Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Breve storia dell’A.D.S. Atmospheric Diving Suit

Reading Time: 7 minutes


livello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA DELLA SUBACQUEA
PERIODO: XX – XXI SECOLO
AREA: EUROPA
parole chiave: Tritonia, ADS

 

I primi scafandri a pressione atmosferica furono sviluppati nell’era Vittoriana, ma nessuno fu in grado di risolvere il problema di avere delle giunture flessibili e, nello stesso tempo, stagne in profondità.

UNITED KINGDOM – MAY 28: Mr. J.S. Peress,  inventore dell’ADS a Weybridge. United Kingdom. 28 maggio 1930. (Photo by Imagno/Getty Images)

Storicamente il primo scafandro con simili caratteristiche fu il Tritonia, ideato e sviluppato da Joseph Salim “Pop” Peress, un brillante e talentuoso ingegnere britannico. Peress era cresciuto in Medio Oriente e da bambino era rimasto affascinato dai pescatori di perle del Golfo Persico. Li vedeva tuffarsi in quelle acque tornando in superficie con il loro carico di ostriche. La loro permanenza era limitata dalla quantità di aria nei loro polmoni e, diversamente, sarebbe dovuti ricorrere a pesanti scafandri esponendosi in profondità alla malattia dei cassoni.

La soluzione era un sistema che mantenesse la pressione interna uguale a quella atmosferica ma … come fare?
La sfida che lo attanagliò sin dalla gioventù fu la costruzione di uno scafandro articolato a pressione atmosferica (ADS), ovvero un mezzo sommergibile adattato all’uso di una singola persona nella quale la pressione interna veniva mantenuta al valore di una atmosfera (ovvero quella superficiale). Teniamo conto che parliamo dell’inizio del XX secolo, un periodo in cui le conoscenze sulle immersioni decompressive erano minime. Tentativi di creare scafandri ed avere la possibilità di lavorare anche a grandi profondità in sicurezza era un obiettivo commercialmente interessante.

la prima ADS è attribuita a Lodner D. Phillips – 1856 – disegno Charles Daigneault

Storicamente il primo sistema articolato a pressione atmosferica fu ideato da Lodner D. Phillips che, nel 1856, progettò il primo A.D.S.. Si trattava di un cilindro con un’estremità a cupola e giunture sferiche per la mobilità di braccia e gambe. L’aria per respirare veniva fornita dalla superficie tramite un tubo ombelicale.

il modello di Carmagnolle 

In seguito, nel 1882, in Francia, a Marsiglia, i fratelli Carmagnolle brevettarono un “inquietante” scafandro antropomorfico, i cui arti erano snodabili tramite delle giunture stagne formate da sezioni sferiche concentriche. Lo scafandro ne aveva ben ventidue: quattro per gamba, sei per braccio e due nel torso. L’elmo, a dire il vero alquanto mostruoso, era dotato di venticinque oblò di vetro per consentire al palombaro una migliore e maggiore visione dell’esterno.

Nel 1915, la società tedesca Neufeldt and Kuhnke costruì dei modelli di A.D.S. basati sul un loro brevetto di giuntura a sfera, che usava dei cuscinetti sferici per smorzare il carico di pressione. Sebbene nel 1924 la marina tedesca li testò con successo a 161 metri di profondità, il palombaro si muoveva con molta difficoltà e le giunture degli arti non erano molto sicure. L’esigenza di queste attrezzature sembrò svilupparsi rapidamente, in particolare nel campo dei recuperi sui relitti, per cui gli studi proseguirono in tutti i Paesi.

Questa versione del “Tipo 1916” è stata esposta nel “Deutsche Museum” di Monaco può essere considerata la “prima versione” del Tiefseetaucher N & K ADS (fotografia David L.Dekker)

Nasce JIM
Era il 1918 quando Pop Peress iniziò a lavorare per la WG Tarrant a Byfleet, Regno Unito. L’idea era di sviluppare un prototipo in acciaio inossidabile. Lo scafandro apparve subito molto complesso e poco impiegabile e, nel 1923, gli fu chiesto di progettarne un nuovo modello necessario per ricercare il relitto della nave di linea S.S. Egypt della famosa compagnia P & O, affondata a circa 170 metri di profondità nei pressi di Ouessant. Il suo carico era decisamente interessante: un tesoro di lingotti d’oro e argento che fu recuperato in seguito dalla SO.RI.MA.. Ma questa è un’altra storia.

Sebbene l’offerta fosse allettante, Pop Peress rifiutò ritenendo che la profondità fosse troppo elevata ed il rischio di rotture dei giunti molto probabile. Di fatto gli scafandri erano troppo pesanti ed era necessario sostituire il pesante acciaio con un materiale più leggero. Una sfida che lo portò, nel 1929, a sostituire l’acciaio con una lega di magnesio pressofuso e ad utilizzare un cuscino di olio nei giunti per facilitare il movimento. In pratica ridisegnò i giunti con un pistone che si muoveva in un cilindro semi-emisferico anulare posto in un cuscino di olio. Questo, essendo praticamente non comprimibile, permetteva l’articolazione dell’arto liberamente anche a profondità elevate.

Pop Peress progettò quindi il Tritonia per poter funzionare anche a 1.200 piedi (circa 370 metri) di profondità, spingendosi quindi oltre l’immaginabile per le esigenze dell’epoca. Nel 1930, venne presentato ufficialmente il nuovo scafandro e, nel maggio dello stesso anno, Pop Peress ne dimostrò pubblicamente la sua funzionalità nelle acque di Byfleet. La prova ufficiale di Tritonia avvenne in Scozia, nel lago di Loch Ness. Era  settembre, e faceva già freddo. Il suo assistente, Jim Jarret, entrò nell’A.D.S. e scese fino ad una profondità di 123 metri, eseguendo vari test funzionali in ambiente iperbarico con esito positivo. Jim Jarret non lo sapeva ma il suo nome sarebbe diventato in futuro il nickname e poi il nome ufficiale di una lunga serie di A.D.S. 

Una curiosità. Lo scafandro fu offerto subito alla Marina Reale britannica che lo rifiutò giustificando che i suoi sommozzatori non avevano necessità di immergersi a quote maggiori di 90 metri (300 ft).

Il possibile uso commerciale spinse Peress a continuare le sue sperimentazioni. Fecero un’immersione profonda a 90 metri sul relitto della RMS Lusitania, a sud dell’Irlanda, ed una a 60 metri nel Canale della Manica nel 1937. Si alzarono però i venti di guerra che misero in secondo piano gli interessi commerciali. Nonostante il loro successo questi scafandri non attirarono l’attenzione aspettata ed alla fine il Tritonia non fu più utilizzato e confinato in un magazzino in Scozia. Peress di fronte ad una generale indifferenza verso la sua invenzione si arrese e rivolse la sua attenzione ad un settore decisamente più remunerativo, diventando il più grande produttore mondiale di pale per turbine per l’industria aeronautica. La guerra lo fece ricco, anzi molto ricco per cui il suo sogno restò in un cassetto.

La ricerca off-shore
Dopo un lungo periodo silente, nel 1965, Pop Peress fu contattato da due ingegneri britannici, Mike Humphrey e Mike Borrow, che si dimostrarono interessati nella progettazione di un moderno Atmospheric Diving Suit basato sul progetto originale del Tritonia. La richiesta derivava da un interesse economico nascente. Il Mare del Nord era stato esplorato per il petrolio e l’industria era alla ricerca di nuovi mezzi per lavorare a grandi profondità a pressione atmosferica. Si racconta che Mike Borrow disse a Peress: ” We could see that the Peress prototype could be the solution to the problems confronting designers at the time “. Un’affermazione inaspettata per Peress che si avvicinava ormai agli 80 anni.

Il vecchio Tritonia fu ritrovato in un magazzino di Glasgow, pieno di polvere ma ancora perfettamente funzionante. Lo spesso Pop Peress vi entrò con una certa emozione. In un’intervista Mike Borrow raccontò: “Getting Pop into the suit was not too difficult but it took about three hours to get him out. We had to lay the suit down and unbolt the limbs one by one. Then, because he could not point his toes, he got jammed in. Luckily he was a bit of a character and could see the funny side of it!

Cinque anni dopo, furono presentati due nuovi sistemi A.D.S. La profondità del test per il nuovo modello era stata fissata a 610 metri, e fu denominato “JIM” per ricordare il  sommozzatore che per primo aveva impiegato un A.D.S., Jim Jarret nel lago di Loch Ness, in Scozia.

Foto di famiglia: il Tritonia di Peress nel mezzo circondato da JIM  type 2  a tre braccia e standard type 2 JIM verso l’esterno. Immagine da www.DiveScrap.com.

Il modello fu completato nel 1971 e nel 1972 effettuò i test finali sulla nave salvataggio della Royal Navy HMS Reclaim ad una profondità di 152 metri. Il nuovo scafandro pesava solo 27 kg nell’acqua. Dopo l’effettuazione del record di utilizzo da parte di Mike Humphrey a 305 metri a Portland. Il nuovo A.D.S. venne usato estensivamente in tutto il mondo a profondità oltre i 600 metri. UMEL continuò a sviluppare nuovi modelli di JIM speciali per la Marina degli Stati Uniti, con gusci in plastica rinforzati con fibra di carbonio ed alla fine i brevetti furono acquistati dalla Oceaneering negli Stati Uniti.

Pop Peress morì nel 1978, dopo aver visto il suo sogno, l’A.D.S., finalmente realizzato. Sette anni dopo, nel settembre del 1985, un nuovo modello di JIM fu usato su un bombardiere Wellington che era stato scoperto sul fondo di Loch Ness, proprio vicino alla casa di Peress dove Jim Jarrett si immerse. Probabilmente Pop Peress lo avrebbe apprezzato.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 966 times, 1 visits today)
Share

3 commenti

  1. Renato Luigi Leonardo Graziani Renato Luigi Leonardo Graziani
    18/06/2021    

    Il relitto della MN EGYPT non giaceva a 170 metri ma a 130.

    • 18/06/2021    

      Grazie della puntualizzazione, dalle fonti disponibili era circa 170 metri .. le strutture superiori forse erano a 130 … sarà gradito un riferimento sulla sua specificazione

  2. 29/03/2020    

    Bellissimo articolo, di quelli che vanno letti e riletti. Solo una punta di malinconia e tristezza ogni volta che, quando si parla di storia e pionieri della subacquea, viene ricordata la Sorima e i suoi eroi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »