Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Analisi dell’errore … applicazioni alla subacquea di Giorgio Caramanna

Reading Time: 5 minutes

livello elementare
 

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: analisi dell’errore, Giorgio Caramanna

Fermati, pensa, agisci

Analizzare per ridurre gli errori
Gli errori sono una componente inevitabile dell’attività umana specialmente quando si opera in ambienti o sistemi complessi. Al fine di limitare l’impatto degli errori sul rendimento finale del sistema è possibile utilizzare una serie di strategie atte ad individuare le cause originarie che hanno causato l’errore e sviluppare procedure mirate a ridurre l’incidenza di dette cause. In generale vi sarà un numero limitato di cause in grado di originare un vasto numero di eventi indesiderati secondo quello che è chiamato il “principio di Pareto” definito dall’economista Vilfredo Pareto nel diciannovesimo secolo. In pratica il principio afferma che in un sistema complesso circa il 20% delle cause provoca l’ 80% degli effetti.

Tra le diverse metodologie di analisi degli errori quella definita “Fault tree analysis (FTA)” è una delle più utilizzate in un gran numero di sistemi complessi.

Il primo concetto di FTA venne sviluppato nel 1961 dai Laboratori Bell per i sistemi di controllo del vettore missilistico “Minuteman” per l’Aeronautica Militare Statunitense. Nel 1965 la Boeing e l’Università di Washington pubblicarono il primo articolo scientifico sull’uso della FTA. Negli anni successivi questo metodo di analisi degli errori è stato applicato nel campo aerospaziale, per complessi impianti industriali e nella produzione di energia inclusi i reattori nucleari.

FTA è un processo deduttivo finalizzato all’identificazione delle cause originarie (eventi di base) di un incidente (evento finale) usando una serie di porte logiche, secondo le regole dell’algebra booleana, che connettono gli eventi intermedi. E’ una rappresentazione grafica della catena di eventi che portano al risultato finale. Partendo dall’evento finale le sue cause dirette vengono identificate al primo livello successivo. L’analisi procede per passi successivi finché vengono individuate le cause basilari dell’incidente; in generale queste cause di base sono in numero limitato ed è sulla loro prevenzione che ci si deve basare per ridurre la probabilità dell’incidente.

Se ognuna delle cause da sola era in grado di innescare l’evento allora si usa la porta logica “o”, se invece multipli eventi devono avvenire contemporaneamente per causare l’incidente allora si usa la porta logica “e”. La porta logica “o” permette la propagazione dell’errore mentre la porta logica “e” identifica un certo livello di protezione perché richiede che due o più cause avvengano contemporaneamente affinché l’errore si propaghi. Ad esempio se un subacqueo usa una configurazione con un singolo erogatore il malfunzionamento del primo o del secondo stadio impedirà di respirare. Se il medesimo subacqueo invece adotta una configurazione con due erogatori indipendenti allora per rimanere senza accesso al gas occorrerà che entrambi gli erogatori smettano di funzionare allo stesso tempo. Ovviamente la probabilità di quest’ultimo evento è molto inferiore rispetto a quella del malfunzionamento di un singolo erogatore. Usando due erogatori abbiamo introdotto una porta logica “e” nella FTA (malfunzionamento del primo e del secondo erogatore) con conseguente riduzione della propagazione dell’errore nel sistema.

La FTA permette anche di individuare situazioni di “falsa ridondanza”; in queste situazioni l’introduzione di componenti identiche in punti chiave del sistema di fatto non fornisce un vero aumento della sicurezza. Ad esempio durante l’immersione in acque fredde usare due erogatori non specificatamente costruiti per operare a basse temperature crea una situazione di “falsa ridondanza” poiché pur avendo due fonti d’aria indipendenti è molto probabile che se un erogatore si guasta a seguito delle basse temperature anche l’altro, identico, subirà la stessa sorte.

Una corretta FTA deve includere anche l’errore umano che, molto spesso, è la causa principale degli incidenti. Una classificazione della tipologia degli errori umani include cinque tipologie fondamentali:
a. L’operatore non compie l’azione appropriata; 
b. L’operatore non esegue l’azione correttamente;
c. L’operatore effettua un’azione inavvertitamente;
d. L’operatore effettua un’azione sbagliata; 
e. L’operatore peggiora la situazione.

Nell’ambito dell’attività subacquea si possono identificare alcuni esempi di azioni collegate alle tipologie di errori identificate.

Tipo 1 – L’azione appropriata non viene eseguita: un subacqueo non gonfia il GAV durante la discesa e quindi non è in grado di fermarsi alla quota prevista.

Tipo 2 – L’azione non è eseguita correttamente: un subacqueo cerca di gonfiare il GAV durante la discesa ma non ci riesce.

Tipo 3 – Viene eseguita un’azione inavvertitamente: un subacqueo che usa una configurazione con due bombole interconnesse lascia il manifold aperto durante un’ immersione che invece richiede l’uso di bombole separate (come ad esempio nella speleologia subacquea).

Tipo 4 – Viene eseguita un’azione sbagliata: un subacqueo usa un gas non adatto alla profondità durante un’immersione multi-gas.

Tipo 5 – L’azione effettuata aggrava la situazione: un subacqueo con problemi a nuotare contro una forte corrente persiste nell’azione entrando in affanno.

La FTA può essere molto utile come strumento di analisi preventiva delle potenziali cause di errore. Una volta individuate queste cause sarà possibile intraprendere azioni adeguate alla loro prevenzione.

L’intero processo della FTA è strettamente dipendente dalle capacità dell’analista. Ogni analista molto probabilmente svilupperà una specifica struttura della FTA, in ogni caso, indipendentemente dal percorso intermedio scelto, le cause basilari identificate dovrebbero essere le stesse a parità di evento analizzato.

Giorgio Caramanna
Geologo oceanografo – Geoaqua Consulting
è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. Per maggiori dettagli sulle sue attività seguire il link.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 269 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »