If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Quadro delle Attività Subacquee Professionali in Italia, parte I di Giovanni Esentato

Reading Time: 6 minuteslivello elementare

.

ARGOMENTO: SUBACQUEA PROFESSIONALE
PERIODO: ODIERNO
AREA: SUBACQUEA
parole chiave: OTS, off shore, lavoro subacqueo

Il lavoro subacqueo italiano è un cosmo costituito da oltre 350 aziende, a struttura variabile, molte delle quali a conduzione individuale e/o famigliare. Altre, però, hanno dimensione industriale e rappresentano la punta di diamante in materia di innovazione, tecnologia, qualità delle energie professionali, di un mondo che, silenziosamente, contribuisce alla formazione del PIL e al benessere degli italiani: le aziende e gli operatori sono quelli – per voler rendere l’idea del ruolo che svolgono – tra le altre cose, aprono e chiudono i rubinetti sottomarini del gas e del petrolio.

Il settore è molto più vario e spazia dai servizi per le opere marittime e portuali, impiantistica di idraulica civile, impiantistica strutturale, e appunto, interventi al servizio dell’industria petrolifera “offshore” e molti altri settori come descritto più avanti. Il cui fatturato annuo, per quando riguarda le aziende, supera di molto i duecento milioni di euro, volendo considerare i dati delle imprese che gravitano nell’ambito del solo settore “offshore” e molto di questo fatturato proviene da contratti esteri dove gli italiani sono considerati, non a torto, bravissimi e valenti operatori subacquei.

Il lavoro subacqueo, per la sua specificità ambientale necessita, al pari di altri settori, come quello aereo, o del lavoro in roccia o in miniera, di norme specifiche che facciano riferimento allo stato dell’arte e alle tecniche di immersione che, a loro volta, si rifanno a standard ormai condivisi ed adottati in tutto il mondo. Quella che noi italiani indichiamo come “immersione professionale” è, nel mondo anglosassone, definita “commercial diving” e talora tradotta in Italiano con la risibile locuzione di “subacquea commerciale” che richiama l’idea di una procace tuffatrice in bikini.

In effetti, oltre a riunire tutti coloro che dalla attività subacquea ricavano emolumenti di qualsiasi entità e di qualsiasi tipo, raggruppa diversi settori di attività, diversificati fra loro e dotati di specifiche caratteristiche e di specifici requisiti.

Filiera produttiva e target di riferimento per le Norme Operative e Procedure di Sicurezza
I soggetti interessati alle attività subacquee professionali sono imprese iscritte alla Camera di Commercio e hanno il profilo giuridico di ditte individuali, snc, srl, s.coop. rl, spa. La strutturazione aziendale in termini di energie umane direttamente impegnate nella configurazione imprenditoriale spazia dal singolo individuo, per le ditte individuali (a profilo prevalentemente artigiano), a centinaia di componenti per le società più strutturate.

La forza lavoro, impegnata in qualità di OTS (Operatori Tecnici Subacquei) e/o di OTI (Operatori Tecnici Iperbarici), si quantifica attorno alle 10.000/15.000 unità dislocate sia sul territorio italiano che fuori dal contesto geografico nazionale. La classificazione e la identificazione di aziende che svolgono attività subacquea ed iperbarica professionale non in maniera prevalente sfugge ad un censimento certo e preciso in quanto le opere subacquee rappresentano il “complemento” di altre opere quali strutture edilizie come ponti, manufatti di sbarramento, palificazioni, etc. Queste attività sono, quindi, riconducibili al settore edilizio e sono definite “on shore”. A questo “segmento” appartiene un gran numero di aziende che spesso, però, utilizzano altre aziende, specializzate nei lavori subacquei, e che dispongono di apparecchiature, attrezzature, mezzi nautici e personale con specifici requisiti di formazione e competenze professionali.

Attività subacquee professionali prevalenti e pertinenze di intervento
Volendo inquadrare i tanti compiti diversificati nell’ambito di riferimento possiamo elencarli come:
– recupero o demolizione di relitti (salvage diving), attività tradizionale dei palombari che ha costituito per oltre un secolo e mezzo il nucleo (core business) dell’attività professionale subacquea;

– interventi portuali (harbour diving) esercitata dai palombari nei porti sia per la loro costruzione, insieme ai “cassonisti”, sia per le operazioni di ispezione, carenaggio, manutenzione e riparazione delle navi e degli ormeggi. In questo settore rientrano tutti i palombari (q.v. Codice della Navigazione) e tutti i Sommozzatori (q.v. DM del 13 Gennaio 1979) iscritti nei rispettivi registri per essere abilitati a operare in “servizio locale”;

– interventi industriali per gli idrocarburi (Oil and Gas diving), attività che si è sviluppata, in un crescendo rossiniano di clamore e di energia, a partire dal secondo dopoguerra e che ha assorbito gruppi crescenti di operatori subacquei professionisti, al punto da vantare oggi, nelle sue file, oltre tre professionisti subacquei su quattro;

– interventi per acquacoltura (fish farm diving) è probabilmente la più silente, ma non per questo la più negletta, tra le attività subacquee professionali. Di relativamente recente comparsa, rivela una lenta e contenuta tendenza all’espansione;

Un subacqueo commerciale che lavora in un’enorme gabbia subacquea della Open Blue Sea Farms. I subacquei si immergono all’interno delle gabbie quasi ogni giorno per monitorare i pesci, pulire le gabbie, rimuovere i pesci morti e riparare le gabbie. 

– pesca professionale e raccolta di corallo (coral diving), storicamente e tradizionalmente ricca di nomi e di episodi, questa attività è limitata a un gruppo relativamente ristretto di operatori che lavorano spesso oltre i limiti della fisiologia e delle regole internazionali dell’industria;

– istruttori, guide, accompagnatori (professional leisure diving). Sono le ultime attività entrate nel professionismo, e riuniscono coloro che in ambito sportivo e turistico lavorano remunerati per fornire un servizio di didattica e/o di accompagnamento a turisti ed a sportivi di ogni livello e provenienza;

– giornalisti e foto/cine/teleoperatori (Media project diving). Questa è un’attività limitata, nel numero dei partecipanti, ma elevata nei livelli di specializzazione e di competenza che giungono spesso a portare i praticanti oltre i limiti tradizionali e codificati della fisiologia e delle regole internazionali dell’industria;

– Ricerca Subacquea scientifica (Scientific diving) in tutte le sue accezioni; viene svolta da biologi, etologi, geologi, archeologi che per motivi di Studio e Ricerca svolgono la loro prevalente attività in ambito subacqueo. E’ un settore ad alto profilo di specializzazione che si realizza sia sul territorio nazionale che all’Estero, spesso in partenariato con Istituti di Ricerca ed Università straniere;

– monitoraggio ambientale (Environment monitoring), la prevenzione e repressione dei reati ambientali. A questo settore aderiscono organismi che utilizzano personale specializzato in interventi subacquei per la raccolta, campionamento e documentazione dei valori ambientali nel caso di eventi  di inquinamento accidentale o doloso.

Ultimi ma non per importanza, i Militari e Corpi dello Stato subacquei. Essi sono reparti di eccellenza delle Forze Armate. Nati nell’ambito della Marina Militare sono oggi organizzati in Reparti autonomi in tutte le Forze Armate e nei Corpi dello Stato, operando a favore della comunità.

I primi si distinguono, anche a livello internazionale, per la grande capacità di intervento in aree e teatri critici del mondo, laddove sono richiesti interventi contro il terrorismo, la sicurezza nazionale ma anche in soccorso di popolazioni per calamità naturali. I secondi sono corpi specialistici che svolgono diverse funzioni nell’ambito delle loro competenze come il controllo del territorio, la prevenzione e repressione di reati ambientali, la sicurezza della vita umana in mare, la salvaguardia del patrimonio ambientale, archeologico subacqueo. Spesso in collaborazione con altri istituti come la Magistratura e/o Istituti di Ricerca e Prevenzione.

Fine I parte

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 403 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »