If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il mistero dell’affondamento della corazzata Giulio Cesare – parte I

Reading Time: 7 minutes

.
livello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MEDITERRANEO, MAR NERO
parole chiave: Giulio Cesare, corazzata
.

Si chiamava Giulio Cesare, una corazzata italiana che sopravvisse a due guerre mondiali e ad un ammutinamento … poi divenne il Novorossiysk, ammiraglia della Squadra navale sovietica del Mar Nero fino al suo tragico destino. Il 29 ottobre 1955, la nave affondò nella baia settentrionale di Sebastopoli e più di 600 marinai morirono nell’incidente. Secondo la versione ufficiale fu a causa di una vecchia mina tedesca che esplose inspiegabilmente sotto la nave. Verità o bugia di Stato? Probabilmente non lo sapremo mai. Questo articolo incomincia a raccontare la sua storia incredibile, tra guerra e pace, la storia di una vecchia signora del mare che scomparve nelle fredde acque del Mar Nero per motivi ancora oggi non completamente chiariti.

Il Giulio Cesare
La corazzata Giulio Cesare apparteneva alla classe Cavour, composta da tre navi: il Cavour, il Leonardo da Vinci e il Giulio Cesare. Costruita nel cantiere navale Ansaldo di Sestri Ponente, il suo scafo venne impostato il 24 giugno 1910 e la nave venne varata il 15 ottobre 1911. Inizialmente la nave aveva una lunghezza di circa 170 metri, larghezza di 28 metri ed un pescaggio di circa 9 metri con un dislocamento a pieno carico di 25086 tonnellate. La corazzatura arrivava a 280 mm in orizzontale e 111 mm in verticale che la portava ad un dislocamento a pieno carico di oltre 25.000 tonnellate.

varo del Giulio Cesare

L’armamento era composto da 13 cannoni su tre torri trinate e due torri binate da 305/46, 18 canne da 120/50, e 22 da 76/50 tutti Mod. 1909. Inoltre, aveva 3 lanciasiluri da 450 mm. Per potersi muovere era dotata di una propulsione assicurata da 24 caldaie a vapore di tipo Babcock di cui dodici con combustione a nafta e dodici con combustione mista carbone e nafta, 3 turbine Parsons con 4 assi motrici che assicuravano grazie ai 31 000 CV di potenza una velocità massima di 21,5 nodi. Aveva un’autonomia teorica di 4.800 miglia a 10 nodi e imbarcava un equipaggio di 1000 marinai. All’entrata in guerra dell’Italia nel primo conflitto mondiale venne inquadrata nella I Divisione di base a Taranto. In totale durante il conflitto la corazzata venne impiegata per 40 ore in tre missioni di ricerca del nemico (senza esito) e 966 ore in attività addestrative. Praticamente non venne mai impiegata in azioni di combattimento.

Nel corso degli anni venti l’unità navale fu sottoposta ad ammodernamento e l’armamento antiaereo subì delle lievi modifiche con la sostituzione di sei cannoni da 76/50mm, con altrettanti da 76/40mm di più moderna concezione e nel 1925 venne imbarcato un idrovolante da ricognizione Macchi M.18, sistemato sulla tuga della torre centrale in una sella brandeggiabile per potere orientare il velivolo secondo la direzione del vento. L’aereo veniva messo in mare ed issato a bordo per mezzo di un albero di carico. Nel 1926 fu anche installata una catapulta. Il 12 maggio 1928 la nave venne posta in disarmo a Taranto e dal 1928 al 1933 utilizzata come nave d’addestramento per gli artiglieri. La possente corazzata nell’ottobre del 1933 lasciò La Spezia per rientrare in cantiere negli stabilimenti di Genova fino al 1937 per un radicale riammodernamento. In pratica della primitiva corazzata fu riutilizzato solo lo scafo e la corazzatura di murata.

ai lavori di trasformazione a Genova

L
La lunghezza dello scafo venne aumentata di 10 metri per aumentare il coefficiente di finezza dello scafo e contribuire ad aumentare la velocità della nave, mediante la sovrapposizione di una nuova prora alla vecchia, con l’opera viva dotata di un bulbo. L’armamento fu rivisto, tenendo conto dell’evoluzione della minaccia navale. Fu eliminata la torre a centro nave e fu effettuata la ri-tubazione delle altre torri da 305 mm/46 a 320 mm/44, per un totale di dieci cannoni suddivisi in due torri trinate e due torri binate nelle posizioni prodiera e poppiera, con le torri binate sopraelevate rispetto a quelle trinate. Il ricalibramento dei cannoni principali permise di dotare la nave di armi più potenti del 30% dei cannoni originali asserviti da sistemi di movimentazione elettrica in sostituzione di quella idraulica originale.

prima della ristrutturazione

dopo la ristrutturazione

Molto interessante fu l’installazione di cilindri assorbitori modello “Pugliese” per la protezione subacquea, consistente in due lunghi cilindri deformabili, che posti lungo la murata, all’interno di una paratia piena, avevano il compito di assorbire la forza dell’onda d’urto provocata dall’esplosione di un siluro o di una mina, disperdendola all’interno del cilindro. Teniamo a mente questo particolare. Le modifiche portarono il dislocamento dell’unità a 29000 tonnellate.

Seconda Guerra mondiale
Allo scoppio del secondo conflitto mondiale, la corazzata era inquadrata nella V Divisione navi da battaglia, di base a Taranto nell’ambito della I Squadra Navale, ricoprendo il ruolo di ammiraglia della flotta con insegna dell’ammiraglio Inigo Campioni.

Ammiraglio Inigo Campioni

D
Dopo avere preso il mare il 7 luglio al comando del Capitano di Vascello Angelo Varoli Piazza come scorta ad un convoglio partito da Napoli il 6 luglio e diretto a Bengasi, il 9 luglio si scontrò con navi della Royal Navy nella battaglia di Punta Stilo; nel corso dello scontro una salva lunga del Giulio Cesare danneggiò, anche se lievemente, due cacciatorpedinieri britannici, l’HMS Hereward e il HMS Decoy.

danni sul Giulio Cesare a seguito dello scontro, fonte Marina Militare Italiana

Il Giulio Cesare venne colpito da una granata che, attraversato il fumaiolo poppiero, esplose provocando un principio d’incendio. A causa delle conseguenze dell’esplosione dovettero essere spente quattro caldaie e la velocità venne ridotta a 18 nodi. A questo punto, prudenzialmente, la nave si diresse verso Messina insieme all’incrociatore Trento della III Divisione. La potente nave venne quindi inviata all’Arsenale di La Spezia per i lavori di riparazione ed il successivo 30 agosto prese parte con la Iª Squadra navale ed  altre unità partite da Messina e da Brindisi ad un’azione di contrasto all’Operazione Hats che  aveva lo scopo di scortare un convoglio da Alessandria d’Egitto a Malta. L’azione italiana non ebbe seguito in quanto la Squadra Navale italiana, che aveva con se le due nuovissime navi da battaglia Vittorio Veneto e Littorio, incontrò una forte burrasca e dovette ripiegare.

Dopo la notte di Taranto, 11-12 novembre 1940, il Giulio Cesare venne trasferito a Napoli insieme al Doria ed al Vittorio Veneto, partecipando alla difesa antiaerea della città. Di fatto l’attacco inglese a Taranto aveva distrutto metà della potenza bellica della flotta italiana e dopo l’attacco SUPERMARINA iniziò ad impiegare le navi da battaglia in azioni più aggressive. Un primo risultato si ebbe nell’azione di contrasto all’Operazione White per il rinforzo aereo di Malta da parte degli inglesi. La presenza della flotta italiana, con il Cesare ed il Vittorio Veneto,  fornì un efficace disturbo alle operazioni nemiche, ed i caccia britannici, imbarcati sulla portaerei Ark Royal, furono costretti a decollare prematuramente. Per mancanza di carburante, solo 5 aerei raggiunsero Malta. L’azione diede luogo ad aspre critiche e l’ammiraglio Cunningham la definì “uno spaventoso fallimento”.

Il 26 novembre il Giulio Cesare uscì in mare con il Vittorio Veneto, ed altre unità della I e della II Squadra, per intercettare la Forza H dell’Ammiraglio Somerville, proveniente da Gibilterra, che aveva preso il mare per proteggere un convoglio diretto a Malta ed Alessandria. Il contatto tra le forze navali italiane e britanniche avvenne nei pressi della Sardegna e culminò il 27 novembre nella battaglia di Capo Teulada. Uno scontro inconcludente da ambedue le parti in cui Somerville, conscio della superiorità di fuoco italiana, decise di ritirarsi. La stessa cosa fece l’ammiraglio Campioni che non approfittò della confusione e si allontanò dalla flotta avversaria. 

Fino alla fine del 1941, il Cesare venne assegnata a compiti di scorta convoglio e, dopo aver partecipato nel dicembre alla scorta del convoglio M42, culminato nella prima battaglia della Sirte, effettuò la sua ultima missione di guerra, dal 3 al 6 gennaio 1942, l’operazione M43, per trasferire tre convogli di sei navi a Tripoli. Rientrata a Taranto, la corazzata, che ormai dimostrava tutti i suoi anni,  venne dichiarata obsoleta per effettuare missioni operative, e destinata  per l’addestramento. Il 30 dicembre 1942 raggiunse Pola per essere utilizzata come nave caserma e da addestramento statico.

fine della I parte – continua

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

,

PARTE I
PARTE II
PARTE III

print
(Visited 1.466 times, 1 visits today)
Share

3 commenti

  1. 30/09/2020    

    Sulla Rivista Marittima di qualche anno fa si lasciava trasparire un segreto attacco da parte di incursori non meglio specificati….Saluti cordialissimi….

    • 30/09/2020    

      Le consigliamo di leggere la seconda parte

  2. Ermanno Giraldi Ermanno Giraldi
    04/01/2019    

    ho letto con piacere l’articolo sulla corazzata Giulio Cesare e quanto ne consegue. Purtroppo riaffiora sempre il tradimento di alcuni nostri ammiragli, mentre la stragrande maggioranza degli ufficiali ed equipaggi delle altre Unità della grande flotta italiana, sono rimasti fedeli alla Patria fino allo estremo sacrificio immolando la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »