If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il coral reef mesofotico di Monopoli (Mar Adriatico meridionale) di F. Cardone, S. Lisco, M. Moretti, D. Pierri

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare 
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO – MAR ADRIATICO – PUGLIA
parole chiave: madrepore, Puglia, Università di Bari

 

La rivista Nature ha pubblicato uno studio sulla scoperta nelle acque pugliesi di una significativa barriera madreporica,  A Mediterranean mesophotic coral reef built by non-symbiotic scleractinians di Giuseppe Corriero, et alii  … vista l’importanza del ritrovamento abbiamo chiesto ad alcuni ricercatori dell’Università di Bari che hanno partecipato allo studio di descriverci questa eccezionale scoperta. 

una barriera in ambiente mesofotico ovvero con poca luce (data la profondità). La barriera madreporica scoperta è chiaramente differente rispetto alla barriera corallina equatoriale, che possiamo osservare nelle acque superficiali tropicali dove i processi di simbiosi tra le madrepore e le alghe unicellulari vengono facilitati dalla luce.

 

In situ images of the mesophotic coral reef dallo studio citato

A circa 1,5 miglia a largo dell’abitato di Monopoli (Puglia, Mar Adriatico), ad una profondità compresa tra 30 e 55 metri, è stato recentemente rinvenuto un habitat di rilevante peculiarità. Esso, infatti, è caratterizzato da imponenti biocostruzioni (strutture edificate da organismi viventi) che si sviluppano, con andamento discontinuo, per circa 2,5 km di costa, per un totale di 0.050 km2 di superficie interessata. Gli artefici di tali biocostruzioni sono due Scleractinie (più comunemente note come “madrepore”) il cui nome scientifico è Phyllangia americana mouchezii e Polycyathus muellerae. Entrambe le specie sono ampiamente diffuse in Mediterraneo rappresentando delle presenze usuali del ben noto “coralligeno”.

Normalmente esse formano colonie isolate, di pochi centimetri di diametro; nulla a che vedere con le strutture osservate a largo di Monopoli. Quest’ultime infatti, si ergono dal substrato originale, per più di due metri di spessore, a causa di un processo continuo di accrescimento/morte/ricolonizzazione successiva di “madrepore”. Da un punto di vista strutturale, le biocostruzioni osservate, ricordano un “reef” tropicale. Oltre che per l’imponenza delle strutture, le colonie di P. americana mouchezii e di P. muellerae, si incastonano le une alle altre formando un continuum, proprio come accade nei reef a madrepore tropicali.

La biodiversità ad esse associata è ragguardevole e si contano, solo considerando la componente macrobentonica (cioè l’insieme di alghe ed animali costantemente legati al substrato), oltre 200 specie. Il substrato, rappresentato dalle porzioni morte delle colonie di madrepore, risulta infatti riccamente colonizzato da un variopinto popolamento composto perlopiù da spugne, antozoi coloniali e briozoi incrostanti, tutti i quali contribuiscono fortemente alla stabilità strutturale delle biocostruzioni. L’eterogeneità del substrato, insieme all’abbondante fauna bentonica associata, supportano una complessa rete trofica capace di sostenere anche grandi predatori come murene, musdee e grandi cernie.

Map of the study area produced using geophysical and bionomic data, seabed video, scuba dives and sample analysis with the detail of the mesophotic coral reef distribution. dallo studio citato

Geophysical mapping results. (A) Side-scan sonar map. Note the presence of channelized erosional forms in the southwestern sector, the complex morphology of the EW-oriented slope, and the blackish deeper sector below the base of the slope. (B) Sub-bottom profiler section across the study area (location shown in red in A). Note that the distribution of bioconstructions on the sea bottom can be detected as signal loss sectors. The general morphology of the area is dominated by the presence of an EW slope, which is probably related to a fault with a similar orientation (red dotted line). – dallo studio citato 

Il coral reef si sviluppa nella fascia mesofotica, definita zona di penombra, antistante gli abitati di Monopoli e Polignano, lungo la costa adriatica pugliese, con un orientamento Est Ovest ed un decorso irregolare, formando una serie di rientranze ed insenature che ricordano la conformazione della attuale costa emersa. L’andamento è legato alla presenza di una soglia morfostrutturale che, per la sua orientazione, contribuisce ad intercettare le correnti ricche di nutrienti dell’Adriatico e che fluiscono da Nord verso Sud. Localmente, anche attraverso fenomeni di upwelling, queste correnti forniscono nutrimento al reef che si sviluppa in una zona dove gli organismi non possono contare sulla luce per una fotosintesi efficace.

Le sclerattinie o madrepore sono un ordine di coralli della sottoclasse degli Hexacorallia. Sono forme solitarie o coloniali dotate di scheletro aragonitico (meno stabile della calcite); la loro simmetria è radiale e i setti compaiono per settori di 60° a cicli di 6; i setti sono prevalenti rispetto agli elementi trasversali. Le forme coloniali danno luogo a bio-costruzioni note come barriere coralline o reef, diffuse a tutte le latitudini e in un ampio intervallo di profondità. Nella foto Cladocora caespitosa,  o madrepora pagnotta, isola del Tino, La Spezia, 2006 – nota della redazione

In altre aree italiane (Tirreno e Ionio ad esempio), la luce riesce a penetrare fino ad oltre 100 metri di profondità, riuscendo a supportare ancora l’attività di fotosintesi delle alghe. In Adriatico al contrario, l’elevata concentrazione di nutrienti e sedimenti in sospensione, fa da filtro alla penetrazione della luce e già a 40 metri di profondità le alghe diventano rare. La comunità biologica, come già accennato, è rappresentata fondamentalmente da animali, la quasi totalità dei quali è rappresentata da filtratori, specializzati proprio a cibarsi di quella componente organica in sospensione che contribuisce a rendere torbide le acque. Se nelle barriere coralline tropicali la deposizione del carbonato di calcio è facilitata dalle simbiosi madrepore/zooxantelle, nella fascia mesofotica adriatica questo deve potersi realizzare in assenza di simbiosi e le madrepore hanno dovuto sviluppare meccanismi di accrescimento basati sull’eterotrofia.

The main mesophotic coral reef contributors. Bleached and in vivo coral colonies of Phyllangia americana mouchezii (left column: A,B) and Polycyathus muellerae (right column: C,D). Scale bars: A, C = 1 cm; B, D = 0.5 cm. dallo studio citato

La mancanza di luce quindi sembra non aver assolutamente ostacolato la formazione delle madrepore che a volte raggiungono nel nostro reef spessori di qualche metro, essendo del tutto comparabili, dal punto di vista conformazionale, alle ben più note barriere tropicali. Non dal punto di vista faunistico però, visto che gli attori di questo palcoscenico naturale, le specie, sono completamente differenti. Le condizioni per cui si sviluppa la comunità mesofotica a madreporari non sono però uniche dell’area indagata e indagini preliminari condotte recentemente lungo la costa pugliese hanno già fornito l’indicazione che queste biocostruzioni potrebbero essere presenti anche in altri settori delle coste pugliesi adriatiche.

F. Cardone, S. Lisco, M. Moretti, D. Pierri

si ringrazia il Prof. Giuseppe Mastronuzzi per il cortese interessamento

Gli autori dell’articolo

Frine Cardone

Stefania Lisco

Massimo Moretti

Dino Pierri

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

(Visited 401 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »