If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La lotta per i fondali marini: una nuova risorsa per l’Umanità o un pericolo per la sua sopravvivenza?

livello elementare
.
ARGOMENTO: RISORSE SOTTOMARINE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Metalli pesanti

 

In un  precedente articolo abbiamo parlato dei noduli di manganese e delle frontiere minerarie oceaniche che si stanno aprendo grazie allo sviluppo di sempre nuove tecnologie per poter operare a grande profondità. L’oggetto del contendere sono i metalli rari  che si stanno esaurendo nelle miniere sulla terra ferma ma sembrano essere largamente disponibili nei fondali profondi del mare.

Primi fra tutti il molibdeno e il litio, essenziali per il funzionamento di molte apparecchiature elettroniche: dai telefonini ai componenti dei satelliti di comunicazione.

Se le difficoltà tecnologiche ad operare in remoto a grandi profondità marine si stanno superando, esistono ancora molti dubbi sull’impatto ambientale che tali lavorazioni possono procurare agli ecosistemi. Una prospettiva lontana? Di fatto circa 1,3 milioni di chilometri quadrati del fondale marino sono già stati assegnati alle nazioni richiedenti per l’esplorazione mineraria e lo sfruttamento vero e proprio inizierà a breve ovvero quando saranno approvate le regole esecutive. Queste dovranno tenere conto dell’impatto ambientale sugli ecosistemi profondi e sulle variazioni chimico fisiche del volume d’acqua legate ai materiali che si solleveranno durante gli scavi. Per quanto riguarda il rischio biologico, le ricerche oceanografiche nelle acque profonde hanno identificato più di 1.000 specie animali. Sebbene questo numero sembra poco significativo bisogna tener conto che i ricercatori hanno analizzato meno dello 0,01% del fondo oceanico.

Animali del fondo oceanico abissale nella zona di Clarion-Clipperton. In senso orario da sinistra in alto cetriolo di mare(Psychropotes longicauda), longicauda), un riccio di mare e due cetrioli di mare


Ma chi è responsabile della regolamentazione dello sfruttamento delle risorse dei fondali marini?

Tutte le norme, i regolamenti e le procedure inerenti lo sfruttamento delle risorse minerarie sottomarine si riferiscono giuridicamente alla Convenzione delle Nazioni Unite del 1982 sul diritto del mare ed all’Accordo di attuazione del 1994 relativo all’estrazione di minerali nei fondali marini profondi. Il loro insieme viene definito Codice minerario e avrà, quando completato, lo scopo di regolare la prospezione, l’esplorazione e lo sfruttamento dei minerali marini nell’area internazionale dei fondali e sottosuolo marini oltre i limiti di giurisdizione nazionale. 

Ad oggi, l’Autorità Internazionale dei fondali marini (ISA) ha emanato:
– il Regolamento sulla prospezione e l’esplorazione dei noduli polimetallici nell’area (adottata il 13 luglio 2000) che è stato successivamente aggiornato e adottato il 25 luglio 2013;
– il Regolamento sulla prospezione e l’esplorazione dei solfuri polimetallici nell’area (adottato il 7 maggio 2010);
– il Regolamento sulla prospezione e l’esplorazione delle croste ricche di cobalto (adottato il 27 luglio 2012).

Ovviamente non si è che all’inizio di una nuova era dello sfruttamento di queste risorse. Le Nazioni ed i consorzi interessati ad operare nei fondali oceanici stanno richiedendo con una certa insistenza i diritti di esplorazione, nonché la definizione dei contratti di esplorazione. Una situazione delicata sottolineata anche il 25 luglio 2019 a Kingston dove i Capi di Stato e di governo, ministri, ex segretari generali, funzionari delle Nazioni Unite e osservatori hanno partecipato alla sessione commemorativa speciale dell’Assemblea dell’ISA. Oltre agli incontri formali sono stati tenuti pannelli di lavoro di alto livello sul rafforzamento delle iniziative per lo sviluppo delle capacità di sfruttamento minerario anche per gli Stati in via di sviluppo.

António Manuel de Oliveira Guterres Segretario Generale delle Nazioni Unite

Nel pomeriggio, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha presentato il database DeepData, che fungerà da archivio principale per tutti i dati raccolti. Allo stato attuale, il database contiene parametri biologici, fisici e geochimici degli ecosistemi marini dal fondo del mare alla superficie dell’oceano, presentati dai 29 appaltatori dell’ISA. Ma i dati sono insufficienti e coprono solo circa l’uno per cento dell’area totale. Ancora troppo poco … ma è già un passo in avanti per comprendere l’impatto che questo nuovo sfruttamento delle risorse potrebbe avere sugli ecosistemi.

Di fatto ISA ha un compito complesso; da un lato determinare e gestire aree internazionali di importanza strategica per le industrie e dall’altro assicurare la conservazione di un patrimonio comune dell’Umanità, gli ecosistemi profondi degli oceani.

fondale con basso impatto

fondale con alto impatto

Due fattori che non vanno bene insieme. Tuttavia l’ISA prevede di finalizzare il codice minerario entro il 2020, consentendo alle aziende minerarie di passare alla fase successiva, ovvero l’estrazione commerciale dei materiali presenti sul fondo marino.

Campionamento negli abissi. Il campionatore ha racolto una forma vivente crescente su un nodulo di manganese

Gli scienziati temono che l’ISA, sotto la pressione delle Nazioni più industrializzate, possa dare maggiore enfasi al suo mandato di sviluppo e non abbastanza a quello ambientale. Timore che è stato sottolineato in una lettera aperta redatta da 28 scienziati di tutto il mondo per richiedere una maggiore sinergia con altri organi intergovernativi, come la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, in modo che la funzione di conservazione e salvaguardia degli oceani sia giustamente considerata nei colloqui con le aziende richiedenti le licenze.

Un impatto ecologico comprovato nei primi test 
Il potenziale distruttivo delle lavorazioni sottomarine va oltre l’impatto biologico. Le macchine estrattrici, ciascuna del peso di circa 300 tonnellate, potrebbero favorire nella loro opera di scavo anche il rilascio del carbonio intrappolato nei sedimenti marini profondi, aggravando le emissioni gassose in atmosfera.

 

L’oceano profondo è così scarsamente conosciuto che i ricercatori non hanno idea quanto potrebbe essere la magnitudine del fenomeno. Sono in corso dei test di monitoraggio del sedimento in dispersione e sul suo potenziale di soffocamento delle forme di vita, utilizzando un prototipo di macchina “raccoglitrice di noduli” da 3,5 tonnellate. Questo mostro strisciante sul fondo degli oceani sta effettuando i primi test di raccolta per valutare l’impatto ambientale. 

Questo esperimento è l’ultimo delle attività di verifica che ebbero inizio nel 1989 nell’Oceano Pacifico sud-orientale tropicale. Iniziò allora un esperimento a lungo termine, su larga scala, di disturbo e di ricolonizzazione, denominato DISCOL (DIS-turbance and re-COL-onization) inteso a valutare l’impatto dell’estrazione commerciale sulle comunità bentoniche. L’esperimento fu effettuato in un’area circolare di 10,8 km2, L’area, denominata DEA (DISCOL Experimental Area), era a circa 650 km a sud-est delle Isole Galapagos, ad una profondità compresa tra 4140 e 4160 metri con presenza di noduli di manganese.

disturber

Nel 1989 vi fu istituito un intenso programma di campionamento profondo per ottenere informazioni sulle comunità batteriche e faunali, utilizzando uno strumento per grattare il fondale chiamato disturber, il disturbatore. Sebbene si trattasse di una azione di frizione superficiale si creò un pennacchio di sedimenti che ricadde sul fondale soffocando le creature sul fondo del mare. Dopo numerosi esperimenti, nel 1997 il progetto per motivi tecnici e di costo non fu più finanziato.

area DISCOL

Negli ultimi cinque anni, a causa della necessità di valutare più compiutamente il possibile impatto delle attività di estrazione in acque profonde da parte dell’ISA, il Ministero tedesco della scienza e della tecnologia ha deciso di finanziare ulteriori studi sull’area sperimentale DISCOL (DEA). Questi studi sono condotti nell’ambito del quadro europeo degli oceani JPI nell’ambito dell’azione pilota “Aspetti ecologici delle miniere di acque profonde“. Nel corso di questo progetto, i dati raccolti dalle precedenti crociere DISCOL, digitalizzati e caricati in database scientifici, sono stati resi  disponibili sia alla comunità scientifica che al pubblico per supportare le future sperimentazioni scientifiche.

L’aspetto e i contorni delle tracce di disturbo sono monitorati durante ogni crociera nell’area DISCOL e in seguito ispezionati  per valutare il recupero dell’ecosistema all’interno della DEA. È stato osservato che i contorni superficiali delle tracce sono stati smussati dopo alcuni anni e gli spigoli vivi appiattiti, ma nel complesso esse erano ancora chiaramente visibili, anche 26 anni dopo. La figura mostra esempi di alcune tracce fotografate durante ogni campagna nell’area DISCOL – SO061 (A), SO064 (B), SO077 (C) e SO106 (D) – e mostra un tasso di recupero molto lento del fondo marino nei primi sette anni dopo l’impatto iniziale avvenuto nel 1989. Per ulteriori informazioni e gli ultimi risultati delle campagne più recenti (JPI Oceans “Ecological Aspects of Deep-Sea Mining”) nell’area DISCOL, consultate le pubblicazioni elencate sul  sito Web o i rispettivi rapporti di crociera (SO242 / 1 e SO242 / 2).

Il 14 gennaio 2013, l’International Seabed Authority (ISA) e Global Sea Mineral Resources (GSR) hanno firmato un contratto di 15 anni per l’esplorazione dei noduli polimetallici su 76.728 chilometri quadrati del fondale marino nella parte orientale della zona di frattura Clarion-Clipperton (CCFZ) dell’Oceano Pacifico centro-orientale (l’area del contratto esclusivo per la GSR si trova ad una profondità media di circa 4.500 metri).

Dopo il successo della sperimentazione del Track Soil Testing Device (TSTD), GSR ha sviluppato il “Patania II“, un prototipo di uno scavatore minerario su fondali profondi. Il robot doveva essere testato per la prima volta in situ ad aprile 2019 ma la prova stata annullata a causa di problemi tecnici. 

Patania II

Oltre agli aspetti tecnologici, ci sono aspetti giuridici
Quando nei documenti si parla di evitare un serio impatto ambientale non è chiaro cosa si intenda per quantificazione di “danno grave“. La definizione di “danno grave“, per la Convenzione sul diritto del mare, non è stato ancora del tutto definito legalmente per ovvie remore delle Nazioni più industrializzate. Un cavillo da chiarire alla luce delle implicazioni biologiche, ecologiche e climatologiche derivanti da futuri scavi sottomarini. La proposta del GSR è di seguire il suggerimento di raccomandazione presentato da Levin et al (2016) ovvero di utilizzare nel campo minerario subacqueo la “definizione FAO” relativa alla pesca in acque profonde. Ne deriverebbe che l’analisi degli “impatti negativi significativi” dovrebbe riferirsi a quelli che compromettono l’integrità dell’ecosistema.

Essi però dipendono da molteplici fattori:
– l’intensità e gravità dell’impatto;
– l’estensione spaziale dell’impatto rispetto alla disponibilità dell’habitat;
– sensibilità e vulnerabilità dell’ecosistema all’impatto;
– capacità di recupero dell’ecosistema;
– entità dell’alterazione dell’ecosistema;
– tempi e durata dell’impatto rispetto alle specie e alle esigenze dell’habitat (FAO, 2009, paragrafo 17).

Tutti fattori, per essere sviscerati, necessitano molte sperimentazioni in situ e quindi molto tempo. Di fatto la GRS tornerà al più presto sul sito utilizzando il Patania II. Per otto giorni, risucchierà i noduli da un’area di 300 metri per 300 metri. Nello stesso tempo, gli scienziati della nave da ricerca tedesca RV Sonne impiegheranno telecamere e sensori di acque profonde per monitorare gli effetti di questo dragaggio sulla parte sedimentaria del fondo marino che circonda questi noduli. 

Il traguardo del 2020 è vicino e ci si domanda se il grido di allarme degli scienziati lanciato a Kingston all’ISA verrà veramente ascoltato o le Nazioni propenderanno ancora una volta per il profitto.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 215 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share