Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Un nuovo misterioso oggetto ritrovato ad Antikythera

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA SUBACQUEA
PERIODO: I SECOLO a.C.
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Antikythera, relitto, meccanismo

 

Antikythera, un’isola greca dell’Egeo dove, anche se virtualmente, torniamo spesso. Un luogo da sempre colpito da tempeste e drammi del mare testimoniati dai numerosi relitti che giacciono da secoli sul fondo del mare e che ha restituito all’Umanità forse l’oggetto più misterioso dell’archeologia: il meccanismo di Antikythera.
.

Questo strano oggetto, oggi conservato al museo archeologico nazionale di Atene, fu ritrovato nel 1902 al largo dell’isola omonima, alla profondità di circa 43 metri. Si trovava all’interno di un relitto di una nave commerciale, naufragata presumibilmente nel I secolo a.C..

La sua storia
Il 17 maggio 1902 l’archeologo Valerios Stais, esaminando i reperti recuperati da un relitto, notò che un blocco di pietra presentava un ingranaggio inglobato al suo interno. Dopo un più approfondito esame si scoprì che quello che era sembrato inizialmente un blocco di pietra era in realtà un meccanismo fortemente incrostato e corroso, di cui erano sopravvissute tre parti e decine di frammenti minori. Una scoperta straordinaria seguita da numerose missioni di ricerca. Nel 1976 l’equipe del comandante Cousteau effettuò nuove indagini sul relitto, portando alla luce dei resti di ossa, probabilmente di quattro individui appartenenti all’equipaggio.

Nel 2012, un nuovo team, guidato da Brendan Foley dell’Istituto oceanografico Woods Hole tornò ad Antikythera alla ricerca di nuovi reperti che potessero aiutare a svelare i misteri del meccanismo. La ricerca riprese nel 2017 dall’università svedese di Lund che furono in grado di ritrovare il sito originale del relitto, con il suo carico disperso, distribuito lungo un pendio di 55 metri. Purtroppo, gran parte dello scafo era stato divorato dall’azione degli animali marini e la ricerca si concentrò nella ricerca di frammenti di qualche utilità.

Thanassis Stavrakis, Associated Press

Uno dei meccanismi più misteriosi al mondo
Per oltre un secolo, archeologi e scienziati hanno cercato di comprendere a che cosa servisse quel misterioso meccanismo, che appare fuori dal suo tempo per la sofisticatezza dei suoi elementi. Varie parti del congegno sono infatti costituite da minuscoli ingranaggi inseriti in spazi molto ridotti. Per dare un’idea, il meccanismo contiene un settore di soli sette millimetri con cinque ingranaggi.

Gli archeologi ritengono si tratti di un sistema di calcolo astronomico, realizzato in base al ciclo metonico, ovvero un ciclo celeste scoperto dall’ateniese Metone nel 432 a.C. e poi perfezionato da Callippo di Cizico nel 330 a.C.. In realtà, questo ciclo era già conosciuto in Mesopotamia almeno dal VI secolo a.C. e su di esso si basava il calendario babilonese, dal quale derivò quello ebraico che è tuttora in uso in Israele. Il ciclo metonico era composto da 235 mesi lunari ripartiti in 12 anni di 12 mesi lunari (ogni mese lunare sono circa 29 giorni) e 7 anni di 13 mesi.

da Greek Reporter

Nel 2008, Alexander Jones, un ricercatore dell’Istituto per gli Studi sul Mondo Antico di New York, riuscì a tradurre alcune iscrizioni interne, scoprendo che i nomi dei mesi incisi sul meccanismo erano gli stessi utilizzati nelle colonie corinzie della Magna Grecia, in particolare a Siracusa. Inoltre, nel 2010 fu scoperto che quella macchina era in grado di calcolare eclissi, fasi lunari ed il moto dei cinque pianeti noti nell’antichità.

Dall’analisi dei 3.500 caratteri presenti sui pezzi della macchina, lo studioso ritenne che, più che un sistema di calcolo, il meccanismo potesse essere considerato una guida scientifica del cielo. Un almanacco stellare di straordinaria fattura. Nell’ultimo decennio, le tecnologie di scansione tridimensionale hanno permesso ai ricercatori di osservare i meccanismi interni che ne fanno, con terminologia moderna, uno dei primi computer analogici al mondo. Il suo uso potrebbe essere quindi quello di un dispositivo di tracciamento o addirittura di predizione di eventi astronomici come cicli lunari, solari ed eclissi. Un sofisticato orologio la cui manifattura doveva presupporre conoscenze matematiche ed astronomiche avanzate per l’epoca, un vero sistema automatizzato delle effemeridi stellari.

Ricerca con metal detector sul sito dell’isola di Antikythera (Brett Seymour, ARGO via Greek Culture Ministry, Associated Press)

Una cosa interessante è che sebbene il sito di Antikythera, avendo restituito monete e molti reperti, possa essere fatto risalire al primo secolo avanti Cristo, la tecnologia del meccanismo di Antikythera sembra essere molto più avanzata di qualsiasi tecnologia conosciuta a quel tempo. 

Una nuova scoperta
Le ricerche continuano da anni ed il sito continua a restituire sempre nuove scoperte. Come ricorderete in alcuni articoli precedenti, sono stati individuati frammenti ossei che potrebbero essere appartenuti ad altri membri dell’equipaggio della nave. I ricercatori dell’Ephorate of Underwater Antiquities ellenico e dell’università svedese di Lund hanno ora però fatto una nuova scoperta.

Oltre ad artefatti, frammenti di statue in bronzo ed in marmo ed un coperchio di sarcofago, gli archeologi hanno ritrovato un nuovo misterioso disco di bronzo le cui ispezioni, effettuate ai raggi X, hanno restituito l’immagine enigmatica di un toro. Faceva forse parte del meccanismo originale da cui si è distaccato?

L’oggetto misura circa otto centimetri e ha quattro braccia con fori per perni o viti, una struttura che lo rende molto simile, anche se in piccolo, al precedente.

I ricercatori ipotizzano possa essere un pezzo mancante del meccanismo di Antikythera, una specie di coperchio di qualche altre parte presentante un elemento decorativo riportante un disegno di toro.

La sua scoperta fa sperare possano essere ritrovate altre parti del disco che aiutino a meglio comprendere il suo utilizzo. Tra di esse, una parte dell’ingranaggio planetario mancante nel meccanismo di Antikythera, che risulterebbe però presente dall’analisi delle iscrizioni interne. Un’altra intrigante teoria è che possa trattarsi di un altro meccanismo trasportato sulla nave, cosa che aggiungerebbe al mistero nuovi lati oscuri.

A chi erano destinati questi sofisticati strumenti? Forse ad un astronomo orientale? Il disegno del toro potrebbe avere una relazione con la costellazione del Toro? Le ipotesi sono tutte valide e forse la soluzione è ancora tra le sabbie del fondo del mare greco.

Andrea Mucedola

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 824 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »