi). Anche i calamari volanti giapponesi (Todarodes pacificus) ed i calamari volanti al neon (Ommastrephes bartramii) sembra ne producano di grandi dimensioni. Per darvi un’idea una di esse, osservata e filmata dal National Geographic nel 2015, misurava ben quattro metri di diametro.

uova di Ommastrephes bartramii

Precedentemente gli scienziati erano perplessi sull’origine di questi globi, così delicati e difficili da avvicinare da vicino. L’analisi del DNA dei campioni provenienti da quattro sfere ha recentemente confermato che si tratta di sacche di uova appartenenti al calamaro meridionale (Illex coindetii) comunemente noto come il calamaro a punta corta meridionale o calamaro a coda larga, una specie di calamari neritici della famiglia Ommastrephidae. Questi animali si trovano anche nel Mar Mediterraneo e su entrambi i lati dell’Oceano Atlantico settentrionale.
.

calamaro meridionale (Illex coindetii)

La sfera osservata in Norvegia è simile ad altre sacche di uova precedentemente documentate per aspetto, dimensioni e posizione. Per avere un’idea delle loro dimensioni, questi globi misurano in media circa un metro di diametro, non sono i più piccoli ma nemmeno i più grandi.

Halldis Ringvold

Secondo Halldis Ringvold, una ricercatrice subacquea della Sea Snack Norway e leader del progetto di studio “Huge Spheres“, la massa oscura osservata al suo interno potrebbe essere con buona probabilità l’inchiostro del calamaro femminile, espulso mentre creava la sfera. Osservando il video è possibile anche vedere le uova di calamaro, molto piccole, rotonde e trasparenti. Si ritiene che le femmine possano produrre tra 50.000 a 200.000 uova. Quando l’embrione è pronto a schiudersi (e questo potrebbe avvenire dopo pochi giorni) il piccolo calamaro misura circa 0,2 centimetri di diametro. Tutto potrebbe dipendere dalla temperatura dell’acqua. Ad esempio, lo sviluppo embrionale richiede in genere da 10 a 14 giorni quando la temperatura dell’acqua è di 59 gradi Fahrenheit (15 gradi Celsius). Il calamaro che ha generato la massa osservata in Norvegia fa parte invece degli Oegopsida, ed è noto per la produzione di queste grandi sacche sferiche di uova. I ricercatori del progetto Huge Spheres stanno raccogliendo da anni foto e video degli avvistamenti di queste incredibili sfere per studiarle. E’ il caso di dirlo. La natura ci regala sempre nuove sorprese.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 137 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share