Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il G7 reagisce agli incendi ma non affronta la crisi climatica by WWF

Reading Time: 3 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: AMBIENTE
parole chiave: crisi climatica

 

Nonostante i leader dei paesi G7 dal vertice di Biarritz abbiano annunciato un primo pacchetto di aiuti per l’Amazzonia, che attualmente subisce gli impatti di una deforestazione senza precedenti, il WWF sottolinea l’importanza che i leader affrontino le cause che sono alla radice delle emergenze climatiche e ambientali con misure concrete a lungo termine anziché tentare di tappare i buchi.

Oltre alle iniziative a lungo termine contro la deforestazione amazzonica, che le nazioni del G7 dovrebbero presentare il mese prossimo a New York, il WWF invita i loro leader a mantenere, rafforzandoli, gli impegni sul clima, in quanto cruciali per la protezione dell’Amazzonia e delle altre risorse naturali del Pianeta. Manuel Pulgar-Vidal, leader dell’iniziativa per il clima e l’energia del WWF, ha dichiarato: “Vedere i leader reagire agli incendi boschivi senza precedenti in Amazzonia è incoraggiante, ma il G7 deve riconoscere che è necessario fare molto di più per l’Amazzonia e che questa tragedia è solo la punta dell’iceberg. Delude il fatto che i leader dei paesi G7 non abbiano colto l’occasione per mettere a punto misure concrete necessarie per affrontare le grandi emergenze naturali e climatiche di cui il pianeta sta soffrendo. Non siamo sulla buona strada per affrontare queste emergenze – l’impegno collettivo è insufficiente e lo slancio per rafforzare questo impegno vacilla. Questo è il deludente scenario scientifico e politico con cui si è concluso il vertice del G7“.

I leader riuniti a Biarritz avevano la straordinaria opportunità di inviare al mondo, prima del vertice di settembre sulle azioni per il clima convocato dal Segretario generale delle Nazioni Unite a New York, un messaggio forte sulla necessità di essere più decisi nell’affrontare la crisi climatica: un’opportunità che, purtroppo non è stata colta.

Secondo Mail on line, Migliaia di manifestanti contro il cambiamento climatico si sono uniti a una marcia di massa oltre il confine franco-spagnolo mentre i leader mondiali sono arrivati per un vertice a Biarritz poche ore dopo che gli attivisti si erano scontrati con la polizia. Alcune dimostrazioni sono diventate violente ed alcuni attivisti sono stati arrestati dalla polizia nella città di Hendaye, Francia.

Le nazioni del G7 possono svolgere un ruolo cruciale nella lotta alla deforestazione che ha causato incendi boschivi devastanti in tutto il mondo. Il loro compito è quello di adottare azioni e sviluppare politiche che eliminino la deforestazione causata dall’importazione di materie prime, definendo accordi commerciali che mettano al bando la deforestazione.

La quindicesima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD CoP15), che avrà luogo l’anno prossimo in Cina, costituisce una delle serie di importanti incontri intergovernativi sull’ambiente dei prossimi mesi, tra cui a settembre il Climate Summit (vertice sul clima), il forum politico ad alto livello voluto dal Segretario generale dell’ONU e la stessa Assemblea generale delle Nazioni Unite nonché le due Conferenze delle Parti, la CoP25 e la CoP26, della Convenzione sul Clima che avranno luogo rispettivamente a dicembre 2019 e 2020, dove i leader globali decideranno il futuro del pianeta.

Non possiamo perdere altro tempo. Il mondo è alla ricerca di leader che possano dare una svolta alle politiche globali ambientali e il G7 ha l’opportunità, prima del 2020, di raccogliere collettivamente e individualmente questa sfida agendo in modo decisivo per salvare la natura e affrontare la crisi climatica con azioni efficaci, basate sulla conoscenza scientifica esistente: noi del WWF li esortiamo a farlo”, ha concluso Pulgar-Vidal.

Nei giorni scorsi il WWF Italia aveva chiesto al presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte di farsi promotore di un intervento al G7 di Biarritz per una risoluzione straordinaria sull’Amazzonica e aveva suggerito quattro azioni da intraprendere subito per salvare il polmone verde del Pianeta.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 128 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »