If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Elementi di malacologia di Pamela Baiocchi – parte II

Per gli appassionati di malacologia, continuiamo oggi con la seconda parte dell’articolo di Pamela Baiocchi basato su un analogo pubblicato su Nautilus 

2013 polpessa all'Elba plus

Octopus macropus comunemente chiamato polpessa foto andrea mucedola

Scafopodi

dentaspp

Gli Scafopodi (Scaphopoda), che avrete sicuramente ritrovato qualche volta tra le sabbie delle spiagge, costituiscono un piccolo gruppo di Molluschi affini ai Gasteropodi che abbiamo descritto precedentemente. Essi sono caratterizzati da un corpo simmetrico con il sacco dei visceri allungato, leggermente incurvato ma senza l’avvolgimento a spirale di altre famiglie. Esistono  esemplari fossili risalenti al Triassico e si pensa che la sua comparsa sia avvenuta ben 440 milioni di anni. Il mantello e la conchiglia sono cilindrici o tubulari con l’apertura basale più ampia e quella terminale più piccola; il piede è allungato e cilindrico. Allo stadio larvale la conchiglia si presenta bivalve ma si salda durante la crescita dando luogo al tubo unico. Dall’apertura basale della conchiglia, insieme al piede, sporge un ciuffo di cirri filiformi (detti captacoli) che terminano a clava; essi sono portati da due lobi cutanei e fungono da organi tattili.
La bocca degli Scafopodi è munita della radula, di mascelle e di ghiandole. Il tubo digerente è distinto in un esofago, uno stomaco (in cui sbocca l’epatopancreas) ed un intestino che termina nella cavità del mantello. Le branchie sono assenti e la sua respirazione è cutanea. Il cuore è rudimentale, privo di atrio, mancano i vasi e la circolazione è puramente lacunare. Sono presenti due reni privi di nefrostoma e non connessi con la cavità pericardica.  Il loro sistema nervoso comprende i gangli cerebrali, boccali, plurali, pedali e viscerali. Mancano occhi e tentacoli ma sono presenti statocisti ed organi gustativi. I cirri sono dotati di cellule sensitive.
Gli Scafopodi hanno sessi separati; la gonade unica si unisce al rene destro e per mezzo di questo i gameti vengono versati nella cavità del mantello. La sua larva assomiglia alla trocofora.  I rappresentanti di questa classe sono tutti marini e vivono, come premesso, col piede affondato nel fango e con l’apertura della conchiglia rivolta verso l’alto. Si nutrono prevalentemente di Foraminiferi. In  sintesi gli scafopodi sono una sorta di ponte evolutivo fra i gasteropodi ed i bivalvi.

Cefalopodi

I Cefalopodi sono anch’essi molluschi esclusivamente marini, tra i più evoluti. Dotati  di una conchiglia ridotta internamente o del tutto assente, sono prettamente nectonici (come le seppie ed i  calamari) o bentonici (come il polpo e il moscardino). Si svilupparono in una grande moltitudine di forme durante il Mesozoico, colonizzando praticamente tutti gli ambienti marini con i gruppi dei nautiloidi, ammonoideabelemnoidi, di cui gli ultimi due totalmente estinti. Ipotesi recenti considerano i cefalopodi derivati direttamente da monoplacofori con una conchiglia a spiralizzazione più accentuata.

giant-squid

spiaggiamento di calamaro gigante in Spagna

Si ipotizza che la regione apicale del sacco dei visceri di questi molluschi si ritirasse di tanto in tanto e il mantello che li ricopriva formasse una serie successiva di setti calcarei interni, delimitando cavità ripiene di gas. Ciò produsse una sempre maggiore leggerezza, caratteristica  che gli permise di acquisire un assetto neutro per potersi spostare nel liquido con minor sforzo. Durante questi primi stadi evolutivi, i cefalopodi acquisirono velocità e capacità di predazione, sviluppando un capo dotato di lobi prensili. Le dimensioni sono molto variabili, da pochi millimetri a vari metri nel caso del calamaro gigante. Nelle dimensioni è superato solamente dal calamaro colossale, Mesonychoteuthis hamiltoni, che può avere un mantello lungo quasi il doppio.

mimmo roscigno mod (7)

seppia, foto di Mimmo Roscigno

I cefalopodi sono predatori intelligenti e estremamente efficienti, capaci di propulsione a getto e provvisti di tentacoli per trattenere la preda che portano la preda  alla loro bocca armata da robuste mascelle a forma di becco. Rispetto agli altri molluschi l’apparato digerente ha migliorato la sua resa affidando gran parte dell’azione alla  sua muscolatura liscia. Lo stomaco è costituito da due camere comunicanti e la digestione è esclusivamente extracellulare. Si è sviluppato un grosso cervello, prodotto dalla fusione di più gangli nervosi e protetto da una formazione cartilaginea, connesso a grandi globi ottici altamente evoluti, sicuramente i più complessi fra gli invertebrati, capaci di una risoluzione simile a quella dei vertebrati.
Grosse fibre nervose distribuiscono gli impulsi al corpo, regolando i giochi cromatici dei cromatofori, piccole sacchette elastiche piene di pigmento che, espandendosi o contraendosi, permettono all’organismo di cambiare colore in base agli “stati d’animo”. La respirazione avviene attraverso le branchie, il cui numero è un carattere tassonomico.
Gli unici rappresentanti viventi di cefalopodi provvisti di conchiglia esterna sono i nautiloidi, gruppo di molluschi un tempo assai diffuso e diversificato del quale sopravvivono solo due generi e sette specie.

La conchiglia dei Nautilus è sottile e liscia, avvolta dorsalmente su uno stesso piano, ma senza  la torsione dei visceri presente nei  gasteropodi. Inoltre, il nicchio è concamerato, presenta un canale che collega i vari compartimenti e permette al gas azotato ivi contenuto di passare tranquillamente attraverso i setti trasversali che delimitano le camere, favorendo il galleggiamento dell’animale tramite opportune regolazioni di pressione.

L’ultima camera, la più grande, è l’unica occupata dalle parti molli dell’organismo, dotato di circa 90 tentacoli privi di ventose. Analogo significato funzionale hanno gli ossi di seppia e la conchiglia delle Spirula, che permettono gli spostamenti verticali. Nei calamari, invece, la conchiglia perde anche tale funzione ed appare ancora più ridotta. Le femmine del genere Argonauta, invece, secernono all’evenienza un’ooteca calcarea simile ad una conchiglia, che serve solo per trasportare le uova. I cefalopodi sono sempre a sessi separati, le gonadi sono localizzate all’estremità posteriore del corpo e si aprono direttamente nella cavità celomatica. Da qui, i gameti vengono espulsi attraverso i pori genitali nella cavità palleale. Il maschio non libera gli spermi ma li impacchetta in spermatofore che deposita, tramite un tentacolo apposito detto ectocotile, nella cavità palleale della femmina. Per questo motivo rappresenta un particolare modello di fecondazione interna senza copulazione.


La femmina depone grappoli di uova fissandole a substrati rigidi, dalle quali si originano tipicamente discoblastule che portano alla nascita di progenie simile alle forme adulte, priva di stadi larvali particolari. Anche il famosissimo Nautilus, mostrato in fotografia, e’ un cefalopode, ma in questa caso si parla di una vera e propria conchiglia esterna.

Se volete approfondire il meraviglioso mondo delle conchiglie vi invito nuovamente a contattare Pamela Baiocchi

print
(Visited 315 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share