If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il regio sommergibile Delfino

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: sommergibili

Come poteva chiamarsi diversamente? Dopo l’Unità di Italia Benedetto Brin, ministro della Marina ed ingegnere navale, decise di avviare un progetto futuristico per la regia Marina, un battello sommergibile. Nella logica della sindrome piemontese che poneva la neo regia marina in contrapposizione con la Marina d’Oltralpe, la decisione fu favorita dalle notizie sull’entrata in servizio nel 1888 nella Marine Nationale del sommergibile Gymnote.

Il progetto del nuovo sommergibile, classificato “battello sottomarino”, fu completato a tempo di record nel 1889, sotto la guida del direttore del Genio Navale Giacinto Pullino, che venne coadiuvato da due ufficiali, Carlo Vigna e Cesare Laurenti, che sarebbe diventato il futuro progettista dei sommergibili italiani. Il battello fu segretamente sviluppato tra il 1890 ed il 1892 nell’arsenale di La Spezia, e fu dapprima denominato «Pullino». Al battello fu assegnato il motto Subsum sed superis (Sto sotto, ma offendo chi sta sopra).

Solo in un secondo tempo ebbe il nome di Delfino. Il suo scafo era stato realizzato in sezioni circolari ed ideato per operare sempre in immersione. La parte superiore dello scafo era munita di una corazza d’acciaio spessa cinque centimetri, mentre la torretta, bronzea, aveva uno spessore di 15 cm, con alcune aperture coperte da oblò di cristallo. Il sommergibile aveva un solo motore elettrico del tipo “Savigliano” in grado di sviluppare la potenza massima di 65,2 hp. che muoveva una singola elica tripala. In realtà erano presenti altre due eliche tripale, poste in coperta che curiosamente servivano per l’immersione ed il mantenimento della profondità dette «eliche di affondamento».

 

Per manovrare utilizzava due timoni verticali, collocati a poppa, e due orizzontali, posti a prua. Per poter emergere venivano azionate a mano delle pompe centrifughe che pompavano aria compressa a 10 atmosfere. Il Delfino possedeva due casse d’assetto e dei piani di piombo del peso di 30 chili. Per la navigazione imbarcava la prima bussola giroscopica.

 

Il 29 aprile 1892, sempre segretamente, ebbero inizio le prove a La Spezia, al comando del tenente di vascello Carlo Scotti e con quattro uomini d’equipaggio: il Delfino rimase in immersione per ben cinque ore. Nonostante tutto, i vertici della regia marina italiana mantennero una certa diffidenza nei confronti dello sviluppo dei sommergibili e, al termine delle prove, nel 1895, il Regio sommergibile Delfino fu accantonato in un capannone dell’Arsenale di La Spezia.

 


Nel 1900, lo sviluppo dell’arma subacquea francese spinse il neoministro della Regia Marina Giovanni Bettolo a rimettere in servizio il Delfino, ordinando di riprendere le prove e migliorare la sua struttura.

Il battello fu sottoposto ad una radicale ricostruzione che lo portò ad un dislocamento di 102 tonnellate in superficie e 113 in immersione; il motore elettrico fu sostituito da un motore a benzina FIAT a sei cilindri, sviluppante la potenza massima di 130 hp a 440 giri al minuto per la navigazione in superficie e da una motodinamo da 55 kilowatt per quella subacquea la cui batteria ad accumulatori era costituita da 216 elementi al piombo, suddivisi in due sotto batterie uguali ed indipendenti. Sebbene la velocità non cambiò la sua autonomia fu portata da 24 a 165 miglia in superficie. Per l’assetto longitudinale ed in immersione il battello disponeva di una cassa d’acqua situata a prora ed una a poppa: l’assetto veniva affinato a mano trasportando da un capo all’altro del sommergibile alcuni pani di piombo del peso di 30 kg. ciascuno, come zavorra mobile.

Furono eliminate le eliche di affondamento ed i due tubi lanciasiluri da 350 mm furono sostituiti con uno singolo da 450mm per 2 siluri tipo A 60/450. Inoltre fu compartimentato con delle paratie trasversali interne, timoni di profondità con relativi servomotori idraulici, bombole d’aria compressa a 15 atmosfere. La torretta fu ampliata e dotata di una manica a vento retrattile (per aerare i motori) e di un cleptoscopio, una sorta di primitivo periscopio. All’interno dello scafo furono ricavati i serbatoi per il combustibile. Anche l’equipaggio venne ampliato con 2 ufficiali ed 11 sottufficiali e marinai.

Nel 1901 ripresero le prove del rinnovato Delfino, ed il 30-31 maggio di quell’anno il sommergibile effettuò prove d’immersione, attacco, lancio siluri ed evoluzioni restando in immersione, alla presenza del re Vittorio Emanuele III e dei vertici della Regia Marina.

Nel 1904 al comando del tenente di vascello Alessandro Giaccone fu trainato a La Spezia dal rimorchiatore Ciclope, venendo assegnato alla IV Squadriglia Sommergibili. Sebbene ormai vetusto, durante la prima guerra mondiale il sommergibile fu impiegato nella difesa di Venezia. Nel 1918 il vecchio sommergibile fu messo in riserva e, il 16 gennaio 1919, fu demolito.

Aveva svolto 44 missioni di agguato difensivo al largo della laguna veneta, oltre ad essere impiegato come unità scuola per i nuovi sommergibilisti.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 159 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share