If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Diabete tipo 1 e immersioni con autorespiratore di Luigi Santarella

livello elementare
.
ARGOMENTO: MEDICINA SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: na
parole chiave: diabete, subacquea

 

Oggi parliamo di un argomento che è stato fonte di dibattito serrato per tanti anni: l’immersione  per il soggetto diabetico di tipo 1. Tanti si, no, forse, come. Domande che non hanno avuto risposte per molto tempo. L’Associazione Medici Diabetologi, a fronte delle esperienze italiana ed internazionale nella ricerca scientifica su questi pazienti, ha finalmente inserito nell’edizione 2018 degli “Standard di cura” le immersioni subacquee con autorespiratore fra le attività sportive consentite alle persona con diabete.

Di pari passo l’Associazione Nazionale Italiana Atleti Diabetici “ANIAD”, ha rivisto le sue precedenti indicazioni al riguardo che sconsigliavano fortemente le attività subacquee per i rischi intrinseci alla patologia diabetica. Viene da se che proibire o sconsigliare l’attività subacquea ad appassionati con diabete di tipo 1 non è la via migliore, perché non genera quel percorso virtuoso del subacqueo e delle figure professionali preposte alla sua sicurezza che, per fortuna, oggi si è sviluppato in maniera più consapevole.

Chiaramente consentire ai diabetici la possibilità di immergersi impone una responsabilità maggiore al subacqueo stesso e ai subacquei che li seguono; grazie alle nuove tecnologie e alla ricerca in questo campo è stato possibile elaborare indicazioni, precauzioni e accertamenti che possano permettere al subacqueo diabetico di immergersi in tutta sicurezza. Con la loro divulgazione, a partire dai medici diabetologi, dei medici di medicina subacquea e dello sport fino alle didattiche e ai diving, sarà possibile fornire una guida in questo tipo di problematica.

Facciamo ora un passo indietro, rivedendo la fisiologia della subacquea e la fisiopatologia del diabete.
L’attività subacquea comporta una discreta attività cardiovascolare, che media fra il basso impegno mentre si nuota in condizioni ottimali, a condizioni di alto stress ed elevato impegno cardiovascolare a partire dalla vestizione e preparazione dei materiali, negli sbalzi di temperatura, e in presenza di corrente e scarsa visibilità. Ne consegue che per affrontare le immersioni sia necessaria una buona condizione fisica e psicologica.

I punti critici che può incontrare un subacqueo ARA diabetico sono:
rischio ipoglicemico, dovuto alla pressione ambientale per un possibile aumento dell’assorbimento di insulina; 
iperglicemia da stress;
ipoglicemia dovuta all’aumentato dispendio calorico;
presenza di complicanze croniche del diabete.

Questi aspetti richiedono un’attenta valutazione a monte da parte dei medici che hanno in cura i soggetti diabetici (diabetologo, medici specialisti in medicina dello sport e di subacquea ed iperbarica); ognuna di queste figure professionali, per le sue competenze, deve valutare il soggetto a 360 gradi ed esprimere un giudizio di idoneità alle immersioni con validità annuale ottenuto attraverso un’analisi sullo stato di salute generale e sulla presenza di controindicazioni (non primariamente correlate al diabete), e naturalmente una valutazione specifica dello stato di malattia diabetica.

In particolare i fattori specifici da valutare per il secondo punto sono:
– compenso metabolico;

– rischio di ipoglicemia non avvertita;

– presenza di complicanze croniche;

– affidabilità e compliance del paziente.

E’ ovvio che un compenso metabolico, con valori glicemici tendenzialmente stabile, sia da perseguire per limitare il rischio di ipo o iperglicemia durante l’immersione; altresì la consapevolezza e capacità del soggetto a riconoscere la crisi ipoglicemica (da indagare la presenza di neuropatia autonomica che altera questa capacità) è un fattore che va ad aumentare la sicurezza in acqua.

Per quanto riguarda le complicanze croniche, nonostante non vi sia una correlazione diretta a tutt’oggi di un loro peggioramento in immersione, viene considerato prudente l’astensione dalla subacquea in quadri conclamati di danno renale (nefropatia) o retino-patia (se non in forma lieve).

La presenza invece di patologie cardiovascolari richiede estrema attenzione; come abbiamo visto la performance del subacqueo può essere sottoposta a forti stress spesso non previsti ed improvvisi, quindi è obbligatorio uno stretto monitoraggio ai fini di verificare il compenso cardiovascolare a riposo e sotto esercizio.

In ultimo, ma centrale, per questa valutazione è il paziente: la sua educazione al riguardo della malattia diabetica di tipo 1, la regolarità dei controlli, la compliance verso i trattamenti e il rispetto delle indicazioni ricevute. Cosi come nella vita quotidiana, cosi nel diabetico subacqueo, l’educazione determina un abbassamento del rischio di complicanze, un migliore controllo della malattia e, per la subacquea, la possibilità di immergersi, ove siano soddisfatti i punti precedenti, riducendo al minimo i rischi connessi alla malattia per saperli riconoscere ed affrontare.

Il protocollo universalmente condiviso, frutto di ampi studi nazionali ed internazionali prevede, insieme all’ovvia comunicazione al diving del certificato di idoneità redatto dagli specialisti medici (vedi sopra) e al compagno/a di immersione:
– prevenzione dell’ipoglicemia (misurazione della glicemia 60’, 30’, 10’ prima dell’immersione) con obbiettivo di verificare la stabilità al fine di entrare in acqua discretamente iperglicemici (mai effettuare immersioni con glicemia minore di 120);

– adozione di un segnale convenzionale da usare durante l’immersione che indichi l’ipoglicemia, regole alimentari e regolazione appropriata dei dosaggi di insulina nel giorno precedente all’immersione e il giorno stesso;

– prevenzione della chetoacidosi (esistono stick per la valutazione della chetonemia, se beta-idrossi-butirrato elevato: immersione sospesa);

– istruzioni sulla gestione dell’ipoglicemia in acqua (portarsi glucosio liquido o in gel), con segnalazione al compagno, risalita immediata in coppia e in superficie gonfiaggio del gav ed assunzione di glucosio;

– pianificazione dell’immersione: mai fuori curva di sicurezza, rispetto delle limitazioni del brevetto (in ogni caso viene raccomandato di non superare mai i 30 metri), comportamento conservativo delle tabelle di immersione (calcolare una profondità di 4 metri maggiore rispetto a quella reale, soste di sicurezza aggiuntive) e protezione dal freddo.

Tante cose da ricordare per la sicurezza in immersione … ma la sicurezza non è mai abbastanza. 

Luigi Santarella
Medico del Centro Iperbarico di Bologna
Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna
Laurea in Farmacia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna
Master di II° Livello in Medicina Subacquea ed Iperbarica “”PierGiorgio Data”
Master di II° Livello in diagnostica cardiovascolare
Membro del Consiglio Direttivo della Società di Medicina Subacquea ed Iperbarica (SIMSI)

https://www.simsi.it
Luigi Santarella – luigi.santarella@studio.unibo.it

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 192 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share