Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà


Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Guardando il cielo di notte: le costellazioni circumpolari

tempo di lettura: 5 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA E NAVIGAZIONE
PERIODO: ESTIVO BOREALE
AREA: DIDATTICA
parole chiave: costellazioni, stelle, stella polare
.

Il periodo estivo ci offre la possibilità di osservare durante l’arco notturno molte costellazioni. Sebbene i moderni marinai si affidano spesso ai moderni sistemi di navigazione, per lo più basati su sistemi di navigazione che utilizzano dati GPS e Glonass, vi sono conoscenze che dovrebbero far parte del bagaglio culturale di tutti.

Sky ©2018 Francesco Pacienza. Tutti i Diritti Riservati. All rights reserved. Forbidden use or share without signature and Copyright.

Tra di esse il riconoscimento delle costellazioni usate dagli antichi per navigare in epoche in cui anche la bussola non era ancora stata scoperta. Iniziamo oggi a parlare delle costellazioni maggiori con qualche suggerimento per scoprirle da soli, guardando il cielo e sognando.

con il naso all’insù

Oggi parliamo delle costellazioni estive, ovvero di quelle costellazioni che si osservano meglio nel cielo notturno serale da fine giugno a fine settembre nell’emisfero settentrionale e da fine dicembre a fine marzo nell’emisfero australe. Le costellazioni possono contenere oggetti Messier ovvero nebulose, ammassi stellari, e galassie. Li citeremo ma per i nostri usi poco importa. Iniziamo oggi con le costellazioni circumpolari ovvero quelle che non tramontano mai sotto l’orizzonte dell’emisfero settentrionale:

Cassiopea

 

Cassiopea è la venticinquesima costellazione nel cielo notturno, occupando un’area di 598 gradi quadrati. Si trova nel primo quadrante dell’emisfero settentrionale e può essere osservata a latitudini comprese tra + 90 ° e -20 °. La costellazione appartiene alla famiglia delle Perseidi, coinvolte nella caduta di quelle meteore (conosciute come stelle cadenti) che fanno tanto sognare gli innamorati. Facilmente riconoscibile dalla sua forma a doppia V (W), Cassiopea ha tre stelle con pianeti noti e contiene due oggetti di Messier: M103 (NGC 581) e M52 (NGC 7654). La stella più brillante nella costellazione è Schedar, Alpha Cassiopeiae. Le costellazioni più vicine sono quelle di Andromeda, Camelopardalis, Cefeo, Lacerta e Perseo.

Cepheus


Cefeo
è la 27a più grande costellazione nel cielo notturno, occupando un’area di 588 gradi quadrati. Si trova nel quarto quadrante dell’emisfero settentrionale e può essere visto a latitudini comprese tra + 90 ° e -10 °. Le costellazioni vicine sono Camelopardalis, Cassiopeia, Cygnus, Draco, Lacerta e Ursa Minor. Anche Cefeo appartiene alla famiglia delle Perseidi, ed ha una stella con pianeti noti e non contiene oggetti di Messier. La stella più luminosa della costellazione è Alderamin, Alpha Cephei. Non ci sono piogge meteoriche associate a Cefeo.

Draco


Draco
è l’ottava più grande costellazione nel cielo notturno, occupando un’area di 1083 gradi quadrati. Si trova nel terzo quadrante dell’emisfero settentrionale e può essere visto a latitudini comprese tra + 90° e -15°. Le costellazioni vicine sono Boötes, Camelopardalis, Cepheus, Cygnus, Hercules, Lyra, Ursa Major e Ursa Minor. Draco appartiene alla famiglia delle costellazioni dell’Orsa Maggiore ed ha nove stelle con pianeti noti e contiene un solo oggetto Messier, M102 (NGC 5866). La stella più luminosa della costellazione è Gamma Draconis. C’è una pioggia di meteoriti associata alla costellazione: i Draconidi.

Ursa Major

E’ una delle costellazioni più famose, l’orsa maggiore. I Romani chiamavano la costellazione Septentrio (da cui deriva il termine Settentrione ovvero il Nord), che stava per  i “sette buoi da aratro”. L’Orsa Maggiore è associata a molte forme diverse nel cielo in diverse culture, dal cammello allo squalo e dalla puzzola alla falce, dal barile fino alla canoa. I cinesi chiamano le sette stelle più brillanti, Tseih Sing, ovvero costellazione del Governo.

L’Orsa Maggiore è la terza più grande costellazione nel cielo, occupando un’area di 1280 gradi quadrati. Si trova nel secondo quadrante dell’emisfero nord e può essere visto a latitudini comprese tra + 90 ° e -30 °. Le costellazioni vicine sono Boötes, Camelopardalis, Canes Venatici, Coma Berenices, Draco, Leo, Leo Minor e Lynx.

L’Orsa Maggiore contiene sette oggetti di Messier e 13 stelle con pianeti confermati. La stella più luminosa della costellazione è Alioth (Epsilon Ursae Majoris), con una magnitudine apparente di 1,76. Le sette stelle che formano l’Orsa Maggiore sono Dubhe (Alpha Ursae Majoris), Merak (Beta UMa), Phecda (Gamma UMa), Megrez (Delta UMa), Alioth (Epsilon UMa), Mizar (Zeta UMa) e Alkaid UMA).

Ci sono due eventi di meteoriti associati alla costellazione: le majoridi alfa orsa e le ursidi-ursidi. L’Orsa Maggiore è una delle costellazioni più facilmente riconoscibili nel cielo. Per i naviganti ha sempre avuto una grande importanza perché ci aiuta a trovare la stella polare (Alpha Ursae Minoris) che fa parte di della costellazione del Piccolo Carro nell’Orsa Minore.

Per trovarla bisogna seguire la linea immaginaria da Merak a Dubhe contando 5 volte la loro distanza fino a trovare una stella, di non grande luminosità ma molto importante, la stella polare. Essa ci indica il nord … ma non solo, la sua altezza ci indica la latitudine del punto di osservazione.

Ursa Minor
L’Orsa Minore è la cinquantaseiesima costellazione, occupando un’area di 256 gradi quadrati. Si trova nel terzo quadrante dell’emisfero settentrionale e può essere visto a latitudini comprese tra + 90 ° e -10 °. Le costellazioni vicine sono Camelopardalis, Cefeo e Draco.

Orsa Minore appartiene alla famiglia delle costellazioni dell’Orsa Maggiore e contiene una stella con un pianeta confermato ma non ha oggetti di Messier. La stella più luminosa della costellazione è la stella polare (Alpha Ursae Minoris), con una magnitudine apparente di 1,97. Quando Tolomeo osservò la Polare, era una stella di terza magnitudine, ma oggi è 2,5 volte più luminosa 2.5. Polaris è una stella importante nella navigazione celeste ed è stata conosciuta in antichità con molti nomi diversi, tra cui Stella Maris (stella marina), Alruccabah, Phoenice, Lodestar (stella guida, derivata dal vecchio norvegese leiðarstjarna ), Cynosūra (dal greco κυνόσουρα, che significa “la coda del cane”), Angel Stern, Star of Arcady, Yilduz, Mismar (ago o chiodo), Tramontana, Navigatoria e Pole Star.


Alpha Ursae Minoris
è in realtà una stella multipla, composta da una stella gigante più brillante, chiamata Alfa Ursae Minoris A, due compagne più piccole Alpha UMi B e Alpha UMi Ab, e altre due stelle lontane, Alpha UMi C e Alpha UMi D.  Per i naviganti poco importa perché ad occhio nudo vedremo solo un debole stella intorno alla quale girano tutte le altre. 

Per questa volta ci fermiamo qui … ma torneremo presto con le altre costellazioni.

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 615 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 17 alle 12:32 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x