Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il piroscafo S.S. Nina, il relitto delle catene di Andrea Alpini

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare 

 

ARGOMENTO: RELITTI
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR LIGURE
parole chiave: piroscafo S.S. NINA, relitto delle catene, relitto, wreck
.

Il piroscafo S.S. NINA, detto il relitto delle catene

Il passaggio della cometa di Halley fu un evento magico che, almeno storicamente, tutto il mondo ricorda con piacere o con paura. L’ultima immersione che abbiamo svolto sul piroscafo S.S. NINA,  detto il relitto delle catene, è stato davvero un evento “miracoloso” per noi subacquei, un’evento da ricordare, almeno per me e il team con cui mi sono immerso.

Abbiamo iniziato a pianificare l’immersione sulla Nina nei mesi precedenti utilizzando foto storiche, articoli, testimonianze di subacquei che erano già scesi sul relitto e non ultimi i preziosi video presenti in rete. Le ricerche condotte dal gruppo G.E.R.S di Domenico Massimo Bondone riportano che il piroscafo S.S. NINA, prima di essere catalogato ufficialmente con questo nome, era stato denominato “Hercules”, una nave supporto per gli aerostati.

Il piroscafo Nina venne costruito su ordine del British Shipping Controller di Londra nel 1919 e in seguito rivenduto agli armatori genovesi fratelli Bianchi. Nel 1943 venne requisita e posta sotto il controllo tedesco. Il 20 febbraio del 1944 colò a picco, probabilmente silurato da un sommergibile britannico a largo di Genova Sampierdarena.

Ridendo in banchina dico ai miei compagni: “Oggi faccio ritorno”, alludendo al fatto che scendendo in circuito aperto scenderò, tra bi-bombola e stage, con una notevole quantità di elio. Il gommone è carico e questa immersione invernale, strappata a condizioni meteo davvero uniche e favorevoli, ci hanno permesso di pianificare un Run Time di 180 minuti. 

Dario Nelli, del Centro Sub Tigullio, sarà la nostra risorsa di supporto logistico e di superficie. Mentre usciamo dal porto ripercorriamo insieme i punti salienti della nostra esplorazione; nei giorni precedenti avevo mappato graficamente i punti e le quote a cui avremmo dovuto trovare e identificare le parti del relitto. Una preparazione necessaria in ogni immersione ma ancora di più in questo tuffo oltre i 110 metri di profondità.

È ora di scendere, ciascuno fa la propria capovolta ai lati opposti del gommone. Ci troviamo a prua per il check macchina e delle bombole. Michele Celada fa la puntualizzazione a pelo d’acqua: “Scendiamo sul pedagno, ci troviamo a poppa; timone, elica, murata di sinistra con spaccatura per vedere le catene all’interno della stiva; si risale sulla murata dove è più bassa, giro verso il cassero, stiva delle catene, albero di carico, argani, stiva della trasmissione dell’elica, giro sullo specchio di poppa e poi si risale”.

SS-NINA-Relitto-delle-Catene-115m-Le-scale-Andrea-Murdock-Alpini-Centro-Sub-Tigullio

Umberto Bona e Andrea Fattore annuiscono per confermare quanto pianificato. Faccio un cenno a Dario Nelli che si sporge dalla prua a mò di “delfiniera” e controlla tutto prima della discesa. Mi chiede conferma del runtime per far scattare il cronometro alla nostra discesa: “180 minuti”, replico io. Ancora due minuti per stabilizzare il respiro e ricercare la giusta serenità prima di immergersi, poi inizia il silenzio.

SS-NINA-Relitto-delle-Catene-115m-Lingresso-al-cassero-Andrea-Murdock-Alpini-Centro-Sub-Tigullio

Incomincia la discesa: 1 minuto, -54m, 2 minuti, -82m. L’acqua da blu è diventata opaca. Strati di nebbia. Mi preparo ad affrontare l’SS Nina nelle sue note classiche condizioni di scarsa visibilità. Preparo negli ultimi metri la strobo con elastici e moschettone per clipparla saldamente alla cima. Continuo a scendere nel torbido, poi improvvisamente si vede chiaramente la poppa, sono a -98m. L’occhio si perde sul piano di coperta e l’emozione è tanta. Il tempo di aprire i fari della videocamera e provare le inquadrature e tutto il team è riunito. Ok a scendere. Lasciamo lo specchio di poppa e seguiamo l’asse del timone per poi arrivare alle quattro possenti pale dell’elica. Che spettacolo!

SS-NINA-Relitto-delle-Catene-115m-La-luce-di-via-Andrea-Murdock-Alpini-Centro-Sub-Tigullio

Dal fondo dei -115m si vede la cima di discesa; guardando a sinistra si scorge buona parte della murata. Restiamo per qualche minuto in contemplazione dell’elica concretizzata tra strati di ostriche, poi guadagniamo qualche metro di quota per arrivare alla spaccatura nella murata. Senza puntare le torce, tanto è chiara l’acqua, si vedono le grosse catene all’interno che danno il nome al relitto. Ancora qualche metro più in su e arriviamo a -103m sulla coperta. L’occhio coglie subito una notevole quantità di dettagli: la luce di via, gli argani e la struttura in parte collassata del vecchio albero di carico.

Puntiamo verso il cassero. Qui si scorge distintamente la scaletta che portava ai ponti superiori, accartocciata sulla murata di sinistra; poi l’apertura che conduce alla sala macchine e all’interno del piroscafo. Accenno una breve penetrazione nel cassero e verso le scale che conducono alla sala macchine. Punti i fari oltre, verso il basso. Il limo è tutto ben sedimentato, l’acqua è trasparente come in un cenote messicano. Si leggono chiaramente tutti i pioli della scala che, salendo, conduce a un ampio salone, mentre scendendo porta al motore della nave.

SS-NINA-Relitto-delle-Catene-115m-Le-catene-Andrea-Murdock-Alpini-Centro-Sub-Tigullio

Esco e con l’acquolina in bocca me ne vado a osservare le catene che costituivano il carico di questa imbarcazione e che oggi ne rendono affascinante l’esplorazione. Le maglie sono davvero possenti: le descrivono come le “catene di Lucifero”. Probabilmente, quando la visibilità è poca, devono dare quest’impressione infernale, dantesca. Oggi non è così.
La seconda stiva, quella più verso poppa, contiene il tubo posto a protezione della trasmissione. Dall’alto già si vede il fondo. Scendiamo fino a -107m. Dentro, l’acqua è cristallina, tant’è che si può contare il numero di bulloni e rivetti che sono stati usati nelle piastre di saldatura dello scafo.

SS-NINA-Relitto-delle-Catene-115m-Il-fumaiolo-collassato-Andrea-Murdock-Alpini-Centro-Sub-Tigullio

Non so, ma questa osservazione dev’essere un retaggio del corso “Progettazione delle strutture in metallo”, seguito durante i miei anni al Politecnico di Milano, che mi porta ogni volta a studiare le strutture metalliche che compongono l’ossatura e l’architettura dello scafo. Michele Celada e Umberto Bona tagliano prima il giro, io mi spingo fino alla fine della stiva e, con grande stupore, trovo una colonia di gamberi rossi. I loro occhi sono illuminati dalla mia torcia, i miei brillano di felicità. Riprendo la murata di sinistra attorno al cassero in coppia con Andrea Fattore. Giriamo fino alla frastagliata di prua dove si interrompe la nave. Prendiamo quota per qualche metro girando sopra e tutt’attorno al ponte di comando. Le reti a strascico a tratti sembrano un velo di sposa sopra le gruette impiegate per calare le scialuppe. Poco oltre si nota la canna ritorta e collassata del fumaiolo. Sotto di noi scorrono i graticci del castello. La visibilità è così bella che si vedono dettagli unici da lasciare a fauci secche.

Il tempo scorre e il computer “carica” deco come un tassametro, siamo ben all’interno della pianificazione, ma ci sono ancora alcuni dettagli da raccogliere prima di tornare sulla cima di risalita. Mi trovo ora con il compagno d’immersione sul piano di coperta, all’imbocco della stiva, procediamo sulla murata di dritta mentre sfilano davanti a noi due grosse bitte e dei resti di verricelli. Raggiungiamo lo specchio di poppa, manca solo un minuto a risalire, preparo il wet note dove ho trascritto il mio piano decompressivo.

Stacco la strobo dalla cima, sotto di noi, poco alla volta scompare nella nebbia. Arrivato ai -82 m è ora di passare alla prima sosta decompressiva; d’ora in avanti sarà un turbinio di pensieri. Ondeggio tra un deep stop e l’altro mantenendo sempre alta la concentrazione, maggiore è la tranquillità d’animo. Certo, d’ora in avanti inizia la parte più critica dell’immersione. A -47 metri compare un Mola Mola, che luccicando scompare nel blu. Oggi a me resta ancora molto tempo per crogiolarmi nei ricordi del relitto, i granchi facchino sul ponte di coperta che battevano le chele, le rosse conformazioni batteriche di rustiti nelle stive … e il profondimetro che. lento lento, abbassa la profondità media fin quando batte i 30!

È ora ti tornare in superficie, sono passati esattamente 180 minuti da quando l’aveva lasciata. Tutto torna al punto di partenza. Sulla banchina ci accoglie Lorenzo Del Veneziano, è bello ritrovarlo dopo qualche tempo. Nemmeno il tempo di togliersi la muta che subito ci confrontiamo sul relitto e i suoi passaggi. Ora ho qualche indizio in più per tornarci ed andare a cercare l’archetto che sosteneva la campana del SS NINA. L’avventura continua.

Andrea “Murdock” Alpini
TDI Diving Instructor #26784
Trimix Ipossico & Advance Wreck Instructor
www.wreckdiving.it

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 650 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Massimo Domenico Bondone Massimo Domenico Bondone
    08/03/2019    

    Buongiorno, a completamento dell’articolo, aggiungo che la campana venne individuata sul troncone di prua a circa 160 mt di profondità e recuperata (non dal sottoscritto).
    In una conferenza venne dichiarato che essa non recava alcuna scritta attestante il nome della nave, caso assai raro.
    Sono reperibili sul web immagini a conferma, cordiali saluti.

    • 09/03/2019    

      Grazie per l’autorevole commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »