If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Nuove prove sulla grande estinzione di massa nei mari del Permiano

livello medio

 

ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: PERMIANO 252 MILIONI DI ANNI 
AREA: TERRA
parole chiave: Permiano, archeo mari, estinzione di massa
.

Il più grande evento di estinzione di massa sulla Terra avvenne circa 252 milioni di anni fa
Uno studio recente suggerisce che questa estinzione di massa avvenne in due momenti ma fu il secondo evento quello più grave, in cui quasi tutte le specie marine scomparvero dal pianeta. Ciò fu dovuto a seguito di enormi eruzioni vulcaniche che rilasciarono biossido di carbonio in atmosfera in quantità tale che gli oceani divennero drammaticamente più acidi.

Il diagramma mostra l’intensità dell’estinzione dei generi marini nel corso dei milioni di anni. L’evento più significativo è quello compreso tra il Permiano ed il Triassico (P–Tr). Fonte: R. A. Rohde e R. A. Muller, Cycles in fossil diversity, Nature, vol. 434, 10 marzo 2005.

Di fatto l’estinzione del Permiano, la Grande Moria come fu definita, fu il più grave evento di estinzione di massa mai verificato sul pianeta, che comportò la scomparsa dell’81% delle specie marine e del 70% delle specie di vertebrati terrestri. Tra l’altro fu l’unica estinzione di massa nota degli insetti nella quale si estinsero il 57% di tutte le famiglie e l’83% di tutti i generi. Ci vollero ben dieci milioni di anni per far rinascere le forme di vita.

La successione degli eventi che comportarono l’estinzione è ancora dibattuta; si pensa sia avvenuta in due fasi, forse addirittura in tre. Il primo picco di estinzione fu probabilmente dovuto ad un cambiamento ambientale graduale, in cui i parametri chimici dell’aria e delle acque si modificarono al punto di causare la morte delle specie viventi.

Altri ipotizzano una serie di eventi improvvisi, catastrofici, come la collisione di un asteroide, un’improvvisa attività vulcanica o sconvolgimenti sottomarini con emissioni di idrati di metano dal fondo marino. Questi fenomeni provocarono variazioni importanti dei livelli dei mari, creazioni di dead zone, zone morte, dove nulla poteva vivere, e conseguenti fenomeni di anossia.

Le variazioni termiche del pianeta provocarono cambiamenti climatici che modificarono la circolazione delle correnti oceaniche. Ora vi starete domandando se sto descrivendo una serie di fenomeni recenti? Nonostante le somiglianze queste cose avvenivano milioni di anni fa e portarono alla più grande estinzione sul nostro pianeta e gli ominidi, che precedettero le varie specie Homo sul pianeta, non erano ancora comparsi.

La biodiversità era molto alta ma composta da specie decisamente diverse da quelle attuali.

Nel Permiano tutto cambiò e ci vollero dieci milioni di anni per ricominciare. Gli invertebrati marini soffrirono le perdite maggiori e più di 280 su 329 generi di invertebrati marini scomparvero. Il blocco delle correnti responsabili dell’ossigenazione, dovuto allo scioglimento delle calotte glaciali, portò ad un anossia diffusa e quando le acque anossiche raggiunsero le zone costiere, si ebbero gravi conseguenze per la vita marina.

Andrew Knoll

Come suggerito da Andrew Knoll, un paleo-biologo di Harvard, la CO2 contribuì ad avvelenare gli oceani del Permiano. Un processo che è sempre esistito ed è legato ai batteri che mangiando la materia organica espellono bicarbonato come prodotto di scarto digestivo. Venendo a mancare la circolazione delle correnti, grandi quantità di bicarbonato si depositarono sui fondali oceanici portando ad una saturazione delle acque fino a livello superficiale. A contatto con l’atmosfera, il bicarbonato venne rilasciato sotto forma di CO2, e le acque costiere raggiunsero livelli tossici di CO2 che uccisero tutte le forme viventi. Probabilmente le perdite marine della fine del Permiano avvennero a causa dell’aumento vertiginoso delle estinzioni che afflissero in particolar  modo gli organismi con scheletri composti di carbonato di calcio, specialmente quelli che necessitavano livelli ambientali di CO2 per produrre i propri scheletri. Si moltiplicò quindi il tasso di estinzione degli organismi bentonici, ormai avvelenati dall’ambiente tossico. I gruppi di invertebrati marini che sopravvissero furono i brachiopodi articolati ed i crinoidi (“gigli di mare”), che divennero abbondanti e si diversificarono. L’ambiente fu invece fatale a trilobiti e tetracoralli, provocando l’estinzione della maggior parte delle forme di vita marina in ambiente neritico.

Fossile di Jimbacrinus bostocki – Fotografia di John Cancalosi, National Geographic

La conseguente anossia decimò le forme di acqua profonda con la scomparsa del 95% delle forme di vita marine. Sopravvissero invece le ammoniti Ceratitida che si espansero gradualmente nel corso del Triassico Inferiore e Medio, fino a raggiungere la massima diffusione all’inizio del Triassico Superiore.

Lo studio pubblicato su Science descrive le possibili cause della grande estinzione alla fine del periodo Permiano. I ricercatori hanno effettuato prove chimiche nelle rocce di quel periodo per calcolare quanto rapidamente si modificò la chimica dell’oceano. Secondo lo studio, tutto incominciò in Siberia dove i sistemi vulcanici eruttarono così tanta CO2 in un così breve periodo di tempo che gli oceani non furono in grado di assorbirla. Praticamente in soli 10.000 anni, i livelli di pH in alcuni oceani del mondo crollarono, creando una acidificazione mortale per le specie viventi che li abitavano.

Perché è importante capire questi fenomeni?
Oggi gli oceani stanno diventando sempre più acidi a causa della grande quantità di CO2 prodotta da attività umane come la combustione di combustibili fossili.

Acidificazione degli oceani
Gli scienziati hanno calcolato che il pH medio delle acque degli oceani è sceso di 0,1 unità dall’inizio della rivoluzione industriale. Questo ci fa andare verso una nuova estinzione? Difficile dirlo ma probabilmente potrebbe contribuire. E’ quindi importante comprendere cosa avvenne nel passato per salvare il nostro futuro ed il Permiano fu un’Era significativa nella storia del pianeta.Come abbiamo visto le ipotesi su ciò che causò l’estinzione del Permiano sono molte: oceani divenuti anossici che avvelenarono le forme viventi marine,  microbi che emisero quantità abnormi di metano in atmosfera, collisione di asteroidi che sollevarono nubi che oscurarono i cieli e provocarono la morte della vegetazione e degli animali, emissioni di gas durante le spaventose eruzioni vulcaniche, tutte ipotesi che non si escludono fra di loro perdurando, o ripetendosi per 4-5 milioni di anni. Vi fu probabilmente una sinergia di fattori fisici che portò alla distruzione del metabolismo degli organismi. L’analisi di isotopi di calcio nelle rocce confermò che gli oceani primordiali diventarono più acidi durante la fine del periodo Permiano.

Lo studio ha esaminato i rapporti degli isotopi di boro nelle rocce dell’era del Permiano negli Emirati Arabi Uniti. In parole semplici, il boro esiste nell’acqua di mare in due forme, le cui quantità relative sono controllate in funzione del pH dell’acqua ovvero se l’acqua è acida o alcalina. Misurando i livelli di ogni isotopo di boro, i ricercatori  possono calcolare direttamente il pH dell’acqua che un tempo copriva le rocce marine.

Gli scienziati hanno riscontrato pochi cambiamenti nei livelli di acidità durante la prima fase dell’estinzione del Permiano, durata circa 50.000 anni ma fu durante il secondo impulso che i livelli di pH scesero di circa 0,7 unità in circa 10.000 anni. Ciò fu probabilmente dovuto al fatto che i vulcani siberiani emisero rapidamente così tanta CO2 che gli oceani non furono in grado di assorbirla a sufficienza.

trilobita

Ma cosa avvenne negli altri oceani?
I dati sono ancora insufficienti per confermare questa teoria. Inoltre, non ci sono tracce che facciano ricondurre la prima estinzione ad altri fenomeni vulcanici; per cui avvenne qualcosa di diverso che provocò un grande  impatto ambientale. Forse un meteorite che sollevò nuvole di particolato in atmosfera facendo morire le piante e le specie erbivore maggiori?  O forse non fu solo un problema di acidificazione. Nel territorio di Nunavut in Canada, è emersa una presenza anomala di mercurio in coincidenza degli strati geologici del passaggio Permiano-Triassico. Come è noto le attività vulcaniche sono considerate le principali sorgenti naturali di mercurio verso l’atmosfera terrestre. I livelli di mercurio trovati sono fino a 30 volte superiori rispetto a quelli delle emissioni vulcaniche correnti. Furono quindi sempre le eruzioni in Siberia ad emettere il mercurio che fu poi trasportato dai venti in direzione della Pangea nord-occidentale per poi depositarsi gradualmente con le precipitazioni  sia su terra che nell’ambiente marino globale, che era già soggetto ad altri gravi squilibri di natura chimica e climatica?

C’è ancora molto da capire del passato per prevedere il nostro futuro.

Sull’estinzione del  Paleozoico e Cambriano leggete anche questo articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 424 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share